tipress
CANTONE
08.01.21 - 18:070

«È ora di aprire davvero il portafogli»

Il governo attende ancora notizie da Berna. E i sindacati premono per la ristorazione. Gobbi: «Settore da aiutare»

Pellegrini (Ocst): «Il lavoro ridotto non basta. Cantone e Confederazione devono venire in soccorso delle imprese».

BELLINZONA - La settimana è finita, e da Berna nessuna notizia. A Palazzo delle Orsoline si attendono ancora le indicazioni del Consiglio federale, per confermare la proroga delle misure anti-Covid fino a marzo. Intanto i sindacati hanno iniziato un forte pressing in soccorso - in particolare - del settore della ristorazione. 

Tra i due fuochi si trova il Consiglio di Stato. Norman Gobbi ai microfoni di Radio Ticino oggi ha invocato «un sostegno chiaro e immediato» ai ristoratori «e ai loro fornitori». Il presidente del Cds ha sottolineato l'importanza «anche sociale» del settore, e la posizione delicata del governo. «C'è chi chiede una chiusura totale, altri chiedono maggiori libertà e noi ci troviamo in mezzo».

Gli occhi sono puntati sul weekend. Nella seduta di ieri il Consiglio di Stato «non ha potuto prendere decisioni» ha sottolineato Gobbi, perché «il materiale atteso da Berna non era ancora arrivato». Il termine per la consultazione scade domenica sera, ma la situazione «è ancora tutt'altro che chiara anche per chi lavora nelle istituzioni». 

È già abbastanza chiara invece la posizione dei sindacati. In particolare l'Ocst ha lanciato un appello, affinché vengano erogati maggiori aiuti alle aziende. «Il lavoro ridotto è senz'altro uno strumento importante e fondamentale, ma non è sufficiente» osserva il segretario regionale Marco Pellegrini. «I lavoratori ricevono lo stipendio, ma rischiano di ritrovarsi senza più un datore di lavoro». 

Se durante il primo lockdown bar e ristoranti hanno potuto «fare fronte alle spese fisse con le proprie risorse» ora non è più così, avverte Pellegrini. «Il rischio è che anche aziende funzionanti, se prive di grandi accantonamenti, chiudano i battenti». Il settore è «fondamentale» soprattutto in territori come il Locarnese, ma anche nel Luganese e nelle Valli, ricorda il sindacalista. «È il momento che le istituzioni se ne occupino. C'è poco da girarci intorno: occorre aprire il portafogli».

Dal Cantone e dalla Confederazione il sindacalista auspica anche «chiarezza sulle tempistiche» in una prospettiva a lungo termine. «Non si può navigare a vista, di mese in mese. Le aziende vogliono sapere se nei prossimi tre-quattro mesi potranno aprire. E se non potranno, su quali aiuti potranno contare». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
4 min
Multe illegali per 28'800 franchi, ma niente rimborsi
«Sono stati sottratti illegalmente 28'000 franchi a 288 cittadini», così il copresidente del PS Fabrizio Sirica.
LAMONE
3 ore
Investito da un'auto: il ciclista 81enne non ce l'ha fatta
L'anziano era stato vittima di un incidente il 14 settembre in via Cantonale a Lamone.
CANTONE
5 ore
Covid in Ticino, 26 casi e ricoverati stabili
Non ci sono nuovi decessi né nuove quarantene di classe. Fermi a quota 18 gli ospedalizzati.
FOTO
BELLINZONA
7 ore
È stata un'estate complicata per gli animali selvatici
Tra aprile e fine agosto la Spab ha dovuto soccorrere un «numero impressionante» di bestiole in difficoltà.
BELLINZONA
9 ore
Forse c'è la svolta per i due "mostri"
Palazzine lasciate a metà in Viale Olgiati: tutto fermo da inizio 2019. Proprietaria vicina alla cessione del progetto.
CANTONE
9 ore
Aghi, inchiostro e quel vuoto (formativo) da colmare
Per diventare tatuatore a oggi non esiste alcuna formazione regolamentata e ufficialmente riconosciuta.
FOTO
BREGGIA
21 ore
Gli alberi stanno tornando in piazza
Le piante erano state rimosse lo scorso marzo per i lavori di valorizzazione a Cabbio
MENDRISIO
23 ore
Si getta ancora la spugna, niente Fiera di San Martino
La tradizionale fiera di novembre non avrà luogo per il secondo anno di fila: «Decisione sofferta, ma obbligata»
LUGANO
1 gior
Oltre 7'200 veicoli controllati durante "Bimbi sicuri"
La maggioranza degli utenti della strada si comporta con prudenza, ma c'è qualche eccezione...
LUGANO
1 gior
Arresto "da film" sul lungolago: erano due truffatori
Le due persone fermate giovedì scorso sono sospettate di aver tentato una truffa di tipo "rip-deal".
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile