Tamedia
CANTONE
08.01.21 - 11:110
Aggiornamento : 16:13

In Ticino è arrivata anche la variante inglese

La conferma giunge oggi dalle autorità sanitarie cantonali: tre i casi accertati

Lo scorso 1. gennaio era invece già stata comunicata la presenza del ceppo sudafricano del virus

BELLINZONA - Dopo la conferma del primo caso di variante sudafricana in Ticino, reso noto lo scorso 1. gennaio, l’Ufficio del medico cantonale ha ricevuto informazione ieri sera che tre persone risultate positive negli scorsi giorni al Covid-19 sono da ricondurre al ceppo inglese del virus. È quanto fanno sapere oggi le autorità sanitarie cantonali.

Come noto la mutazione del virus ha già raggiunto la Svizzera e i casi confermati sono in crescita. È verosimile che i casi nel prossimo futuro continueranno a emergere nel Paese, Ticino compreso.

I provvedimenti - Da quando la variante inglese e quella sudafricana del virus hanno cominciato a diffondersi, anche la Svizzera ha adottato provvedimenti specifici per chi entra in Svizzera in provenienza da Gran Bretagna o Sudafrica. Lo stesso vale per il Ticino, che ha informato gli operatori sanitari, istituendo una procedura specifica per identificare i possibili casi sospetti fra i casi positivi di Covid-19.

Sono tre i criteri che rendono sospetto un caso positivo: un soggiorno in Gran Bretagna o Sudafrica; un contatto stretto con un caso accertato di variante inglese o sudafricana; un'evidenza particolare riconosciuta in fase di analisi di laboratorio ordinaria tramite test PCR.

Quando uno di questi tre criteri si verifica, il campione del paziente viene inviato a uno dei laboratori specializzati nel cosiddetto sequenziaggio del virus. Il paziente, nel frattempo, segue il normale isolamento previsto dalle procedure. I suoi contatti stretti posti in quarantena vengono invece sottoposti al tampone.

La situazione in Svizzera

In Svizzera e nel Liechtenstein sono ora 88 i casi di varianti britannica e sudafricana del coronavirus. Lo ha dichiarato a Keystone-ATS l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

Si tratta di un aumento notevole, considerando che due giorni fa il numero di contagiati era 37. I casi sono emersi in 11 cantoni e nel Principato. Un incremento particolarmente marcato è segnalato nel canton Berna, dove nel giro di ventiquattro ore si è passati da quattro a 18 casi.

Berna è così anche al primo posto di questa sgradita classifica, a pari merito con Vaud, seguita da Ginevra (16 casi) e Zurigo (13, fino a ieri solo sette). Più tranquilla la situazione in Vallese (7), Ticino (4), a San Gallo (4), nei Grigioni (3) e nel Liechtenstein (3).

Le nuove varianti del virus, secondo gli esperti, non sono più pericolose ma molto più contagiose.

(ATS)

TOP NEWS Ticino
FOTO
BREGGIA
7 ore
Gli alberi stanno tornando in piazza
Le piante erano state rimosse lo scorso marzo per i lavori di valorizzazione a Cabbio
MENDRISIO
9 ore
Si getta ancora la spugna, niente Fiera di San Martino
La tradizionale fiera di novembre non avrà luogo per il secondo anno di fila: «Decisione sofferta, ma obbligata»
LUGANO
10 ore
Oltre 7'200 veicoli controllati durante "Bimbi sicuri"
La maggioranza degli utenti della strada si comporta con prudenza, ma c'è qualche eccezione...
LUGANO
13 ore
Arresto "da film" sul lungolago: erano due truffatori
Le due persone fermate giovedì scorso sono sospettate di aver tentato una truffa di tipo "rip-deal".
CANTONE
15 ore
Un weekend con 38 contagi
Le strutture sanitarie accolgono 18 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
16 ore
Smaltire i rifiuti costerà meno
Dal primo gennaio 2022 il Cantone ha previsto una riduzione di dieci franchi per ogni tonnellata smaltita dai Comuni.
LUGANO
19 ore
Sempre più studenti ammassati sui bus
Grossi problemi su alcune linee. In particolare al mattino tra le 7.30 e le 8.15. La TPL cerca di correre ai ripari.
FOTO
CANTONE
19 ore
Fare del tempo libero un lavoro: alla Supsi si può
Il Bachelor in Leisure Management è un unicum in Svizzera. Ne abbiamo parlato con il responsabile Alessandro Siviero.
AUSTRIA
1 gior
Il vetraio Luca si porta a casa il bronzo
Una competizione memorabile per la Nazionale Svizzera delle professioni, che ha ottenuto 14 medaglie
CANTONE
1 gior
«C'è chi ha chiesto di entrare senza certificato, né mascherina»
Alle lamentele di alcuni familiari, che segnalano incongruenze nelle nuove normative, risponde il direttore di LIS.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile