lettore tio/20minuti
+4
BELLINZONA
06.01.21 - 08:080
Aggiornamento : 10:20

«Multe e segnalazioni non servono a nulla»

Una bellinzonese denuncia il protrarsi di infrazioni su un marciapiede in via San Gottardo.

Qui le auto continuano a sostare nonostante sia vietato. La Polizia dopo i diversi interventi: «Non possiamo "piantonare" il luogo. Non v'è soluzione»

BELLINZONA - Un rompicapo che sembra irrisolvibile sta diventando il tormento della bellinzonese G*. Da mesi la donna continua a denunciare alle autorità comunali e alla locale polizia una situazione di disagio dovuta all'intralcio quotidiano delle auto che stanziano sul marciapiede, al numero 52 di Via San Gottardo.

Qui, da più o meno lo stesso periodo, un negozio di frutta e verdura ha preso il posto di una precedente attività che si occupava di abbigliamento. La differenza tra i due esercizi non sta solo nella merce venduta. «Il vecchio esercente - sottolinea la donna - impediva alle auto di posteggiare sul marciapiede».

Transito «difficile e pericoloso» - Con la nuova attività le attenzioni a ciò che avviene nello spazio esterno al negozio sembrano essere venute meno (come d'altra parte dimostrano alcune foto scattate in giorni e momenti diversi). A ciò si aggiunge il fortunato andamento della nuova attività commerciale e il conseguente aumento di traffico che, secondo G., in alcuni momenti «rende difficile e pericoloso il transito a piedi sul marciapiede». Va detto che quello spazio non prevede né la sosta, né il posteggio delle auto. Insomma, un'irregolarità bella e buona.

Il primo intervento di Polizia - Irregolarità confermata delle stesse autorità cittadine. Ancora in giugno, il comandante della Polizia di Bellinzona, Ivano Beltraminelli, rispondeva così alla denuncia della cittadina: «La fattispecie ci è conosciuta e gode della nostra attenzione. La possiamo informare che siamo peraltro già intervenuti nei confronti dei gestori del negozio in modo che abbiano a gestire la situazione con rispetto alle normative in materia di posteggi». Lo stesso comandante invitava la donna a chiamare la centrale operativa qualora fossero notate ancora situazioni non conformi.

I problemi proseguono, nonostante le multe - Che non hanno tardato a ripresentarsi. E, va detto, la polizia è più volte intervenuta. I circa 120 franchi di multa, tuttavia, non sono bastati a dissuadere gli automobilisti che quotidianamente tornano a sfruttare quel marciapiede per la sosta. «E non solo per comprare frutta e verdura, ma anche per recarsi al negozio di kebab di fronte o al bar», denuncia la donna.

Nuova denuncia, ma «non c'è soluzione» - G. è esasperata. In autunno riscrive un'ennesima lettera. Il comando di Polizia risponde di nuovo, non nascondendo una certa impotenza di fronte alla situazione: «Per il momento - si legge - non possiamo fare altro che confermare la situazione che ci è conosciuta ed è stata oggetto di diversi interventi di Polizia». «Le possiamo assicurare - prosegue lo scritto - che in tale conseguenza sono state elevate diverse contravvenzioni e che la situazione è costantemente controllata. Abbiamo pure preso contatto con i responsabili del negozio, rendendoli attenti a una migliore gestione quanto ai veicoli della clientela. Appare però del tutto evidente che non possiamo "piantonare" il luogo e d'altra parte al momento non vi sono altre soluzione che non l'intervento sanzionatorio tramite specifiche contravvenzioni». E se, assicura il comando di Polizia «la situazione è migliorata», non lo è tuttavia «in maniera definitiva».

«Non aspettiamo che ci sia un incidente» - G. continua ad essere preoccupata. Non tanto per lei, quanto per la madre che, anziana, si trova a dover fare lo slalom tra i veicoli: «Porta apparecchi acustici, si muove a fatica. Già è capitato che l'abbiano quasi investita. Deve avvenire un incidente prima che si faccia qualcosa?».

lettore tio/20minuti
Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
5 ore
È senza terrazza, come farà?
Lorenzo Albrici, chef stellato, da quattro mesi non guadagna un soldo. E anche il 19 aprile resterà "a bocca asciutta"
CANTONE
8 ore
Le incognite sono troppe, Estival Jazz getta la spugna
A confermarlo è l'organizzatore Andreas Wyden: «Non poteva essere fatto così come lo conosciamo»
CANTONE
8 ore
Allentamenti, Lega insoddisfatta: «Riaprire subito!»
Per il partito di via Monte Boglia il lockdown «non è più sostenibile» e nemmeno sostenuto dalla popolazione.
LUGANO
11 ore
Dieci giorni all'ex Macello: «Poi la polizia»
Scatta il secondo ultimatum del Municipio. Ma si slitta a dopo le elezioni
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
11 ore
Grave incidente a Gudo, strada riaperta
Un'auto, dopo aver sbattuto contro il guardrail, è uscita di strada prima della curva a esse, finendo nella scarpata
CANTONE
14 ore
Consuntivo influenzato dalla pandemia
Il 2020 si chiude con un disavanzo d’esercizio di 165.1 milioni di franchi
LUGANO
16 ore
Nasce il movimento di chi si sente tradito… dalla Città
La piattaforma villaggitraditi.ch dedica il primo capitolo alla piscina di Carona e al controverso progetto di “glamping” 
CANTONE
16 ore
76 nuovi contagi in Ticino, un decesso
8 i nuovi ricoveri e 4 i dimessi. Salgono gli ospedalizzati, oggi a quota 89.
LUGANO
20 ore
«Non stiamo contattando artisti, troppa incertezza»
Il Covid soffoca la cultura. Carmelo Rifici, direttore artistico del LAC: «Così non si possono fare pianificazioni».
CANTONE
21 ore
La pandemia in Ticino viaggia in Tesla
Le auto elettriche e ibride hanno raddoppiato le vendite negli ultimi mesi. Chi le acquista?
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile