Foto di Alessandro Della Bella
CANTONE
25.01.21 - 06:000
Aggiornamento : 10:55

«Ci si mette anche la burocrazia, così spariremo tutti»

Piccoli artisti alla canna del gas a causa del Covid. Il grido disperato di Cristina Castrillo, co fondatrice del TASI.

«Viviamo nella precarietà. Per ottenere un aiuto statale bisogna continuare a riempire formulari. A dare giustificazioni. Ma che vai a giustificare in un momento come questo?»

LUGANO - «Il teatro indipendente è sempre stato precario per sua natura. Immaginatevi ora con la pandemia. Rischiamo di perdere un patrimonio culturale enorme». Non si contano i sospiri di Cristina Castrillo, responsabile del Teatro delle radici e co fondatrice del TASI (Teatri associati della Svizzera Italiana). È lei a raccontare il dolore di quella che definisce “ultima ruota del carro”. Una sofferenza contraddistinta da più fattori. «Non possiamo pianificare spettacoli. Né in patria. Né all’estero. E poi accedere a eventuali aiuti statali è complicatissimo».

Ecco. Partiamo da questo. Non vi aiutano?
«L’intenzione sembrerebbe esserci. Ma c’è una burocrazia enorme. Bisogna continuare a riempire formulari. A dare giustificazioni. Ma che vai a giustificare in un momento come questo? Ci sono artisti che hanno dimostrato sul campo il loro valore e che vengono letteralmente umiliati dalla burocrazia». 

Qual è il problema burocratico principale?
«Dovere illustrare progetti che non sai se potrai concretizzare. Ti chiedono ogni virgola. Era già così prima. Col Covid-19 tutto è peggiorato. È come se ti dovessi presentare da capo, come se non avessi mai fatto niente finora. Non puoi in un periodo del genere abbinare la cultura alla burocrazia». 

Qualcuno direbbe che la cultura non rappresenta una priorità ora come ora...
«È vero. Per vivere c’è bisogno di mangiare. Ma c’è necessità anche d’altro. In tutti i sensi. I big saranno probabilmente salvati. Nessuno si rifiuterebbe mai di dare una mano al LAC di Lugano. Giustamente, lo sottolineo. Noi piccoli abbiamo paura di essere facilmente sacrificabili. E siamo a centinaia. La politica può e deve fare una riflessione a 360 gradi. La scena indipendente andrebbe aiutata a occhi chiusi, perché in questi decenni ha dato voce alla cultura del nostro territorio».

L’incertezza va avanti da quasi un anno. Come si tira alla fine del mese?
«Ci si arrangia come si può. Alcuni hanno lanciato progetti online. Altri beneficiano di qualche aiuto. C’è tanto scoramento. È arrivato il vaccino, ma questo non risolve le nostre difficoltà nell’immediato. Il vero problema è che ci vuole tempo per pianificare uno spettacolo. E siccome non sai cosa ti aspetta nei prossimi mesi, e con quali condizioni, ti ritrovi nella nebbia. Molte piccole compagnie della Svizzera italiana viaggiavano tanto all’estero. Tutto questo è crollato e non si sa quando potrà riprendere».

C’è chi sta per gettare la spugna?
«Rischiamo davvero di perdere tanti bravi artisti per strada. Confido sul fatto che chi viene dal mondo del teatro indipendente è abituato alle difficoltà. Ma stavolta serve davvero tanto carattere».   

Perché è importante sostenere la scena dei piccoli artisti indipendenti?
«Perché non è un settore di nicchia. Ha un ruolo sociale per la collettività. Vi racconto un aneddoto. Uno dei pochi spettacoli che siamo riusciti a portare sul palco nel 2020 è stato a novembre. A Lugano è andato in scena Re-cordari per i 40 anni del Teatro delle Radici. Le limitazioni anti Covid prevedevano un massimo di 30 persone tra il pubblico. Erano tutte entusiaste oltre che diligenti nel rispettare le regole. Quelle persone erano lì per dire che è importante essere presenti anche in un momento così. Avevano fame, fame di cultura. Anche questo è nutrimento».

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
2 ore
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
2 ore
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
FOTO
LUGANO
5 ore
In piazza per dire "no" alle restrizioni anti-Covid
Una manifestazione indetta dagli Amici della Costituzione ha luogo oggi a Lugano
Novazzano
10 ore
Dopo la rapina, l'interrogazione: «Chiudere i valichi secondari di sera»
Lo scorso giovedì è stata effettuato un furto a mano armata in un distributore di benzina
CANTONE
12 ore
Nuova Legge sulla ristorazione: più la mandi giù, più torna Su...ter
In dirittura la nuova Lear che rivoluziona l'accesso alla gerenza: «Servono meno corsi e più solidità finanziaria»
CANTONE
23 ore
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
LUGANO
1 gior
Sanitari non vaccinati licenziati alla Moncucco, rifiutavano i test
«Chi non si sottopone al vaccino e nemmeno ai test non può lavorare in Clinica», così il direttore Christian Camponovo.
CANTONE
1 gior
Si aprono oggi le porte dello Swiss Virtual Expo
Sono già diversi gli eventi in programma nelle prossime settimane
CANTONE
1 gior
I prossimi radar? Ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili risparmieranno solo la Vallemaggia.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile