Il contributo del Cantone al Polo sportivo fa discutere
TiPress - foto d'archivio
LUGANO
04.01.21 - 09:340
Aggiornamento : 10:13

Il contributo del Cantone al Polo sportivo fa discutere

Presentata un'interrogazione al Consiglio di Stato, che metterà a disposizione 7 milioni su 229 di investimento totale

LUGANO - Il progetto del Polo Sportivo e degli eventi (PSE) di Lugano procede. Prima di Natale la Città ha allestito l'accordo generale di partenariato pubblico privato con il gruppo HRS di Frauenfeld. Ma c'è un dettaglio che è destinato a far discutere: il contributo del Cantone al progetto.

A fronte di un investimento totale stimato in 229 milioni di franchi, infatti, il Cantone - attraverso il Fondo Sport Toto - ne mette a disposizione 7. «La delusione è stata chiaramente manifestata dall’Esecutivo cittadino», si legge nella premessa di un'interrogazione giunta oggi sul tavolo del Consiglio di Stato. A presentarla sono stati Paolo Ortelli (PLR) e cofirmatari (Aron Piezzi, Boris Bignasca, Henrik Bang, Lorenzo Jelmini, Fabio Schnellmann, Alessandro Cedraschi).

In particolare, il deputato porta l'esempio di intervento di altri governi cantonali nelle edificazioni di nuovi impianti. Contributi che variano in percentuale tra il 10% e il 33% dell’investimento. Mentre a Lugano si parla di 7 milioni su un totale di oltre duecento. Il quesito principale, quindi, è uno: «Il Cantone continua a riconoscere il progetto del Polo Sportivo ed eventi quale progetto infrastrutturale di valenza cantonale?».

Le 11 domande dell'interrogazione:

1. Quanto riportato dalla stampa corrisponde al vero?
2. Sono previste altre forme di accordi su contributi finanziari a fondo perso?
3. Sulla base di quali criteri il CdS ha deciso per un tale importo?
4. L’importo contributivo limitato è dettato da ragioni contingenti legate alla situazione finanziaria del Cantone tornata nelle cifre rosse a causa della pandemia?
5. Da altri fattori? Se si da quali?
6. Il Cantone continua a riconoscere il progetto del Polo Sportivo ed Eventi quale progetto infrastrutturale di valenza cantonale così come espresso recentemente più volte, e che trova nelle parole dell’ex Consigliere di Stato Gabriele Gendotti, risalenti al 2008, l’espressione, mai contestata dall’attuale Esecutivo cantonale, con la denominazione di logica di “Stadio Ticino”?
7. Se no, per quali ragioni?
8. Se il Cantone continua a ritenere il PSE come progetto di valenza sportiva e sociale cantonale ritiene il contributo proposto a sostegno del progetto di entità adeguata?
9. Il Cantone non ha mai immaginato che una tale infrastruttura, proprio perché adeguatamente sostenuta da parte del Cantone, possa porsi quale importante investimento indiretto a favore dell’intero sport ticinese, anche nel nome della spesso solo decantata valenza sociale della cultura sportiva, e quindi di fatto “imporre” uno statuto di casa dello sport d’élite Ticinese per le discipline in esso esercitabili?
10. Qualora, ad esempio in futuro, come gli sportivi ticinesi possono solo augurarsi, ritroveremo un’altra compagine cantonale nell’élite del calcio nazionale o di altre discipline, il Cantone intende sostenere nuovamente una nuova infrastruttura?
11. L’accordo di partecipazione finanziaria proposto e sostenuto dall’Esecutivo luganese tra investitori pubblici e privati prevede un finanziamento pubblico spalmato su più anni (27). Questo fatto non potrebbe indurre il Cantone a far valere in modo fattivo e concreto il riconoscimento della valenza cantonale dell’infrastruttura prevedendo un analogo e parallelo approccio di sostegno finanziario costante e spalmato nel tempo? Quindi valutando di entrare in materia immaginando un contributo a fondo perso di entità maggiore?

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mamarco 8 mesi fa su tio
Immagino che la cosa sia stata discussa tra i vari consiglieri. In un cantone come il nostro, con i forti campanilismi che vi abitano, é difficile che si possa accettare che Lugano metà una marcia in più.
vulpus 8 mesi fa su tio
Ma cari politici luganesi: invece che criticare il consiglio di stato, che ha elargito milioni a tutti per attenuare i problemi della pandemia, perchè non provate a ridurre le vostre aspirazioni e realizzare qualcosa di meno mega. Già sarà un suicidio per l'attuale centro città, con lo spostamento del polo amministrativo in posizione periferica, con ciò che ne consegue. Le necessità sono quelle di un vampo di calcio decente, se si vuole continuare ad aspirare a rimanere nella massima lega. Poi il resto può benissimo essere realizzato sfruttando quanto già esiste nella mega città di Lugano. Se pensiamo a quanti progetti sono in ballo da anni e mai concretizzati, qualche motivo sicuramente esiste: e non può essere che i progetti sono troppo costosi e non ci sono le risorse.
F/A-19 8 mesi fa su tio
@vulpus Ma oramai le decisioni per gli amici degli amici sono già prese, hanno costruito e quindi investito in quella zona in quanto sapevano di queste grandi manovre e indovina quali sono i gruppi che hanno fatto affari su di la?
seo56 8 mesi fa su tio
Non fa discutere ma in un momento così é semplicemente vergognoso
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
2 ore
Tensione alle stelle, rissa e partita sospesa
Doveva essere un incontro (calcistico) quello fra Semine e Locarno. Ma si è trasformato in scontro (fisico).
CANTONE
4 ore
Il terrorismo sbarca a Lugano, raccontato da chi l'ha vissuto
La figlia di Aldo Moro insieme ai colpevoli: una «giustizia riparativa» per andare avanti
MENDRISIO
17 ore
«Salverei il mio rosso che è stato servito anche alla Casa Bianca»
Novantadue anni lui, 190 l'azienda. Cesare Valsangiacomo racconta perché l'attuale non è la stagione più difficile
LUGANO
17 ore
Festa non autorizzata nel parco di Villa Saroli
La scorsa notte la polizia è intervenuta per disperdere oltre un centinaio di giovani e ripristinare la quiete pubblica
CANTONE
19 ore
Caso Eitan: «Nessun controllo dalla Polizia cantonale»
La precisazione dopo la fuga passata dallo scalo di Agno: «Non siamo stati noi a intervenire»
CANTONE / BERNA
20 ore
«Noi donne non rendiamo meno degli uomini. Nè sul lavoro, nè a casa»
Sindacati e organizzazioni femministe a Berna contro la riforma dell'AVS.
LUGANO
1 gior
Il nonno di Eitan fermato dalla polizia ticinese per un controllo
Poche le informazioni invece sul misterioso guidatore che ha accompagnato i due all'aeroporto.
BELLINZONA
1 gior
Il Palazzo delle Orsoline e la fontana si accendono di arancione
La settimana d’azione “Sicurezza dei pazienti 2021”, appena terminata, mira a sensibilizzare l'opinione pubblica
LUGANO
1 gior
Premi svizzeri di musica consegnati al LAC
Alla cerimonia era presente anche il Consigliere federale Alain Berset
LUGANO
1 gior
Eitan in aeroporto: «Non potevamo saperlo»
Lugano-Airport si smarca sul caso del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile