Non solo mamma, c'è anche il papà: è «un cambiamento ideologico»
Keystone - foto d'archivio
CANTONE
04.01.21 - 07:410
Aggiornamento : 16:36

Non solo mamma, c'è anche il papà: è «un cambiamento ideologico»

Dal 1. gennaio è scattato il nuovo diritto al congedo, un «momento storico per la politica famigliare svizzera»

Ma il sindacato OCST ha intenzione di «vigilare su situazioni in azienda che potrebbero disincentivare l'utilizzo del congedo».

BELLINZONA - Il congedo paternità è realtà. Una gioia per i bimbi nati dalla mezzanotte del 1. gennaio 2021 e le loro famiglie. Un progresso sociale altamente celebrato, che rappresenta anche un cambio culturale importante per il nostro Paese. La società, infatti, passa dal non prevedere nulla (o quasi) al riconoscere il ruolo e l’importanza del papà “a casa” nei primi mesi di vita del bambino. Ed è proprio la reazione a questo mutamento a destare qualche preoccupazione.

Dal voto (era il 27 settembre) a oggi sono molte le domande poste da futuri padri al sindacato OCST. «Da parte nostra monitoreremo la situazione per evitare che questo momento di gioia si trasformi in uno strumento di pressione da parte di alcuni datori di lavoro allo scopo di disincentivare l’utilizzo di questo congedo», ha dichiarato il vicesegretario regionale Giorgio Fonio. Che aggiunge: «Io sono convinto che la stragrande maggioranza delle aziende è felice di poter contribuire, ma ci saranno alcune situazioni in cui i datori di lavoro faranno fatica a capire che il suo dipendente mancherà dal lavoro qualche giorno».

Ma si tratta di un (nuovo) diritto. Che come tale è "facoltativo": è cioè il lavoratore a decidere se e quando prendere congedo. E il neo papà potrebbe decidere di non usufruirne o di limitarsi a chiedere meno di dieci giorni, anche a causa di pressioni o paure. Ed è su queste situazioni che il sindacato intende vigilare. «La vera “problematica” è più che altro culturale, ideologica. Ma non dobbiamo dimenticare che è un enorme passo avanti - aggiunge Fonio -. E dieci giorni sull’arco di sei mesi non rappresentano un problema per le aziende. Mentre i papà potranno partecipare, ad esempio, alla prima visita dal pediatra o all’inserimento al nido». Per il datore di lavoro, inoltre, non rappresenta un costo: la compensazione è fissata all'80% del reddito attraverso il regime di indennità per perdita di guadagno.

«È un momento storico per la politica famigliare svizzera - conclude Fonio -. Che il 2021 sia davvero l’inizio di una società che riconosce non solo il ruolo della mamma, ma anche quello del papà presente nella vita familiare nel momento straordinario dell’arrivo di un bambino».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F/A-19 9 mesi fa su tio
Un’altra aggravio per chi fa impresa, vorrà dire che il costo della vita aumenterà ancora di più e la competivita’ diminuirà isolandoci sempre più dal mercato mondiale. Sempre peggio.
seo56 9 mesi fa su tio
No comment!!
Volpino. 9 mesi fa su tio
Giusto perché i bambini in tenera età hanno bisogno di compensazione emotiva per crescere equilibrati, altrimenti diventano mammoni.
Ffc 9 mesi fa su tio
In merito ad un articolo precedente che non posso più commentare: Il Signore ti viene incontro? Di chi parliamo? Yahweh? Yahweh si occupava sono di Israele (Giacobbe) e dei suoi discendenti; del resto del mondo non glie ne fregava nulla e andava ammazzato. Se mi venisse incontro, sarebbe per starminarmi, cosa che faceva secondo quello che ci dice tutta la Bibbia. I suoi appetiti? Beveva 5 litri di vino al giorno e guarda caso il Vaticano é lo stato con più richieste di vino al mondo.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CURIO
1 ora
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
2 ore
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
2 ore
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
3 ore
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
5 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
8 ore
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
9 ore
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
CANTONE
12 ore
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
FOTO
CANTONE
13 ore
«Dentro il tunnel c'era uno scenario apocalittico»
Era il 24 ottobre 2001, quando nella galleria del San Gottardo morirono undici persone in un tragico incendio
CANTONE
16 ore
«Le ragazze non sono tornate»
Da qualche mese i locali a luci rosse dovrebbero aver ripreso l'attività a pieno regime. Ma così non è.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile