tipress
CANTONE
31.12.20 - 06:000

Vaccino: «La gente non vuole atti di coraggio, ma certezze»

Le Autorità ticinesi non si mostreranno con "l'ago nel braccio". Il commento dell'esperto.

Il pubblicitario Michel Ferrise riflette sulla scelta del Governo di «evitare di spettacolarizzare» la vaccinazione.

BELLINZONA - Sono partite la campagne di vaccinazione. E la popolazione si è letteralmente divisa sull'argomento. Da una parte ci sono i favorevoli, dall'altra gli scettici o i cosiddetti "no vax". È quindi con l'intento di convertire i non favorevoli che diversi politici nel mondo hanno iniziato a mostrarsi pubblicamente con l'ago letteralmente nel braccio. In controtendenza paiono voler essere le autorità ticinesi che, per scelta, hanno affermato di voler evitare di fare «spettacolarizzazione».

C'è una via giusta e una sbagliata, almeno in termini di comunicazione? «Il discorso è molto delicato perché, in questo caso, non stiamo parlando di fare da testimonial a una bibita o un telefonino», premette l'esperto di marketing ticinese Michel Ferrise.  «Qui - prosegue - si entra in un campo delicato che riguarda da una parte le convinzioni personali di chi si sottopone alla vaccinazione, dall'altra quelle di chi guarda quelle immagini anche con un certo scetticismo».

Il riferimento di Ferrise va a quanto sta accadendo oggi in rete: «Quanti sembrano essere convinti che quelle immagini siano false? Si chiedono se effettivamente quelle persone si stanno iniettando il vaccino. Questo interrogativo pesca da un'insicurezza di fondo. In pratica la gente vuole garanzie concrete circa l'efficacia di questo farmaco, non dimostrazioni di coraggio».

Insomma, il pubblicitario ammette di non essere in disaccordo con la scelta del Governo Ticinese: «A parte che credo che il vaccino spetti prima di tutto a chi ne ha bisogno, poi ribadisco: è una scelta personale. E come tale deve essere privata. Deve essere rispettato il diritto alla riservatezza».

Sulla sua di scelta, invece, Ferrise si sbottona tranquillamente. D'altra parte ha un "asso nella manica": «Posso permettermi di aspettare, il Covid l'ho fatto e, per fortuna, ne sono uscito. Almeno per un po' sono coperto».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
6 ore
È senza terrazza, come farà?
Lorenzo Albrici, chef stellato, da quattro mesi non guadagna un soldo. E anche il 19 aprile resterà "a bocca asciutta"
CANTONE
8 ore
Le incognite sono troppe, Estival Jazz getta la spugna
A confermarlo è l'organizzatore Andreas Wyden: «Non poteva essere fatto così come lo conosciamo»
CANTONE
9 ore
Allentamenti, Lega insoddisfatta: «Riaprire subito!»
Per il partito di via Monte Boglia il lockdown «non è più sostenibile» e nemmeno sostenuto dalla popolazione.
LUGANO
11 ore
Dieci giorni all'ex Macello: «Poi la polizia»
Scatta il secondo ultimatum del Municipio. Ma si slitta a dopo le elezioni
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
11 ore
Grave incidente a Gudo, strada riaperta
Un'auto, dopo aver sbattuto contro il guardrail, è uscita di strada prima della curva a esse, finendo nella scarpata
CANTONE
14 ore
Consuntivo influenzato dalla pandemia
Il 2020 si chiude con un disavanzo d’esercizio di 165.1 milioni di franchi
LUGANO
16 ore
Nasce il movimento di chi si sente tradito… dalla Città
La piattaforma villaggitraditi.ch dedica il primo capitolo alla piscina di Carona e al controverso progetto di “glamping” 
CANTONE
17 ore
76 nuovi contagi in Ticino, un decesso
8 i nuovi ricoveri e 4 i dimessi. Salgono gli ospedalizzati, oggi a quota 89.
LUGANO
20 ore
«Non stiamo contattando artisti, troppa incertezza»
Il Covid soffoca la cultura. Carmelo Rifici, direttore artistico del LAC: «Così non si possono fare pianificazioni».
CANTONE
21 ore
La pandemia in Ticino viaggia in Tesla
Le auto elettriche e ibride hanno raddoppiato le vendite negli ultimi mesi. Chi le acquista?
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile