tipress
CANTONE
31.12.20 - 06:000

Vaccino: «La gente non vuole atti di coraggio, ma certezze»

Le Autorità ticinesi non si mostreranno con "l'ago nel braccio". Il commento dell'esperto.

Il pubblicitario Michel Ferrise riflette sulla scelta del Governo di «evitare di spettacolarizzare» la vaccinazione.

BELLINZONA - Sono partite la campagne di vaccinazione. E la popolazione si è letteralmente divisa sull'argomento. Da una parte ci sono i favorevoli, dall'altra gli scettici o i cosiddetti "no vax". È quindi con l'intento di convertire i non favorevoli che diversi politici nel mondo hanno iniziato a mostrarsi pubblicamente con l'ago letteralmente nel braccio. In controtendenza paiono voler essere le autorità ticinesi che, per scelta, hanno affermato di voler evitare di fare «spettacolarizzazione».

C'è una via giusta e una sbagliata, almeno in termini di comunicazione? «Il discorso è molto delicato perché, in questo caso, non stiamo parlando di fare da testimonial a una bibita o un telefonino», premette l'esperto di marketing ticinese Michel Ferrise.  «Qui - prosegue - si entra in un campo delicato che riguarda da una parte le convinzioni personali di chi si sottopone alla vaccinazione, dall'altra quelle di chi guarda quelle immagini anche con un certo scetticismo».

Il riferimento di Ferrise va a quanto sta accadendo oggi in rete: «Quanti sembrano essere convinti che quelle immagini siano false? Si chiedono se effettivamente quelle persone si stanno iniettando il vaccino. Questo interrogativo pesca da un'insicurezza di fondo. In pratica la gente vuole garanzie concrete circa l'efficacia di questo farmaco, non dimostrazioni di coraggio».

Insomma, il pubblicitario ammette di non essere in disaccordo con la scelta del Governo Ticinese: «A parte che credo che il vaccino spetti prima di tutto a chi ne ha bisogno, poi ribadisco: è una scelta personale. E come tale deve essere privata. Deve essere rispettato il diritto alla riservatezza».

Sulla sua di scelta, invece, Ferrise si sbottona tranquillamente. D'altra parte ha un "asso nella manica": «Posso permettermi di aspettare, il Covid l'ho fatto e, per fortuna, ne sono uscito. Almeno per un po' sono coperto».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
6 ore
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
10 ore
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
MENDRISIO
11 ore
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
1 gior
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
1 gior
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
1 gior
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
1 gior
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
1 gior
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
1 gior
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
1 gior
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile