Ti-Press (archivio)
CANTONE
30.12.20 - 17:030
Aggiornamento : 19:11

«Ostinelli dice che la mortalità nelle cure intensive è calata? Fake news»

Il medico controcorrente fa infuriare alcuni colleghi dopo una dichiarazione sul Covid. Lui non cambia idea. Anzi.

Dal fronte, l'infettivologo Christian Garzoni replica: «Il tasso globale di mortalità nei pazienti ospedalizzati è attorno al 13%. Al 25% nelle cure intense. Come nella prima ondata. Si muore ancora tanto».

MENDRISIO - «Nessuno ha sottolineato gli enormi traguardi raggiunti negli ospedali: si è riusciti ad abbassare dal 40% al 13% la mortalità dei pazienti in cure intensive». Una dichiarazione sul Covid-19 rilasciata a Tio/20 Minuti dal medico Roberto Ostinelli ha mandato su tutte le furie alcuni suoi colleghi. «Non può dire una cosa del genere. In ospedale si continua a morire. E tanto», questo in sintesi il pensiero di chi ha voluto ribattere al dottore controcorrente di Mendrisio. C'è, inoltre, chi accusa Ostinelli di continuare a diffondere fake news, con argomentazioni "di parte" e non approfondite scientificamente. 

Lo studio "incriminato" – Lo stesso Ostinelli, da noi ricontattato, resta però sulla sua linea. «Mi baso su un importante studio britannico pubblicato dal National Health Service. La ricerca è stata effettuata in Gran Bretagna tra agosto e ottobre. Si è constatato che la mortalità in cure intensive per quanto riguarda i casi molto gravi prima di agosto era attorno al 40%. In seguito è scesa. Probabilmente perché si sapeva curarli molto meglio».

Qualcosa forse è cambiato – La Gran Bretagna non è proprio la zona più tranquilla al momento. Al contrario, nel Regno Unito è allarme rosso. «Chiaro. Ma lo studio è stato effettuato quando ancora non era subentrata la "variante inglese". Ed è uno studio attendibile. Non so se la "variante inglese" abbia cambiato di molto le cose dal punto di vista che intendevo io. I progressi della medicina ci sono stati e non vanno negati». 

Necrologi che parlano chiaro – In Ticino, dove Ostinelli ha lanciato una petizione al Governo su una gestione diversa della pandemia, il bollettino di deceduti a causa del Covid resta tremendo. Si sta andando complessivamente verso quota 800. Perché dunque aggrapparsi a uno studio internazionale che sembra non essere pertinente alla realtà locale? «Il senso delle mie dichiarazioni era quello di elogiare la medicina in generale – dice Ostinelli –, al di là di ogni confine. E comunque io non ho mai sostenuto che ci sono meno morti in Ticino. I necrologi sui giornali parlano chiaro. Volevo solo affermare che adesso il mondo medico è più bravo nel curare il virus».

Cronache dal fronte – Christian Garzoni, specialista in malattie infettive, si basa sui dati nudi e crudi che raccoglie ogni giorno quando lavora al fronte, presso la Clinica Moncucco di Lugano. «La mortalità in Ticino globalmente si aggira attorno al 13% per quanto riguarda i pazienti ospedalizzati. Esattamente come in primavera. La mortalità è di circa un quarto per chi è ricoverato in cure intense. Non conosco la realtà in cui sono state generate le statistiche menzionate da Ostinelli».

Le buone (e le brutte) notizie – Garzoni conferma comunque come dal punto di vista medico si siano fatti dei passi avanti nella cura del virus. «Nella prima ondata sono stati provati dei farmaci unicamente sulla base d'ipotesi. Nella seconda ondata abbiamo scoperto tre vie efficaci per i ricoverati: la profilassi trombo embolica, la somministrazione di cortisone e l'uso dell'antivirale Remdesivir (in pochi casi selezionati). Oggi, inoltre, i pazienti in cure intense vengono ventilati in maniera migliore, la tecnica ha fatto progressi. Sicuramente curiamo meglio i malati, però continuano anche a morire. Circa un paziente su otto ammesso in un reparto Covid purtroppo muore». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Parla chi non ha voluto fare il vaccino
Salgono i contagi. Si teme il ritorno del lockdown. Cinque donne over 60 raccontano il loro disagio.
LOCARNO
10 ore
Ragazzo preso a calci, l'appello della madre
L'episodio risale alla serata di sabato. Il branco che lo ha aggredito sarebbe recidivo.
ZURIGO
11 ore
«Sono giovane e sano, non ho paura». Ecco perché è un errore pensarlo
Si ha sì un minor rischio di morire, ma sono molti i fattori da valutare.
Vacallo
11 ore
Da otto anni, Edo Pellegrini chiede spiegazioni al Municipio sul fondo 451
Ci sono un sentiero impraticabile, una costruzione di utilità non specificata e delle domande rimaste senza risposta
STABIO
15 ore
Non accetta il salario fuorilegge: licenziata
Alle dipendenze della sua azienda da cinque anni, la donna è stata messa alla porta.
CANTONE / SVIZZERA
15 ore
«Spostarli nel Luganese non è una soluzione»
Simonetta Sommaruga ha risposto a Marco Romano, che si è fatto portavoce delle preoccupazioni dei comuni momò.
FAIDO
21 ore
Alcuni bimbi in sciopero: niente scuola
Genitori in protesta. Manifestazione pacifica contro l'obbligo della mascherina durante le lezioni.
CANTONE
21 ore
Otto arresti per droga
I soggetti finiti in manette sono sospettati di aver preso parte allo smercio tra Albania, Italia e Ticino.
CANTONE
22 ore
Altre 20 classi in quarantena
Si tratta di 15 sezioni di scuola elementare e 5 di scuola dell'infanzia. Il totale sale a quota 62
CANTONE
23 ore
In Ticino oltre 400 casi e tre decessi nel weekend
I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 77.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile