TiPress - foto d'archivio
CANTONE
28.12.20 - 12:390

Duemila ticinesi hanno chiesto aiuto, tra loro 752 bambini

Le richieste a Soccorso d'Inverno Ticino sono quasi triplicate. Tanti i piccoli imprenditori in lockdown

CANTONE - In Ticino la povertà spesso non si vede. Ma c'è. E se ci sono sempre famiglie con redditi situati al limite della povertà, la pandemia di coronavirus e il lockdown hanno messo in difficoltà un’altra fascia della popolazione che in precedenza godeva di finanze sufficientemente solide. Fortunatamente nel nostro cantone ci sono anche degli aiuti, come quello prezioso fornito da Soccorso d'inverno Ticino.

Le cifre parlano da sole: le richieste di aiuto sono quasi triplicate. E l'anno contabile del Soccorso d'Inverno Ticino va da luglio 2019 a giugno 2020, per cui è preso in considerazione solo metà di quest'anno. Sono state 1'031 le richieste di aiuto ricevute (l'anno contabile precedente erano state 354) e sono ben 2'000 le persone aiutate, delle quali 752 bambini.

In cifre, sono stati elargiti 858'072.90 franchi in aiuti elargiti (aiuti nel pagare le fatture, affitti, conguagli riscaldamento, costi salute, formazione, sostegno alle persone/famiglie in difficoltà a causa della pandemia e a piccoli imprenditori). Soccorso d'Inverno Ticino ha anche elargito 932 prestazioni (574 solo nei mesi da marzo a giugno) che comprendono: buoni Coop, Cumulus e Otto’s, pacchi vestiti, zaini scolastici, empowerment cultura/sport, letti adulti, bambini, culle e accessori, prestazioni/buoni forniti da imprenditori “Amici”.

A fronte dell'esigenza immediata causata dal lockdown, il Soccorso d’inverno Ticino ha reagito immediatamente tramite la distribuzione di buoni-acquisto per generi di prima necessità, soprattutto ai lavoratori indipendenti che hanno dovuto sospendere l’attività e che si sono
trovati all’improvviso senza alcun tipo di reddito. A fine marzo erano già stati distribuiti ben 700 buoni. Durante l’anno si è raggiunto il ragguardevole importo di 81'000 franchi.

Il Soccorso d'inverno Ticino dal 1936 aiuta in maniera a contrastare la povertà della epoca in cui si vive. Dalle casse di mele, sacchi di patate e legno a, fino poco tempo fa, tramite pagamento fatture, vestiti e aiuto ai bambini. Grazie alle preziose collaborazioni con diversi partner professionisti del settore, offrono dei percorsi individuali a medio termine. Sono nati diversi "progetti" per ogni età: aiuto alle persone per raggiungere l’autosufficienza, aiuto allo studio per ragazzi, aiuto allo studio per giovani adulti, aiuto a 360 gradi agli indipendenti.

Un grazie particolare a Yor Milano – Tutti insieme tra la gente
In questo anno pandemico Yor Milano ha realizzato un CD come inno della solidarietà per il Soccorso d’inverno Ticino. «A Yor vada tutta la nostra riconoscenza per questa bella e apprezzata iniziativa».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Certificato Covid, le proposte che non convincono il Ticino
Il Consiglio di Stato ha risposto alla consultazione del Consiglio federale sullo sviluppo del pass.
SVIZZERA
8 ore
L'aereo è partito senza Chiesa
Il presidente Udc doveva partecipare a un viaggio di rappresentanza negli Stati Uniti. Ma è rimasto bloccato al check-in
CANTONE
9 ore
Donazione di sangue: a decine tra politici e dipendenti cantonali
Per 27 di loro si è trattato della prima donazione.
LUGANO
14 ore
Infortunio sul lavoro a Cadro, 59enne in fin di vita
L'uomo è caduto da un'altezza di circa un metro e mezzo, battendo la testa. La sua vita è in pericolo.
BELLINZONA
14 ore
Altre 28 postazioni per il bike sharing di Bellinzona
Il Municipio intende aumentare ulteriormente il numero di biciclette disponibili sul territorio comunale
CANTONE
15 ore
I nuovi contagi in Ticino sono 36
Quattro le sezioni in quarantena nelle scuole ticinesi
CANTONE
16 ore
Tecnologie: «Si sta creando una tribù di esclusi»
Il "divario digitale" si è amplificato con la pandemia. Serenella Morinini, 73enne valmaggese, suona la carica.
LUGANO
17 ore
L'uomo che vuole costruire lo stadio
Chi è l'imprenditore che realizzerà il Polo Sportivo, votazione permettendo? Lo abbiamo intervistato.
LOCARNO
19 ore
Colpo di spugna alla Santa Chiara: disdetta all'ex direttrice e altri 3 medici
Tre allontanati subito. Il quarto dovrà lasciare a fine anno. Contestate loro gravi manchevolezze di tipo gestionale
Massagno
19 ore
Per Elisa ci vogliono 18 milioni
L'edificio ha un valore di stima peritale di 18 milioni e mezzo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile