tipress (archivio)
CANTONE
27.12.20 - 19:040

Si scia, con un velo d'amarezza

Impianti pieni in Ticino e tutto fila nonostante qualche "distratto" e le difficoltà legate alle misure anti Covid.

Pesa, ovviamente, la chiusura dei ristoranti. Ma l'affluenza non manca, specie dalla Svizzera tedesca.

LUGANO - Molti indigeni, ma anche tanti svizzero tedeschi e romandi. A migliaia, nei limiti delle possibilità degli impianti (i cui accessi sono stati limitati causa Coronavirus), gli appassionati di sport invernali hanno scelto gli impianti ticinesi per le festività natalizie. Il bilancio? Tutto sommato positivo sembrerebbe, nonostante qualche difficoltà e un pizzico d'amarezza.

«È andata bene» - Tra i più soddisfatti, il direttore operativo degli impianti di Carì, Luca Müller: «Abbiamo avuto un riscontro positivo. I numeri registrati sono rimasti nel range limitato per il quale eravamo autorizzati, quindi non abbiamo superato le 800 persone al giorno. Anche il servizio di take away ha funzionato». «Non si sono affacciati solo ticinesi - precisa Müller. Abbiamo avuto molti visitatori anche dalla Svizzera francese e da quella tedesca. E si sono riempiti anche gli chalet. Insomma, è andata bene».

«Fa male, ma teniamo duro» - Un sapore dolce/amaro trapela invece dalle parole di Giovanni Frapolli, proprietario degli impianti turistici di Bosco Gurin. «È un periodo complicato, ci stiamo trovando ad affrontare tanti problemi. Tra questi anche il tempo, che ci ha fatto scontrare con temperature troppo alte prima, poi fredde, con la neve ghiacciata... Insomma, con il continuo cambiamento climatico che ormai sta caratterizzando i nostri inverni».

C'è poi la questione Covid, presenza che grava come un macigno sui gestori degli impianti così come sui turisti. E Frapolli non nega di vivere tutto ciò con una certa sofferenza: «Fa male vedere le famiglie fuori al freddo, a meno 10 gradi, a mangiarsi il panino. D'altra parte chi ama la neve ha deciso di accettare questo periodo duro, si spera transitorio. Ne soffrono i turisti, ne soffriamo noi proprietari».

Infine c'è la gestione delle misure di protezione, che richiede un ulteriore impegno, specie quando l'affluenza è alta: «Mascherine, distanze... La gente ancora non ha del tutto assimilato questi comportamenti. C'è chi se ne dimentica, ma pure chi è del partito del "ma sì, tanto". Ieri avevamo 1000 persone - conclude -. Le dimenticanze non sono mancate. Non è che si oppongano, va solo ricordata la situazione. Anche perché, altrimenti, ritiriamo la giornaliera e mandiamo a casa. Insomma, dobbiamo tenere duro».

«Un po' di tristezza, ma sta funzionando» - Che sia un periodo non di semplicissima gestione lo ammette anche il Direttore Marketing degli impianti di Airolo, Andrea Rinaldi. Il suo, è un bilancio sommato positivo: «Non abbiamo avuto incidenti fino ad ora e sta funzionando tutto bene, anche se bisogna continuare a ricordare di rispettare le distanze e di indossare la mascherina. Abbiamo avuto clienti prevalentemente svizzero tedeschi che apprezzano e ringraziano. Raggiungiamo ogni giorno le 1000 presenze consentite e si scia bene. Non ci sono code agli sci lift e sta funzionando anche la cabina con riservazione. E pure il take away, nonostante il freddo. Ma la gente, abbiamo visto, si adatta. Un po' triste, è vero, ma almeno siamo aperti».

«Incassi decisamente inferiori» - Indubbiamente, i ristoranti chiusi hanno il loro peso sul bilancio complessivo come ammettono da Campo Blenio: «Siamo abbastanza contenti, nonostante i numeri contenuti. Riusciamo a gestire assembramenti e distanze. E la gente è disciplinata. Quasi tutti indossano la mascherina e a quelli che non lo fanno la facciamo mettere. Ne abbiamo anche da regalare, nel caso ci fosse chi l'ha dimenticata. L'aspetto meno positivo - concludono - è la ristorazione chiusa. Gli incassi sono decisamente inferiori rispetto agli altri anni e questo, inevitabilmente, si ripercuoterà sui conti a fine anno. Però l'affluenza c'è, e ne siamo contenti. Ieri, addirittura, abbiamo dovuto dire di no a diverse persone».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
2 ore
«Non stiamo contattando artisti, troppa incertezza»
Il Covid soffoca la cultura. Carmelo Rifici, direttore artistico del LAC: «Così non si possono fare pianificazioni».
CANTONE
3 ore
La pandemia in Ticino viaggia in Tesla
Le auto elettriche e ibride hanno raddoppiato le vendite negli ultimi mesi. Chi le acquista?
CANTONE
11 ore
«Così possono vedere le parole e le emozioni»
Le mascherine trasparenti renderanno più semplice l'apprendimento per i ragazzi con problemi di udito.
CANTONE
13 ore
«Sta fallendo più di un ristorante su cento»
I dati del Registro di commercio confermano una triste tendenza. Per Arioldi (Ire) il peggio potrebbe ancora venire
FOTO
CHIASSO
16 ore
Sassaiola contro la palestra di arti marziali
Presa di mira la porta d'ingresso dello stabile in via Vincenzo d'Alberti. Accertamenti in corso da parte della polizia.
CANTONE
20 ore
Quante aziende hanno chiuso in Ticino?
Meno del solito, nell'ultimo trimestre del 2020. L'indagine dell'USI
CANTONE
23 ore
Mascherine trasparenti a scuola per leggere il labiale
Permettono di vedere la bocca, ma anche di "leggere" le emozioni della persona che le indossa
CANTONE / SVIZZERA
23 ore
Premiati gli scatti sul Covid-19 di Pablo Gianinazzi
Il fotografo ticinese è tra i sei vincitori dello "Swiss Press Photo 2021".
CANTONE
1 gior
78 nuovi casi di Coronavirus in Ticino, nessun decesso
I nuovi ricoveri sono invece 7, mentre 7 persone hanno potuto lasciare le strutture ospedaliere.
CANTONE
1 gior
Vini all'asta per 37mila franchi: «Imbevibili»
Le bottiglie di Bordeaux messe all'incanto dal Cantone il 24 marzo sono andati a male, secondo uno degli acquirenti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile