Immobili
Veicoli
TiPress - foto d'archivio
CANTONE
27.12.20 - 21:070

500 franchi in busta paga, ma non per tutti

L'EOC ha escluso chi ha cumulato troppe ore di assenza per malattia/infortunio, congedo pagato o non pagato

L'OCST: «È un peccato. I criteri potevano essere più "sensibili". Andava pensato come un riconoscimento per tutti in quanto "grande macchina EOC" in un anno di pandemia».

BELLINZONA - Il bonus in busta paga, per gli “eroi” del 2020, è infine arrivato. Nello stipendio di dicembre i collaboratori dell’Ente ospedaliero cantonale (EOC) hanno trovato 500 franchi in più grazie alle donazioni di persone, enti, aziende e associazioni. L’annuncio era arrivato il 10 dicembre, rallegrando chi in questi difficili mesi ha dato il massimo nel suo lavoro. Ma quando effettivamente è stato versato lo stipendio, alcuni si sono trovati davanti un'amara sorpresa: niente bonus.

Come mai? In redazione sono giunte alcune segnalazioni: si parla di persone assenti durante l’anno per malattia o in quanto appartenenti alle “categorie a rischio”. Ma è l’EOC, da noi interpellato, a fare chiarezza. «Il premio speciale è stato attribuito ai quei collaboratori che durante la prima ondata pandemica sono stati in grado di fornire un contributo straordinario nel momento di massima necessità», precisa l’Ente.

Chi ne è stato escluso? «La Direzione ha stabilito che fossero esclusi dall’attribuzione del contributo supplementare, oltre ai quadri e figure con livelli salariali analoghi, i collaboratori che dal 1. marzo al 30 aprile hanno cumulato più di 20 giorni di assenza rispettivamente 90 giorni dal 1. marzo al 31 ottobre per malattia/infortunio, congedo pagato o non pagato, sulla base di una verifica nominativa delegata agli istituti di appartenenza». Come pure «i collaboratori che dal 1. marzo al 30 aprile hanno cumulato più di 20 giorni di assenza quali persone a rischio». In cifre, gli “esclusi” dal bonus di 500 franchi per assenza rappresentano circa il 10% della forza lavoro in EOC (a tutti è comunque stato corrisposto lo stipendio integrale).

La Direzione giustifica questa sua scelta con «la volontà di riconoscere l’effettivo contributo che i collaboratori sono stati in grado di fornire “al fronte” durante il momento di massimo sforzo». Ma a qualcuno questa decisione non va giù, considerato poi che si tratta di soldi provenienti in fondo da donazioni. E i sindacati ne sono già stati informati.

«Ci aspettavamo che l’EOC avrebbe, giustamente, introdotto dei “paletti” oggettivi, ma ci sono anche dei “casi di rigore”, chiamiamoli così, che andavano meglio analizzati», commenta Xavier Daniel, vicesegretario cantonale OCST. A livello pratico, si pensa a chi è stato assente per malattia perché ha magari contratto il Covid-19 proprio mentre lavorava “al fronte” in ospedale. O a chi in primavera era considerato “a rischio”, mentre ora i parametri sono cambiati e ha fornito il suo prezioso contributo durante la seconda ondata. «Perché escluderli? - prosegue Daniel -. Se vogliamo vedere l’EOC come una macchina composta da tanti ingranaggi, sarebbe stato forse più opportuno riconoscere a tutti il lavoro svolto e magari dimostrare un po’ più di sensibilità con un riconoscimento per tutti». OCST e VPOD intendono quindi scrivere una lettera formale alla direzione dell’EOC, chiedendo di rivedere la loro posizione.

Gli “esclusi” sembrano quindi non essere molti. Ma lasciano comunque l’amaro in bocca. «Non si sarebbe sollevato nessun polverone se tutti avessero ricevuto il bonus - conclude Daniel -, mentre si è sollevato un polverone assurdo perché non tutti lo hanno ricevuto, anche se sono pochi. È davvero un peccato».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
10 ore
Delitto di Muralto, si va in appello
Lo scorso 1. ottobre l'imputato era stato condannato a diciotto anni di carcere
CANTONE
11 ore
Ticino focolaio di legionellosi
A favorire la diffusione di questa patologia polmonare vi sarebbero fattori ambientali (come l'inquinamento).
CANTONE
15 ore
AAA insegnanti cercansi: «Ma poi lasciamo quelli ticinesi oltre Gottardo»
Un'interpellanza del deputato Seitz punta il dito contro il "protezionismo" del DFA
CANTONE
16 ore
Confermare i provvedimenti anti-Covid «è inevitabile»
La risposta del Governo ticinese alla consultazione federale. Ma si chiede una rivalutazione a fine febbraio
CANTONE
16 ore
Diverse quarantene di classe e nuovi contagi nelle case anziani
Il virus sembra frenare, ma nelle ultime 24 ore aumentano i ricoveri e si registra un nuova vittima
FOTO
CANTONE
17 ore
Un inizio settimana... infuocato
Questo lunedì comincia con un cielo spettacolare e temperature elevate
CANTONE
18 ore
Cosa c'è dietro il rincaro dei prodotti alimentari?
Costi logistici. Rincaro delle materie prime e degli imballaggi. Sono le variabili in gioco
CANTONE
20 ore
«Sono quasi contento che la neve non sia arrivata presto»
Apertura parziale di diversi comprensori invernali ticinesi. Frapolli: «Ma la stagione non è ancora iniziata»
CANTONE
20 ore
Tassisti che non riescono più a pagare il leasing
Le misure anti-Covid mettono in difficoltà la categoria che non riceve più aiuti economici. L'appello alla politica
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
Oltre 500 bambini lo hanno fatto o lo hanno prenotato
In 240, tra i 5 e gli 11 anni, hanno ricevuto oggi la prima dose a Giubiasco
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile