TiPress - foto d'archivio
CANTONE
22.12.20 - 14:080

Anche la CORSI contro la "ridefinizione" di Rete Due

Il Consiglio del pubblico si dice «perplesso e preoccupato» nei confronti della riduzione del parlato

COMANO - La riduzione del parlato (dal 40% al 10%) su Rete Due continua a incassare dissensi. Anche il Consiglio del pubblico (CP) della CORSI (Società cooperativa per la Radiotelevisione svizzera di lingua italiana) prende posizione, esprimendo «una certa perplessità e anche preoccupazione rispetto al "progetto Lyra"», perché «l’approfondimento culturale va considerato come una sorta di investimento formativo da parte del servizio pubblico in favore dello sviluppo culturale dei cittadini».

In particolare, il CP si ricollega a quanto già affermato dalla consigliera agli Stati Marina Carobbio in un'interpellanza inoltrata al Consiglio federale. E cioè che il progetto di “ridefinizione” dei programmi radiofonici RSI potrebbe violare il mandato della concessione rilasciata alla SSR (“Grazie alla qualità professionale della moderazione e alla scelta musicale, che non è basata principalmente sugli indici d’ascolto, i programmi radiofonici della SSR si distinguono dalle offerte delle emittenti commerciali”). Un’altra preoccupazione di una possibile inosservanza del servizio pubblico nasce dal fatto che molti contenuti non potranno trovare una collocazione sugli altri vettori della RSI (lineari o digitali che siano).

Il secondo punto critico sollevato dalla CP della CORSI è relativo all’incertezza e alla possibilità che la fruizione lineare passi in secondo piano in seguito alla totale reimpostazione del modo di sfruttare l’accesso ai contenuti culturali (si pensi per esempio ai non nativi digitali). Inoltre, ci si chiede «come potrà essere trattata in futuro “la buona musica” prodotta oggi». «Allo stato attuale sia Rete Uno sia Rete Tre su questo fronte hanno grandi margini di miglioramento - scrive -: la loro attuale programmazione musicale risulta deficitaria rispetto a questo specifico profilo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
11 ore
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
LUGANO
11 ore
Sanitari non vaccinati licenziati alla Moncucco, rifiutavano i test
«Chi non si sottopone al vaccino e nemmeno ai test non può lavorare in Clinica», così il direttore Christian Camponovo.
CANTONE
13 ore
Si aprono oggi le porte dello Swiss Virtual Expo
Sono già diversi gli eventi in programma nelle prossime settimane
CANTONE
14 ore
I prossimi radar? Ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili risparmieranno solo la Vallemaggia.
VERZASCA
15 ore
Verzasca: si cercano idee per lo stemma comunale
Il Municipio ha deciso di pubblicare un bando di concorso aperto a tutti i ticinesi.
CANTONE
16 ore
La libertà può essere a un tiro di "sputo"
L'iniziativa parlamentare urgente dell'UDC spiegata da Massimo Suter e Paolo Pamini
BELLINZONA
20 ore
Brenno Martignoni Polti prende in mano l'UDC di Bellinzona
L'ex sindaco della Capitale succede al dimissionario Simone Orlandi, travolto dallo scandalo delle targhe.
CANTONE
21 ore
Altri 22 contagi e nessun decesso in Ticino
Salgono a nove i pazienti ricoverati in ospedale. Uno si trova nel reparto di cure intense.
CANTONE
21 ore
«Diamo il certificato Covid anche a chi si testa in azienda»
A chiedere il cambiamento, con un'iniziativa parlamentare e con un voto d'urgenza, è l'UDC. Sostenuto da Massimo Suter.
AGNO
22 ore
Sotto il cielo di “Agno” l’‘ammucchiata’ di cordate rischia una nuova frenata
Ecco dai documenti ufficiali caratteristiche e diversità dei progetti ora in ‘Consortium’.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile