TiPress - foto d'archivio
CANTONE
22.12.20 - 14:080

Anche la CORSI contro la "ridefinizione" di Rete Due

Il Consiglio del pubblico si dice «perplesso e preoccupato» nei confronti della riduzione del parlato

COMANO - La riduzione del parlato (dal 40% al 10%) su Rete Due continua a incassare dissensi. Anche il Consiglio del pubblico (CP) della CORSI (Società cooperativa per la Radiotelevisione svizzera di lingua italiana) prende posizione, esprimendo «una certa perplessità e anche preoccupazione rispetto al "progetto Lyra"», perché «l’approfondimento culturale va considerato come una sorta di investimento formativo da parte del servizio pubblico in favore dello sviluppo culturale dei cittadini».

In particolare, il CP si ricollega a quanto già affermato dalla consigliera agli Stati Marina Carobbio in un'interpellanza inoltrata al Consiglio federale. E cioè che il progetto di “ridefinizione” dei programmi radiofonici RSI potrebbe violare il mandato della concessione rilasciata alla SSR (“Grazie alla qualità professionale della moderazione e alla scelta musicale, che non è basata principalmente sugli indici d’ascolto, i programmi radiofonici della SSR si distinguono dalle offerte delle emittenti commerciali”). Un’altra preoccupazione di una possibile inosservanza del servizio pubblico nasce dal fatto che molti contenuti non potranno trovare una collocazione sugli altri vettori della RSI (lineari o digitali che siano).

Il secondo punto critico sollevato dalla CP della CORSI è relativo all’incertezza e alla possibilità che la fruizione lineare passi in secondo piano in seguito alla totale reimpostazione del modo di sfruttare l’accesso ai contenuti culturali (si pensi per esempio ai non nativi digitali). Inoltre, ci si chiede «come potrà essere trattata in futuro “la buona musica” prodotta oggi». «Allo stato attuale sia Rete Uno sia Rete Tre su questo fronte hanno grandi margini di miglioramento - scrive -: la loro attuale programmazione musicale risulta deficitaria rispetto a questo specifico profilo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
2 ore
Strappa la collanina, scatta l'arresto
Riaperte le discoteche in seguito alle chiusure Covid, si sono riaffacciati anche i malviventi
CENERI
5 ore
Testa-coda sul Ceneri
Incidente in A2 oggi a mezzogiorno. La polizia è sul posto
LUGANO
1 gior
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
1 gior
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CADENAZZO
1 gior
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
CANTONE
1 gior
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
1 gior
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
RIAZZINO
1 gior
Al Vanilla si torna a ballare
Il reopening, a lungo rimandato a causa della pandemia, è previsto per il 9 ottobre prossimo.
LOCARNO
1 gior
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
1 gior
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile