TiPress - foto d'archivio
CANTONE
22.12.20 - 14:080

Anche la CORSI contro la "ridefinizione" di Rete Due

Il Consiglio del pubblico si dice «perplesso e preoccupato» nei confronti della riduzione del parlato

COMANO - La riduzione del parlato (dal 40% al 10%) su Rete Due continua a incassare dissensi. Anche il Consiglio del pubblico (CP) della CORSI (Società cooperativa per la Radiotelevisione svizzera di lingua italiana) prende posizione, esprimendo «una certa perplessità e anche preoccupazione rispetto al "progetto Lyra"», perché «l’approfondimento culturale va considerato come una sorta di investimento formativo da parte del servizio pubblico in favore dello sviluppo culturale dei cittadini».

In particolare, il CP si ricollega a quanto già affermato dalla consigliera agli Stati Marina Carobbio in un'interpellanza inoltrata al Consiglio federale. E cioè che il progetto di “ridefinizione” dei programmi radiofonici RSI potrebbe violare il mandato della concessione rilasciata alla SSR (“Grazie alla qualità professionale della moderazione e alla scelta musicale, che non è basata principalmente sugli indici d’ascolto, i programmi radiofonici della SSR si distinguono dalle offerte delle emittenti commerciali”). Un’altra preoccupazione di una possibile inosservanza del servizio pubblico nasce dal fatto che molti contenuti non potranno trovare una collocazione sugli altri vettori della RSI (lineari o digitali che siano).

Il secondo punto critico sollevato dalla CP della CORSI è relativo all’incertezza e alla possibilità che la fruizione lineare passi in secondo piano in seguito alla totale reimpostazione del modo di sfruttare l’accesso ai contenuti culturali (si pensi per esempio ai non nativi digitali). Inoltre, ci si chiede «come potrà essere trattata in futuro “la buona musica” prodotta oggi». «Allo stato attuale sia Rete Uno sia Rete Tre su questo fronte hanno grandi margini di miglioramento - scrive -: la loro attuale programmazione musicale risulta deficitaria rispetto a questo specifico profilo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
5 ore
Ciclista investito a Bellinzona in pericolo di vita
Lo riferisce la polizia cantonale. Si tratta di un 20enne svizzero del Bellinzonese.
BELLINZONA
8 ore
Lo sfidante sarà il vice
Simone Gianini occuperà la seconda poltrona del Muncipio di Bellinzona
LUGANO
10 ore
All'Usi 91 diplomati in comunicazione... a distanza
La tradizionale cerimonia si è tenuta questo pomeriggio (in diretta streaming) nell'Aula Magna del Campus ovest.
CANTONE
11 ore
I piccoli si scontrano con le spese di spedizione
L'e-commerce va forte in tempo di pandemia? Tra i big di certo. Ma c'è una fetta di negozianti che soffre ugualmente.
CANTONE
14 ore
Cocaina, fermato un altro spacciatore
Ennesimo colpo assestato al traffico di droga dopo gli arresti delle scorse settimane.
CANTONE
18 ore
Covid: in Ticino 9 casi e un decesso
Stabilità sul fronte ospedali, che ospitano, con una nuova ammissione, 29 pazienti affetti dal virus.
CANTONE
20 ore
Effetto lockdown, ed è sushi mania
Il lato "positivo" della pandemia. Nascono diverse nuove attività. In particolare nel Sopraceneri.
CANTONE / SVIZZERA
22 ore
Lotta al terrorismo e quella frase che potrebbe annullare il voto
Per l'ex procuratore pubblico Paolo Bernasconi già oggi il tentativo di commettere un reato è punibile dalla legge.
ACQUAROSSA
22 ore
In troppi a caccia di quella pozza, nasce un sentiero in onore del Felice
Tanta gente in cerca del "luogo chiave" narrato dal romanzo di Fabio Andina. Senza trovarlo. Ecco la soluzione.
CANTONE
1 gior
«L’Udc fa gli interessi della lobby del petrolio»
I Verdi del Ticino reagiscono al video sulla legge sul Co2 diffuso oggi dal partito di Marco Chiesa.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile