Deposit - foto d'archivio
CANTONE
21.12.20 - 23:400
Aggiornamento : 22.12.20 - 08:03

Una lettera in buca per duemila ticinesi over 65

Avranno la possibilità di partecipare allo studio SwissDEM, per realizzare una "fotografia" sul loro stato di salute

L'obiettivo? Imparare a rendere migliore le condizioni di vita dei nostri anziani e delle loro famiglie.

BELLINZONA - I nostri anziani sono importanti. È una frase che nell'ultimo anno si è sentita dire spesso. La pandemia di Covid-19 ha messo in risalto quanto "la categoria" degli over 65 possa essere fragile dal punto di vista sanitario, ma anche quanto a livello affettivo a volte si sottovaluti la loro presenza nella vita di compagni, figli e nipoti. Però, non c'è solo il coronavirus a minacciare la salute degli anziani. Ecco perché è necessario realizzare una fotografia dello stato di salute delle persone al di sopra dei 65 anni.

Uno studio pioniere - A livello svizzero non sono disponibili dati epidemiologici sull'impatto dei disturbi cognitivi sugli over 65. Disturbi che diventano sempre più frequenti con un'alta speranza di vita. Ma questa mancanza di dati rende difficile rispondere ai veri bisogni di una fetta molto importante della nostra popolazione, soprattutto in Ticino. Ecco perché è nato SwissDEM, uno "studio di popolazione, condotto con la popolazione e per la popolazione". «Lo scopo è conoscere lo stato di salute degli anziani, e in particolare l’impatto della demenza sulle persone che ne sono affette, sui loro familiari, e sulla comunità», spiega il professor Emiliano Albanese, direttore dell’Istituto di salute pubblica e responsabile scientifico del progetto.

Non solo "subire", ma intervenire - "Ma la demenza è una parte naturale dell'invecchiamento", dirà qualcuno. In realtà «bisogna distinguere tra la "normalità" e la "norma" - risponde Albanese -. La normalità la decidiamo noi, è culturale. In un precedente sondaggio abbiamo proprio chiesto agli anziani se a loro dire la demenza facesse parte dell’invecchiamento "normale". Quasi il 40% ha fornito una risposta affermativa. Il che dimostra che c’è una forma di "autostigmatizzazione", uno dei meccanismi più importanti che costituisce una barriera al chiedere aiuto». Invece si può fare molto. È possibile infatti considerare il rischio di demenza o di malattie come l'Alzheimer, come pure sottolineare il ruolo cruciale della prevenzione. Senza poi dimenticare la presa a carico socio-sanitaria-assistenziale sia dei pazienti che dei loro familiari.

Una lettera nella bucalettere - Ecco quindi che duemila ticinesi over 65 estratti casualmente riceveranno nei prossimi giorni una lettera in cui verranno fornite informazioni sullo studio epidemiologico. Due depliant informativi forniranno tutti gli elementi necessari alla sua comprensione, che possono essere approfonditi dal destinatario e dai suoi familiari. A distanza di due settimane, arriverà una seconda lettera che corrisponde all'invito vero e proprio con gli strumenti necessari a registrarsi allo studio epidemiologico.

Come funziona lo studio? - «Si concordano con la persona le modalità - spiega il professor Albanese -. Viene condotta un’intervista (domande sulla salute, aspetti culturali, abitudini di vita) e si fanno dei test. Di memoria, linguaggio, attenzione, ragionamento». Si tratta di test che sono stati oggetto dello studio di valutazione condotto negli scorsi mesi. Metodi validi già utilizzati altrove, che permetteranno anche al Ticino, quindi, di avere la sua "fotografia" sullo stato di salute degli over 65. Per imparare a rendere migliore le loro condizioni di vita, e quelle dei familiari.

Niente paura - Tante parole e soprattutto una che può spaventare: demenza. Eppure non c'è nulla di complicato. Lo dimostrano le testimonianze di chi ha partecipato proprio allo studio di validazione che ha permesso di trovare i giusti metodi. La campagna di sensibilizzazione "Centparcent" (100%SwissDEM) consente di ascoltare la voce dei protagonisti, tutti concordi sull’importanza della partecipazione alla ricerca sotto il motto “Ognuno di noi conta”.

SwissDEM è il primo studio epidemiologico sulla salute degli anziani in Ticino. Serve a conoscere lo stato di salute degli anziani, e in particolare l’impatto della demenza sulle persone che ne sono affette, sui loro famigliari, e sulla comunità.

Lo studio è condotto dall’Istituto di salute pubblica (IPH) dell’USI e dal Dipartimento della sanità e della socialità (DSS) del Cantone Ticino, in collaborazione con Pro Senectute, il Consiglio degli Anziani, e Alzheimer Ticino.

Benefici:

  • Consentirà di conoscere lo stato di salute della popolazione ticinese sopra i 65 anni di età.
  • Darà informazioni preziose per sviluppare interventi, organizzare i servizi, e indirizzare le politiche e pratiche socio-sanitarie del nostro Cantone.
  • Contribuirà al miglioramento della qualità di vita delle persone residenti in Ticino.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
6 ore
La Rsi replica alle critiche: «Informazione sempre al centro»
Forma cambiata, ma «mantenendo qualità e quantità».
CANTONE
11 ore
«Come pensare che un carcere minorile possa essere educativo?»
I contrari al progetto di un centro educativo chiuso escono allo scoperto
CANTONE
11 ore
Cassis presidente, festa annullata
La cerimonia a Bellinzona verrà rimandata «causa Covid»
LUGANO
12 ore
Salta anche il carnevale di Tesserete
Cancellata preventivamente la manifestazione. Il Comune di Capriasca: «Gesto di responsabilità sociale»
CANTONE
16 ore
Dose di richiamo, ultima chiamata per gli over 65
In vista dell'apertura alle altre fasce d'età, le autorità cantonali sollecitano i pensionati ad annunciarsi.
CANTONE
17 ore
Altri 167 nuovi contagi e sette classi in quarantena
Negli ospedali del nostro cantone si contano attualmente settanta pazienti Covid
CHIASSO
18 ore
Cinquanta milioni per cinquanta impieghi?
L'Mps punta il dito contro la Scuola di Moda di Chiasso. Costi troppo elevati rispetto all'impatto sul territorio
CANTONE
22 ore
«Il medico di famiglia vi farà risparmiare»
Dietro le quinte del progetto mediX ticino, coordinato dall'infettivologo Christian Garzoni.
LUGANO
1 gior
S'invola per gli Emirati, lasciando un cavallino nero in Ticino
Sul sito delle aste dell'Ufficio di esecuzione è sbucata una Ferrari 458 nera
CANTONE
1 gior
La “pandemia dei bambini”... anche nelle scuole ticinesi
In molti si dicono favorevoli all'introduzione dei test ripetuti e alla mascherina obbligatoria dalla quarta elementare
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile