Keystone
CANTONE / BERNA
19.12.20 - 09:060
Aggiornamento : 20:20

Giovani comunisti contro la chiusura delle biblioteche: «Gli studenti non contano nulla?»

La Gioventù Comunista chiede biblioteche accessibili almeno agli studenti e indennizzi per i lavoretti saltati.

BELLINZONA / BERNA - Non va giù alla Gioventù Comunista (GC) la decisione del Consiglio Federale di chiudere, insieme a ristoranti e bar, anche biblioteche e musei. In un comunicato odierno, la formazione giovanile sottolinea in particolare come questa scelta ostacoli lo studio degli studenti in vista degli esami di gennaio e tolga agli stessi la possibilità di svolgere piccoli lavori accessori nelle strutture dedicate alla cultura. Il tutto, a suo avviso, senza che biblioteche e musei rappresentino un luogo particolarmente a rischio di contagio da nuovo coronavirus.   

«Per quanto la GC sia convinta della necessità di lottare maggiormente contro la diffusione della pandemia, non può che riconoscere l’incoerenza e gli aspetti negativi di alcune di queste nuove misure», si legge nella nota. «La chiusura di strutture come le biblioteche, dove le mascherine sono obbligatorie e le distanze possono essere facilmente rispettate, risulta incomprensibile e ingiusta. Il mese di gennaio è infatti risaputo essere periodo di esami per tutti gli studenti delle scuole universitarie e le biblioteche sono un servizio fondamentale per moltissimi di loro», continua lo scritto. Il pensiero va in particolare agli studenti «provenienti da famiglie meno agiate», che non «vivono in condizioni favorevoli allo studio e all’apprendimento».

Il gruppo giovanile fa notare però altresì come biblioteche e musei siano «spesso e volentieri una fonte di guadagno per molti studenti che necessitano di un lavoro per potersi permettere gli studi»: «Privare questi studenti di tali risorse economiche comporta quindi ancora una maggiore selezione sociale e una maggiore precarizzazione dei giovani, la quale è già vertiginosamente in crescita e accelerata dagli effetti della pandemia sul nostro sistema economico», afferma.

E conclude: «La Gioventù Comunista deplora dunque questa mancanza di sensibilità sociale nei confronti degli studenti e si augura che strutture come biblioteche, ma anche aule studio e simili, vengano messe a disposizione almeno degli studenti e del personale universitario anche nel corso del prossimo mese, come fatto ad esempio nel Canton Ginevra durante le recenti chiusure delle biblioteche». Chiesto inoltre «un indennizzo per tutte le entrate mancate degli studenti a causa della impossibilità di lavorare, cosa che del resto dovrebbe valere per tutti quei settori toccati dalle chiusure forzate».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Leonhard 2 mesi fa su tio
Io avrei lasciato le biblioteche aperte e chiuso le scuole post-obbligatorie... la maggior parte dei studenti si contagia sui mezzi pubblici, quando tornano a casa, e infettano i loro amati parenti. Se vengono chiuse le biblioteche, bar, ristoranti fanno un danno all’economia, se chiudessero le scuole invece non ci sarebbe nessun danno economico. Cosa ne pensate?
F.Netri 2 mesi fa su tio
Ecco di cosa si occupano i comunisti!
Yoebar 2 mesi fa su tio
È una ruota che non gira correttamente, in chiesa 30/50, in uno stadio sportivo, ove la campienza massima è di 5000/16000 spettatori non vi può andare nessuno. In questi stadi se dai la possibilità a 200 persone di accedervi non riesci nemmeno a vederti uno con l’altro.
lilla71 2 mesi fa su tio
C’è internet, le biblioteche sino solo una scusa x ritrovarsi
lilla71 2 mesi fa su tio
C’è internet!!
Talos63 2 mesi fa su tio
Per la campagna elettorale si fa di tutto...
Maria67 2 mesi fa su tio
Insomma sono giovani e forti no? Andate a vedere lo studio che ha fatto l'universita di Basilea https://www.unibas.ch/de/Aktuell/News/Uni-Research/Forte-aumento-dello-stress-psicologico-durante-la-seconda-ondata-di-Covid-19.html.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
3 min
Manifestazione in stazione: la condanna di autorità e mondo politico
Borradori: «Il concetto di democrazia e libertà di queste persone è diverso dal nostro». Quadri: «Molinari fö di ball»
LUGANO
33 min
Breganzona, la pista dell'omicidio-suicidio
La vittima sarebbe un noto musicista in pensione. I vicini di casa: «Coppia tranquilla e gentile, siamo scioccati»
LUGANO
35 min
«Atto provocatorio da parte della polizia»
L'Mps si esprime sui fatti avvenuti ieri in stazione: «In altre occasioni simili manifestazioni sono state tollerate».
CANTONE
57 min
In Ticino altri 67 contagi e un decesso
Quattro positivi sono stati ricoverati in ospedale, e altrettanti dimessi. Il bollettino del medico cantonale
CANTONE
1 ora
Aveva dato fuoco alla pensione La Santa: al via il processo
La responsabile dell’incendio doloso è accusata di tentato omicidio e incendio intenzionale
LUGANO
3 ore
Non paga la multa e decide di andare in prigione
La storia di un 84enne del Bellinzonese pizzicato dal radar: «Era in un luogo subdolo. Questione di principio».
CANTONE
5 ore
Sono loro la speranza di un polmone verde in Ticino
Gruppo Verde Speranza riunisce volontari che hanno deciso smettere d'ignorare il problema della sporcizia nell’ambiente
FOTO E VIDEO
LUGANO
13 ore
Due corpi senza vita in una casa a Breganzona
La coppia di anziani è stata trovata oggi nella loro abitazione, la polizia per ora esclude il dolo
FOTO
BELLINZONA
13 ore
Uno striscione sul castello: «Non siamo nel medioevo»
L'azione (non autorizzata) sulle mura di Castelgrande. Nella giornata della donna i giovani socialisti alzano i toni
FOTO E VIDEO
LUGANO
15 ore
La polizia: «Fermati e controllati tutti i manifestanti»
Il corteo non autorizzato è andato in scena oggi dopo le 18 alla stazione di Lugano. Sul posto decine di agenti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile