Esami in presenza, e gli studenti Supsi si ribellano
tipress
CANTONE
21.12.20 - 06:000
Aggiornamento : 10:15

Esami in presenza, e gli studenti Supsi si ribellano

Dalla Scuola universitaria spiegazioni e rassicurazioni: «Decisioni ponderate per proseguire con profitto negli studi»

Fugati, pure, i timori per il rischio contagi: «Assicuriamo un piano di protezione ancora più restrittivo rispetto a quello federale»

LUGANO - Ha sollevato un piccolo polverone, tra gli studenti ticinesi, la richiesta della Supsi di svolgere alcuni esami "in presenza", nella sessione di gennaio. E non solo per test che richiedono evidentemente un contributo manuale, quindi pratico. Ma anche per esami che si possono svolgere mediante computer, online. La forma "a distanza", in questo periodo, è d'altra parte caldamente raccomandata delle autorità federali e cantonali e dell’organismo di coordinamento delle università svizzere, swissuniversities.

La "rivolta" studentesca - La reazione degli studenti è stata quindi di stizza (per non dire altro), tanto che ha iniziato a circolare un video (tra il sarcastico e l'indignato) nel quale la Scuola universitaria professionale viene dipinta come una sorta di organo dittatoriale le cui vittime sono, appunto, i futuri esaminandi.

Paura di rovinarsi l'estate - Fonte di timori e di irritazione è pure il rischio, qualora al momento della sessione di gennaio ci si dovesse trovare in isolamento o quarantena, di dover ripetere l'esame ad agosto. Quindi in estate, periodo in cui i ragazzi vorrebbero potersi dedicare ad attività più ricreative.

«L'Ordinanza prevede eccezioni» - Dal canto suo la Supsi, contattata, cerca di fornire chiarimenti al riguardo giustificando le proprie scelte: «A seguito delle misure comunicate dal Consiglio federale a fine ottobre, ci siamo organizzati per proporre gran parte delle attività didattiche e degli esami a distanza», viene innanzitutto precisato. «L’Ordinanza Covid-19 situazione particolare - si aggiunge - prevede tuttavia delle eccezioni, per le quali la presenza in sede è concessa. Nel rapporto esplicativo dell'ordinanza questa fattispecie viene ulteriormente precisata, indicando proprio gli esami delle scuole universitarie e delle scuole universitarie professionali quali esempi».

«Ansia e difficoltà» legate agli esami a distanza - La Supsi spiega quindi come l’esperienza del primo lockdown (durante la quale tutte le sue attività erano state erogate completamente a distanza) avrebbe permesso di riconoscere «alcuni importanti limiti dello svolgimento di esami a distanza», legati all'«ansia di studenti in relazione al funzionamento dei dispositivi tecnologici in sede di esame; alle difficoltà legate alla gestione dei tempi; a problemi di connessione alla rete internet dai dispositivi privati». E poi ancora a «limiti legati alla sicurezza informatica» e alla problematicità di «proporre forme di valutazione praticabili online ma anche valide e affidabili». Criticità, quest'ultima che sarebbe emersa in particolare per alcune tipologie di esami.

«Presenza importante» - Per questo Supsi ritiene che «lo svolgimento di alcune prove in presenza rappresenti un fattore importante per poter permettere ai nostri studenti e alle nostre studentesse di verificare in maniera attendibile le competenze acquisite e proseguire con profitto negli studi».

Piano di protezione adeguato - Per rassicurare maggiormente gli studenti viene assicurato inoltre un piano di protezione adeguato: «che la Supsi definisce in maniera ancora più restrittiva rispetto a quelle federali». Gli esami svolti in presenza saranno organizzati in gruppi di 20 studenti al massimo, al fine di ridurre i contatti e i rischi di assembramenti. «La selezione degli esami da svolgere in presenza è avvenuta con grande accuratezza, in considerazione di criteri pedagogico-didattici, criteri di praticabilità, di sicurezza, di equità di trattamento e di affidabilità».

Soluzioni per quarantene e isolamento - Per quanto riguarda il problema "quarantene" l'estate non sembra essere a rischio: «non pregiudicano di per sé lo svolgimento dell'esame, se questo si svolge a distanza, ma possono invece pregiudicare lo svolgimento di esami in presenza. In questi casi i docenti, in collaborazione con il responsabile di corso di laurea, definirà, laddove possibile, una modalità alternativa di svolgimento dell'esame nel contesto della medesima sessione».

I casi di isolamento causa COVID saranno trattati invece come «un'assenza per malattia, visto che di malattia si tratta. Lo studente in questione avrà un'assenza giustificata all'esame e potrà presentarsi alla sessione di recupero».

TOP NEWS Ticino
CANTONE
40 min
Smaltire i rifiuti costerà meno
Dal primo gennaio 2022 il Cantone ha previsto una riduzione di dieci franchi per ogni tonnellata smaltita dai Comuni.
LUGANO
3 ore
Sempre più studenti ammassati sui bus
Grossi problemi su alcune linee. In particolare al mattino tra le 7.30 e le 8.15. La TPL cerca di correre ai ripari.
FOTO
CANTONE
3 ore
Fare del tempo libero un lavoro: alla Supsi si può
Il Bachelor in Leisure Management è un unicum in Svizzera. Ne abbiamo parlato con il responsabile Alessandro Siviero.
AUSTRIA
12 ore
Il vetraio Luca si porta a casa il bronzo
Una competizione memorabile per la Nazionale Svizzera delle professioni, che ha ottenuto 14 medaglie
CANTONE
13 ore
«C'è chi ha chiesto di entrare senza certificato, né mascherina»
Alle lamentele di alcuni familiari, che segnalano incongruenze nelle nuove normative, risponde il direttore di LIS.
CANTONE
16 ore
Guasto sulla linea e i treni vanno in tilt
Disagi importanti per chi oggi pomeriggio viaggia su rotaia con ritardi che continuano a protrarsi
CANTONE
18 ore
Matrimonio per tutti: «Ha vinto l'amore»
I Verdi applaudono quella che definiscono una «vittoria storica».
CANTONE
18 ore
Ribaltone alle urne: Ghiringhelli canta vittoria
L'iniziativa sulla legittima difesa è stata approvata dai ticinesi con il 52,4 per cento di voti favorevoli
AGNO
19 ore
Fiamme in un negozio di parrucchiere
I pompieri sono intervenuti a mezzogiorno in piazza Vicari ad Agno
CHIASSO
20 ore
«È davvero possibile, siamo tornati a vivere!»
Un successo il party di Nebiopoli, organizzato dal Comitato direttivo del Carnevale.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile