Archivio Tipress (immagine illustrativa)
CANTONE
16.12.20 - 14:000
Aggiornamento : 15:27

L'Unione sindacale: «Il lockdown è necessario»

Nel suo appello ricorda l'esperienza della scorsa primavera. E chiede anche di garantire sostegni economici

BELLINZONA - «Il Ticino ritrovi il coraggio della scorsa primavera». È con queste parole che la sezione Ticino e Moesa dell'Unione sindacale svizzera (USS-TI) invita le autorità cantonali ad adottare misure più severe nella lotta contro il coronavirus. «Ci sono troppi contagi e troppi morti, il lockdown è necessario» si legge in una nota.

L'USS-TI ricorda che i cantoni romandi si sono fermati lo scorso novembre, riuscendo a rallentare il numero dei contagi. Mentre in Ticino «si è continuato a dire che si stava facendo molto, ma in realtà si scaricava la responsabilità su Berna». E questo, si legge ancora nel comunicato, nonostante gli appelli dei sindacati, «che chiedevano da tempo interventi decisi: una diminuzione delle attività economiche, per permettere una reale diminuzione della circolazione delle persone, una maggiore protezione sui posti di lavoro, con il coinvolgimento dei lavoratori stessi nella definizione dei protocolli da adottare, e nel loro controllo». Ma è stato fatto «poco»., dicendo che «i luoghi di lavoro non sono veicolo di contagio, favorendo questa narrazione con il rifiuto di comunicare qualsiasi dato relativo alle realtà lavorative ma citando incessantemente soltanto nuclei familiari, ristoranti e discoteche».

E si parla anche del sostegno economico e sociale per aziende e lavoratori indipendenti. «Siamo uno dei paesi più ricchi al mondo, ma non riusciamo a elaborare un vero e proprio piano d'aiuti. Facendo ad esempio capo agli ottanta miliardi di riserve immediatamente distribuibili della Banca nazionale svizzera».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FAIDO
2 ore
Alcuni bimbi in sciopero: niente scuola
Genitori in protesta. Manifestazione pacifica contro l'obbligo della mascherina durante le lezioni.
CANTONE
3 ore
Otto arresti per droga
I soggetti finiti in manette sono sospettati di aver preso parte allo smercio tra Albania, Italia e Ticino.
CANTONE
4 ore
Altre 20 classi in quarantena
Si tratta di 15 sezioni di scuola elementare e 5 di scuola dell'infanzia. Il totale sale a quota 62
CANTONE
4 ore
In Ticino oltre 400 casi e tre decessi nel weekend
I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 77.
CANTONE
5 ore
Controlli e multe in vista per chi è al telefono alla guida
L'operazione della Polizia cantonale ha il via già da questo mese.
CANTONE
6 ore
Per rimpiazzare i boomer non basteranno i salari
In vista del pensionamento di massa dei boomer è necessario, secondo l'AITI, puntare di più sulle condizioni di lavoro.
CANTONE
9 ore
Passa da Berset il caso dei neo-psicologi non riconosciuti
Il Consiglio di Stato ha scritto al ministro dell'Interno proponendo una soluzione
CANTONE
9 ore
La Nuova Valascia scivola sui pagamenti agli artigiani
La nuova Valascia ha qualche problema di liquidità. Malumori tra chi ha eseguito i lavori
ASCONA
17 ore
«Così ho perso lentamente la mia amica»
Nelly Morini racconta il dramma dell'Alzheimer nel romanzo Clarianne, ispirato a una storia vera.
MESOCCO (GR)
23 ore
Ventenni escono di strada e finiscono nella scarpata
L'incidente è avvenuto la scorsa notte in zona Alp Frach. I due occupanti del veicolo sono rimasti leggermente feriti.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile