tio/20minuti
CANTONE / CONFINE
15.12.20 - 18:390
Aggiornamento : 19:11

Il silenzio italiano

Riparte il turismo della spesa oltre confine, ma i controlli per verificare il rispetto del decreto latitano.

L'accesso dovrebbe essere permesso, salvo motivi validi, solo con esito di un tampone negativo alla mano. Ma così non è. E dall'altra parte nessuno sembra voler offrire spiegazioni.

LUGANO - Il ritrovato regime di "semi libertà" lombardo ha fatto gola a tutti. A Milano, domenica, le piazze si sono riempite di gente e le immagini del fiume di "ex reclusi" hanno fatto il giro dei notiziari. Il "semaforo giallo" ha fatto gola anche all'avventore svizzero, specie quello ticinese.

Eloquenti, anche se meno chiacchierate, le immagini delle targhe rossocrociate accorse oltre confine a fare rifornimento, nei supermercati e nei negozi, di generi alimentari e/o regali natalizi. Non che ciò non sia consentito. Ma per poter varcare la dogana a cuor leggero bisognerebbe presentare - lo prevede l'ultimo decreto emesso dal Governo italiano -, regolare tampone (negativo) effettuato nelle 48 ore precedenti.

Il dubbio che questo tampone sia stato effettivamente effettuato da tutti gli avventori ticinesi è venuto. Non si può nascondere. Ma ciò che forse stupisce maggiormente è la totale assenza di controlli (almeno così sembrerebbe) da parte delle autorità italiane. Ciò fa specie soprattutto se si considera che le due realtà (quella lombarda e quella ticinese) non godono dello stesso stato di salute se si parla di contagi. 

Contattato domenica scorsa, il Centro Operativo Comunale di Como (COC) confermava: «Per poter entrare a fare la spesa bisogna dimostrare di essere risultati negativi al test». Eppure sembra esserci noncuranza in questo senso.

Abbiamo provato quindi a chiedere lumi al riguardo. La risposta, o meglio, i silenzi che abbiamo incontrato, sono stati sconcertanti. Nessuno ha risposto dalla Polizia di frontiera di Ponte Chiasso, di Ponte Tresa, dalla Polizia Ferroviaria di Como, dalla Questura di Como e nemmeno dalla Prefettura di Como. Non hanno alzato la cornetta, o si sono praticamente negati al telefono, anche la polizia locale e il Sindaco di Ponte Tresa, il comando della polizia locale di Como e di Varese. Lo stesso alcuni assessori in Municipio di cui avevamo il numero.  

Un silenzio che sembra pesare più di una risposta mentre, intanto, si moltiplicano gli interrogativi da parte di chi nota questo via vai incontrollato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
16 min
Allentamenti, Lega insoddisfatta: «Riaprire subito!»
Per il partito di via Monte Boglia il lockdown «non è più sostenibile» e nemmeno sostenuto dalla popolazione.
LUGANO
2 ore
Dieci giorni all'ex Macello: «Poi la polizia»
Scatta il secondo ultimatum del Municipio. Ma si slitta a dopo le elezioni
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
2 ore
Grave incidente a Gudo, strada riaperta
Un'auto, dopo aver sbattuto contro il guardrail, è uscita di strada prima della curva a esse, finendo nella scarpata
CANTONE
5 ore
Consuntivo influenzato dalla pandemia
Il 2020 si chiude con un disavanzo d’esercizio di 165.1 milioni di franchi
LUGANO
8 ore
Nasce il movimento di chi si sente tradito… dalla Città
La piattaforma villaggitraditi.ch dedica il primo capitolo alla piscina di Carona e al controverso progetto di “glamping” 
CANTONE
8 ore
76 nuovi contagi in Ticino, un decesso
8 i nuovi ricoveri e 4 i dimessi. Salgono gli ospedalizzati, oggi a quota 89.
LUGANO
11 ore
«Non stiamo contattando artisti, troppa incertezza»
Il Covid soffoca la cultura. Carmelo Rifici, direttore artistico del LAC: «Così non si possono fare pianificazioni».
CANTONE
12 ore
La pandemia in Ticino viaggia in Tesla
Le auto elettriche e ibride hanno raddoppiato le vendite negli ultimi mesi. Chi le acquista?
CANTONE
20 ore
«Così possono vedere le parole e le emozioni»
Le mascherine trasparenti renderanno più semplice l'apprendimento per i ragazzi con problemi di udito.
CANTONE
22 ore
«Sta fallendo più di un ristorante su cento»
I dati del Registro di commercio confermano una triste tendenza. Per Arioldi (Ire) il peggio potrebbe ancora venire
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile