Deposit
CANTONE
10.12.20 - 10:570
Aggiornamento : 12:44

Una Rete Due (quasi) solo musicale «è insostenibile»

Anche l'Associazione ticinese dei giornalisti interviene a difesa di posti di lavoro e cultura.

La scelta di tagliare il parlato del 30% è ritenuta incomprensibile: «È il carattere più specifico della rete culturale e ciò che ne giustifica l’esistenza». Intanto una petizione lanciata per salvare la radio ha già raccolto oltre 7'000 firme.

COMANO - Anche l'Associazione ticinese dei giornalisti (Atg) - dopo il sindacato svizzero dei mass media - entra nel dibattito sui previsti tagli a Rete Due. L'emittente di Comano avrebbe infatti previsto una riduzione del parlato dal 40% al 10% del tempo di antenna. Una scelta, questa, ritenuta «insostenibile» da Atg. «L'idea di diluire la produzione di emissioni culturali attualmente offerte da questa rete, dirottandole sul web e su Rete Uno e facendo di Rete Due una rete quasi unicamente musicale, significherebbe rinunciare al suo carattere più specifico e prezioso».

«Casa della cultura» - Ovvero quello legato al mondo culturale. «La Rete Due - sottolinea Atg in una nota - è la casa della cultura dove con competenza e professionalità si dà voce ai diversi attori e ai diversi progetti, alle tante attività e alle tante anime della vita culturale della Svizzera Italiana». Relegare tutto questo solo sul web sarebbe per l'Associazione un gran peccato e creerebbe un prodotto di nicchia. «Siamo consci che sono tempi difficili per il nostro settore. Ma la pandemia ci ha mostrato il valore e la necessità della cultura, una cultura raccontata, spiegata, dibattuta, criticata con professionalità, competenza e con i necessari mezzi. Il servizio pubblico non può rinunciare a questo, non può rinunciare a fare la sua parte».

«Così si crea un doppione» - Atg non capisce neppure il senso per cui la Rsi dovrebbe dotarsi di una nuova rete (quasi) unicamente musicale quando la stessa SSR propone già Swiss Classic e Swiss Jazz. «Il progetto - viene precisato - rischierebbe dunque di essere un doppione di queste due reti, creando una incomprensibile concorrenza interna. Il cosiddetto “parlato di Rete Due” è il carattere più specifico della rete culturale e ciò che ne giustifica l’esistenza».

«La direzione ci ripensi» - L'Atg chiede quindi ai vertici di Comano di ripensarci: «Crediamo che la direzione della Rsi sia chiamata a una scelta coraggiosa e vitale per la sua identità e missione, confermando Rete Due nella sua forma attuale, continuando a offrire il parlato, ovviamente anche sul web. Tutto ciò nel rispetto delle riduzioni di bilancio a cui tutta la SSR è chiamata».

La petizione: «Più di 7'000 firme in due giorni» - Intanto una petizione online lanciata martedì 8 dicembre e indirizzata alla Direzione generale della SSR ha già raccolto oltre 7'000 firme in due giorni. «Con questa petizione - sottolinea il primo firmatario Graziano Terrani - chiediamo di non smantellare una rete radiofonica culturale. Alla SSR chiediamo di pensare, una volta tanto, anche alle minoranze che agli indici di ascolto prediligono gli indici di gradimento».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Frankeat 9 mesi fa su tio
Mi spiace per quei pochi, pochissimi, che la ascoltano e mi dispiace ancora e molto di più per quelli che ci lavorano. Ma Rete Due sono anni che è in vita grazie ai respiratori (giusto per restare in tema...)
pontsort 9 mesi fa su tio
Quasi eliminare il parlato vorrebbe dire creare un doppione con swiss Classic, quindi tanto varrebbe chiudere
Equalizer 9 mesi fa su tio
Non sanno mai come alleggerire le spese, chiudete Rete2, tanto il 98% dei ticinesi non se ne accorgerà nemmeno.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MANNO/ LOCARNO
1 ora
Ecco perché questi studenti non si vaccinano
Alla SUPSI è in corso una rivolta silenziosa. Una raccolta firme contro il Certificato Covid. Le voci dei protagonisti.
LUGANO
2 ore
Stragi, killer e vite blindate (e non): parla Michele Santoro
Il famoso giornalista italiano sarà ospite questa sera all'Endorfine Festival di Lugano. Lo abbiamo intervistato.
CANTONE
12 ore
Vaccinazione, future mamme preoccupate
L'Eoc è confrontato con i dubbi delle donne in dolce attesa. Il primario Papadia fa chiarezza
LUGANO
13 ore
Un centro tamponi nel parcheggio del Casinò
La casa da gioco offre la possibilità di effettuare un test a tutti i suoi clienti che non dispongono del certificato.
CANTONE
15 ore
Le 24 misure del PS per trasformare il Ticino
Il progetto intende contribuire a costruire un Cantone «inclusivo, sostenibile e accogliente».
CANTONE
16 ore
Città Ticino si scopre "Sfittopoli": urge ricontare
La situazione dello sfitto nei centri appariva drammatica, invece è tragica
FOTO
MENDRISIO
17 ore
Il giallo diventa più verde
L’organizzazione di recapito del Mendrisiotto è la prima in Ticino ad avvalersi di veicoli completamente elettrici.
CANTONE
20 ore
L'elettricità di 150'000 famiglie per il secondo tubo del San Gottardo
L'energia necessaria per la realizzazione del traforo sarà fornita da un consorzio che unisce AET ed EWA-energieuri
CANTONE
20 ore
L'intelligenza artificiale che tiene sotto controllo il cuore
Ecco un progetto “made in Ticino” pensato per i pazienti affetti da disturbo del ritmo cardiaco su base genetica
CANTONE
22 ore
Covid in Ticino: 21 nuovi casi, stabili i ricoverati
Non si contano nuove vittime della malattia. Sette le classi tuttora in quarantena.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile