Archivio Tipress
CANTONE
08.12.20 - 13:040

«Il Governo aiuti i ristoratori... e non solo!»

Una mozione PPD chiede di accompagnare le nuove restrizioni con misure finanziarie

BELLINZONA - Da domani, 9 dicembre, i bar dovranno chiudere alle 19. Mentre per i ristoranti l'attività si deve fermare alle 22. Sono i nuovi provvedimenti anti-coronavirus annunciati ieri dal Governo ticinese. Provvedimenti che rischiano di mettere ulteriormente in difficoltà l'intero settore, come sottolinea oggi una mozione PPD al Consiglio di Stato.

Una mozione - sottoscritta dai deputati Giorgio Fonio, Maurizio Agustoni, Fiorenzo Dadò e Marco Passalia - che chiede di accompagnare le misure in questione con aiuti finanziari. «Questo per evitare in maniera concreta che al termine dell'emergenza sanitaria ci si ritrovi ad affrontare un'emergenza sociale e occupazionale».

Per quanto riguarda la ristorazione, i granconsiglieri ricordano che dopo il lockdown della scorsa primavera, le attività hanno affrontato investimenti notevoli per implementare le misure necessarie volte a garantire la sicurezza degli avventori: dal sistema di tracciamento al disinfettante, dall'installazione di pareti in plexiglass all'impiego della mascherina.

Ma anche altri settori economici sono toccati dalle limitazioni imposte alla ristorazione. «Ambiti che purtroppo sono dimenticati da molti e dall'opinione pubblica e che si ritrovano a subire pesantemente le conseguenze del Covid e delle varie restrizioni». Si parla, per esempio, di affittacamere oppure prestatori di servizio e fornitori legati alla gastronomia.

I deputati chiedono pertanto che vengano messi in atto aiuti finanziari volti a indennizzare gli esercizi pubblici e tutte quelle attività economiche che hanno subito restrizioni, «riconoscendo loro la perdita rilevante di fatturato in base ai risultati ottenuti l'anno recedente la chiusura nello stesso periodo dell'anno».

TOP NEWS Ticino
CANTONE
41 min
Il permesso B? «Non è un reale domicilio»
Il Tribunale federale ha chiarito un punto importante per gli stranieri che chiedono una residenza in Ticino
FOTO
CANTONE
1 ora
Un expo virtuale ticinese, una prima mondiale
Ated-ICT Ticino e il partner ADVEPA hanno lanciato un progetto all'avanguardia per le aziende ticinesi
CANTONE
1 ora
La difesa: «L’imputato ha già pagato»
L’avvocato Ravi ha chiesto una condanna per omicidio colposo e la scarcerazione immediata.
FOTO
ASCONA
2 ore
New Orleans e Ascona, il gemellaggio celebrato da un'opera di street art
Realizzato da due sorelle valmaggesi, il dipinto verrà presentato questo sabato a suon di jazz e... jambalaya
CANTONE
3 ore
Ha ucciso per soldi? «Non è credibile»
Il processo per il delitto di Muralto del 9 aprile 2019 si è oggi riaperto con l’arringa difensiva
CANTONE
3 ore
Meno ricoverati e casi in Ticino, ma c'è un altro morto
Stabili i positivi, oggi 26. Non ci sono nuove quarantene di classe.
CANTONE
4 ore
Sui controlli dei Certificati Covid, USI e SUPSI si spaccano
Da uno scambio di note interne emerge lo scetticismo del rettore dell'USI per la "via" imboccata dalla SUPSI
CHIASSO
5 ore
Una serata test in vista di Nebiopoli
Sabato al Palapenz si terrà un "evento di test" per capire come potrà essere organizzata l'edizione 2022 del carnevale.
MURALTO/ LUGANO
7 ore
Bocche cucite sui test non fatti sul corpo della vittima
Processo per il delitto in hotel: il giudice Ermani aveva "bacchettato" il medico legale. Nessuno al momento replica.
LUGANO
8 ore
«Io non giocherò più al calcio, ma ti spacco la faccia»
Torna la violenza nel calcio regionale. Ma l'origine del male risale a tanti anni fa.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile