tipress
CANTONE
08.12.20 - 08:110
Aggiornamento : 09.12.20 - 10:30

«Dobbiamo ringraziare i confederati»

Un calo del 17 per cento "da incorniciare". Il direttore di Ticino Turismo Angelo Trotta festeggia, ecco perché.

BELLINZONA - Un meno 17 per cento da incorniciare. Nell'anno più nero per il turismo svizzero, il calo di pernottamenti registrato in Ticino è oro: a livello federale il crollo è stato del 39 per cento, oltre il doppio. Per questo Angelo Trotta, raggiunto al telefono da tio.ch/20minuti, è di buon umore. 

«Abbiamo salvato il salvabile». Il direttore di Ticino Turismo ha ricevuto questa mattina i dati divulgati dall'Ufficio federale di statistica, e non nasconde il sollievo. Nei primi dieci mesi del 2020 le notti trascorse negli alberghi svizzeri sono scese «drammaticamente», con punte del 92 per cento in meno in aprile, 79 per cento in maggio. A ottobre la media nazionale è stata del 33 per cento in meno, rispetto allo stesso mese dell'anno scorso. 

Vogliamo vedere il bicchiere mezzo pieno, quindi?
«Certamente è stato un anno difficile, con un calo notevole, non c'è dubbio. Ma tutto sommato è andata meno peggio di quanto temessimo, nel nostro cantone. A ottobre in Ticino i pernottamenti sono aumentati del 18 per cento rispetto all'anno prima». 

Anche in positivo, un dato decisamente anomalo. 
«Non era mai successo, almeno non negli ultimi anni, di avere un aumento del genere in un solo mese. È un trend che dura da alcuni anni, quello del turismo autunnale, favorito dal clima che negli ultimi tre mesi è stato fantastico. Ma era difficile prevedere un risultato simile». 

Cosa ha giocato a favore?
«Il clima, come detto. E il grande afflusso di turisti svizzeri. I confederati ci hanno salvato: hanno rappresentato l'88 per cento dei turisti, quest'anno. Di solito viaggiavamo sul 60 per cento. A partire dall'estate come Ticino Turismo abbiamo dirottato quasi tutto il budget pubblicitario su campagne promozionali rivolte al mercato svizzero. Ha pagato, devo dire. Ma anche dal Sud della Germania sono arrivati in molti». 

Luci e ombre. Chi ha sofferto di più?
«Alcune regioni si sono difese molto bene, come Ascona e Locarno. Bellinzona ha patito di più. Nel Luganese abbiamo visto buoni risultati a ottobre, ma ha pesato la mancanza del turismo d'affari, specie per alcuni alberghi urbani». 

Qualcuno invece ci ha guadagnato?
«In generale, gli alberghi di alto livello hanno tenuto botta. So di alcuni 5 stelle ad Ascona che hanno fatto addirittura meglio dell'anno scorso. È la conferma di una strategia su cui puntiamo da tempo, quella del turismo di qualità. In futuro vogliamo puntare ancora di più sul segmento alto, ma anche sul turismo sostenibile». 

Ora inizia la stagione sciistica. E non mancano le polemiche. 
«Per il Ticino non si tratta di mesi tradizionalmente importanti. È chiaro che altri cantoni, come i Grigioni, il Vallese, Berna, abbiano molto a cuore questa stagione. Chiudere gli impianti sarebbe stata una catastrofe. In Ticino i flussi sono ridotti». 

In primavera il vostro settore ha fatto lobbying per riaprire in fretta. Oggi?
«A maggio si trattava di riaprire i campeggi, in particolare, che erano stati fortemente penalizzati. Nelle scorse settimane a livello sia cantonale che federale le organizzazioni di categoria hanno fatto molto, senz'altro, per prolungare gli aiuti pubblici, e per non cedere alle pressioni di Francia e Italia sulla questione sciistica. Come detto, non tanto per il Ticino, ma per altri cantoni, era ed è una questione vitale». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Gus 7 mesi fa su tio
Certo il turismo invernale delle Valli per Trotta è figlio di un dio minore. Non conta niente. Vade retro Trotta!
Tato50 7 mesi fa su tio
Per averci magari "impestato" visto che eravamo messi meno peggio e poi sono arrivati loro che adesso ci hanno battuti in fatto di contagi. A meno che li abbiamo "impestati" noi !!! ;-))
marco17 7 mesi fa su tio
@Tato50 Come detto, sempre colpa degli altri. Se i Ticinesi avessero rispettato tutte le norme d'igiene e di distanziamento, come avrebbero potuto gli "altri" impestare i Ticinesi? $sei un po' patetico con le tue accuse ridicole.
marco17 7 mesi fa su tio
Più che il coronavirus bisogna temere il livore (unito alla scarsa intelligenza) di molta gente. Per molti ticinesi (basta leggere qualche commento qui sotto) la colpa di tutto è sempre degli altri. In questo caso - in alternativa ai frontalieri che restano il bersaglio preferito - sarebbero i turisti svizzero tedeschi, senza i quali però un numero ben superiore di attività economiche, a cominciare dalal ristorazione, sarebbero in grave difficoltà. Già, ma ci lavorano quasi solo stranieri e frontalieri ... Gli svizzeri tedeschi devono veramente amare il Ticino: continuano a venirci anche se sono presi a pesci in faccia e a calci nel fondoschiena.
F/A-19 7 mesi fa su tio
Come sempre il compromesso Svizzero paga. Come il fatto che siamo una piccola nazione molto ben’organizzata, le decisioni vengono date in modo rapido e modificate all’occorrenza. Sono contento per il fatto che i nostri politici trovano sempre soluzioni di compromesso, chi cerca di tirare fuori il massimo da queste situazioni particolari c’è la fa. Il nostro paese poi ha dato prova di aiuti immediati dal lato finanziario tramite lavoro ridotto e prestiti COVID, molti lavori pubblici in cantiere da subito, regole non troppo restrittive e responsabilita personale. Penso che dovremmo essere fieri di vivere in un paese come questo.
Meck1970 7 mesi fa su tio
2-3 mesi di lavoro, con gli affitti da pagare durante il lockdown non salva un bel niente. Chiedete ai ristoratori .....
Meck1970 7 mesi fa su tio
2-3 mesi di lavoro, con gli affitti da pagare durante il lockdown non salva un bel niente. Chiedete ai ristoratori ..... e a tante aziende.
Luca 68 7 mesi fa su tio
come si può pensare al turismo in un anno come questo? già troppa gente è arrivata in Ticino durante l'estate. dimenticavo l'economia prima di tutto.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
5 ore
Clinica Santa Chiara: Swiss Medical Network estromesso dal CdA
Fuori il CEO del gruppo Dino Cauzza. Lo comunica la parte lesa stessa.
PONTO VALENTINO
7 ore
Il dottor Ostinelli invita sull'Arca: «Non sarà un ritrovo di "no vax"» promette
L'associazione organizza domani il primo evento pubblico e gratuito: «Il tempo delle polemiche è finito» dice il medico
CANTONE
7 ore
Pochi radar, ma un po' ovunque
Controlli in tutti e gli otto distretti ticinesi tra il 26 luglio e il primo agosto.
CANTONE
7 ore
Ticinesi diretti a sud: «Dopo la prima dose, su richiesta, un certificato parziale»
Il Cantone reagisce ai cambiamenti annunciati ieri dal Governo italiano. Le spiegazioni del Sic
CANTONE
8 ore
Case anziani: visite giornaliere di nuovo possibili
Il Medico cantonale ha deciso di allentare le direttive che riguardano alcune strutture sociosanitarie ticinesi.
BELLINZONA
10 ore
«Così proviamo a far vivere (e sorridere) Bellinzona»
Non solo Castle On Air. Da qualche settimana al Parco Urbano c'è il lounge garden B'easy.
CANTONE
12 ore
Legge cantonale sulla polizia: Losanna respinge il ricorso
I giudici del Tribunale federale hanno confermato la legittimità delle misure introdotte nel 2018.
BELLINZONA
13 ore
«Quel bus navetta ha distrutto la nostra felicità»
Un pensionato è sul piede di guerra per la cancellazione dei parcheggi lungo la via che porta al popolare ponte tibetano
CANTONE
15 ore
In Ticino altri tre ricoveri e 32 contagi
Le persone ospedalizzate a causa del coronavirus sono undici, due delle quali in terapia intensiva.
MENDRISIO
16 ore
Disintossicarsi dal digitale, sul Generoso si può fare
A Capolago è possibile depositare smartphone e tablet e prendersi una pausa dalla vita virtuale.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile