Immobili
Veicoli
Anche Coopaso getta la spugna: «È triste, ma non possiamo più andare avanti»
Ti-Press
I sorrisi di dieci anni fa si contrappongono alla tristezza odierna.
BELLINZONA
07.12.20 - 14:010
Aggiornamento : 18:45

Anche Coopaso getta la spugna: «È triste, ma non possiamo più andare avanti»

Dopo dieci anni trascorsi a organizzare eventi il comitato della cooperativa bellinzonese ha depositato i bilanci.

Il capolinea è stato dettato da molte motivazioni, ma la pandemia ha giocato un ruolo determinate: «L'annullamento del festival Bellinzona Blues e l'incertezza per il futuro non ci permettono di continuare».

BELLINZONA - Anche Coopaso soccombe alla pandemia. «Malgrado tutto l'impegno profuso - precisa il comitato della cooperativa - abbiamo dovuto gettare la spugna e depositare i bilanci».

La situazione creatasi a seguito dell'emergenza sanitaria è infatti troppo grave per continuare. «Non possiamo andare avanti così», sottolineano con tristezza quelli di Coopaso. «La pandemia non solo ci ha costretto ad annullare il festival Bellinzona Blues e ci ha limitato nell’organizzazione di eventi “minori”, ma ci impedisce, considerata l’incertezza del momento, anche di pensare al prossimo festival e agli eventi collaterali per il 2021».

In dieci anni di attività la Società Cooperativa Paso ha promosso, oltre al festival blues bellinzonese, ben 500 eventi sempre gratuiti. «La precarietà finanziaria che sempre ha accompagnato la nostra attività ci ha portato a una situazione di stallo dalla quale contavamo di uscire proprio con il festival 2020, il quale avrebbe previsto, per la prima volta, un’entrata a pagamento». Ma la pandemia ha deciso altrimenti facendo scemare anche la speranza di recuperare parte delle perdite cumulate che sono andate a erodere il capitale dei soci.

Ma non è solo l'aspetto finanziario ad aver pesato sulla decisione di chiudere. «Si sono aggiunti anche la stanchezza e lo scoramento del gruppo di lavoro (tutti volontari non retribuiti) di fronte all’impossibilità di prevedere una ripresa delle attività, nonché alle preannunciate dimissioni di tre membri del comitato, che avrebbero dovuto concretarsi con la prossima assemblea».

Il capolinea di una storia che avviene con stati d'animo contrastanti: un misto tra tristezza e consapevolezza di tutto quello che di buono si è fatto per quasi un decennio. «Siamo coscienti di aver fatto grandi cose e di aver regalato tanta musica di qualità al nostro pubblico. Partiti con un gruppo di persone spinto dalla grande passione per la musica e con grandi speranze e motivazioni nel bagaglio, nel corso degli anni abbiamo realizzato, organizzato e promosso diversi eventi che, speriamo, possano essere ricordati, come noi li ricordiamo, con tanta emozione».

Un triste epilogo figlio di diverse motivazioni, a cui la pandemia ha dato il definitivo colpo di grazia. «Dopo dieci anni alcune risorse vengono ovviamente a mancare», sottolinea il comitato. E i motivi sono diversi: «Dalla stanchezza alle motivazioni, dai cambi di visione ai motivi più personali fino alle questioni meramente finanziarie. È altresì importante capire quando è il momento di lasciare per non trascinare a tutti i costi un carro senza ruote e raggiungere con sempre più fatica un traguardo».

Il comitato però lascia aperta una porticina per il futuro: «Un libro ha più capitoli e noi ne abbiamo concluso uno. Lasciamo quindi tutto questo con la speranza che una nuova storia possa partire, magari prendendo anche qualche insegnamento da questo momento storico dove una pandemia globale ha stravolto attività, abitudini e quegli aspetti della vita quotidiana e anche culturale, ormai dati per scontati».  E chissà che in un futuro prossimo, magari con nuove forze, qualcuno non possa (ri)cominciare a scrivere le prime pagine di una nuova avventura.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 1 anno fa su tio
È adeguarsi alla situazione, i comuni cercano e pagano la gente che si mette a disposizione per lo sgombero neve, dai datevi da fare, auguri e Buone Feste
Evry 1 anno fa su tio
Oltre alle mi9sure accettabili prese in considerazione della situazione NECESSITÀ maggior controlli nei supoermercati e dare MULTE salate come sarebbe anche più che necessasariro multare SALATAMENTE chi blocca le strade senza pneumatici invernali e mettono in pericolo la vita altrui. GRAZIE e AUGURI
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE
7 ore
A 2'500 metri, meno neve del solito
L'inverno con le vette bianche si fa ancora attendere. Fino a metà febbraio non sono, per ora, previste precipitazioni
PURA / CASLANO
13 ore
Scontro tra più auto: due feriti, di cui uno grave
È successo questa mattina poco prima delle 11 in via Colombera a Pura
CANTONE
16 ore
In Ticino aumentano i ricoverati e c'è un nuovo decesso
Salgono i pazienti Covid ospedalizzati a causa del virus, ora 163, di cui 17 in cure intense.
CANTONE
1 gior
1348 nuovi positivi e un decesso in Ticino
Sono 158 i pazienti ricoverati, 16 dei quali si trovano in cure intense
AIROLO
2 gior
Sorpasso nel tunnel del San Gottardo, automobilista condannato
Un cittadino degli Emirati Arabi è stato sanzionato per la manovra compiuta lo scorso 24 novembre
LUGANO
2 gior
Davide Enderlin a processo
L'ex consigliere comunale luganese è stato rinviato a giudizio e dovrà rispondere di illeciti per oltre 3 milioni
ARBEDO-CASTIONE
2 gior
Il Motel Castione affonda schiacciato dall'Iva
Negli scorsi giorni la società ha depositato i bilanci, oggi lo stop intimato dal Cantone
CANTONE
2 gior
Ecco i prossimi radar, molti nel Luganese
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 24 al 30 gennaio
CANTONE
2 gior
Mancata riscossione dell'IVA: «Non devono essere i conducenti a risarcirla»
L'invio di un complemento di fattura dopo circa cinque anni ha fatto storcere il naso a molti.
FOTO
LUGANO
2 gior
«Ringrazio tutto il personale sanitario»
Il presidente della Confederazione ha parlato con i medici e gli infermieri in prima linea nella lotta al Covid-19.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile