Immobili
Veicoli
Anche Coopaso getta la spugna: «È triste, ma non possiamo più andare avanti»
Ti-Press
I sorrisi di dieci anni fa si contrappongono alla tristezza odierna.
BELLINZONA
07.12.20 - 14:010
Aggiornamento : 18:45

Anche Coopaso getta la spugna: «È triste, ma non possiamo più andare avanti»

Dopo dieci anni trascorsi a organizzare eventi il comitato della cooperativa bellinzonese ha depositato i bilanci.

Il capolinea è stato dettato da molte motivazioni, ma la pandemia ha giocato un ruolo determinate: «L'annullamento del festival Bellinzona Blues e l'incertezza per il futuro non ci permettono di continuare».

BELLINZONA - Anche Coopaso soccombe alla pandemia. «Malgrado tutto l'impegno profuso - precisa il comitato della cooperativa - abbiamo dovuto gettare la spugna e depositare i bilanci».

La situazione creatasi a seguito dell'emergenza sanitaria è infatti troppo grave per continuare. «Non possiamo andare avanti così», sottolineano con tristezza quelli di Coopaso. «La pandemia non solo ci ha costretto ad annullare il festival Bellinzona Blues e ci ha limitato nell’organizzazione di eventi “minori”, ma ci impedisce, considerata l’incertezza del momento, anche di pensare al prossimo festival e agli eventi collaterali per il 2021».

In dieci anni di attività la Società Cooperativa Paso ha promosso, oltre al festival blues bellinzonese, ben 500 eventi sempre gratuiti. «La precarietà finanziaria che sempre ha accompagnato la nostra attività ci ha portato a una situazione di stallo dalla quale contavamo di uscire proprio con il festival 2020, il quale avrebbe previsto, per la prima volta, un’entrata a pagamento». Ma la pandemia ha deciso altrimenti facendo scemare anche la speranza di recuperare parte delle perdite cumulate che sono andate a erodere il capitale dei soci.

Ma non è solo l'aspetto finanziario ad aver pesato sulla decisione di chiudere. «Si sono aggiunti anche la stanchezza e lo scoramento del gruppo di lavoro (tutti volontari non retribuiti) di fronte all’impossibilità di prevedere una ripresa delle attività, nonché alle preannunciate dimissioni di tre membri del comitato, che avrebbero dovuto concretarsi con la prossima assemblea».

Il capolinea di una storia che avviene con stati d'animo contrastanti: un misto tra tristezza e consapevolezza di tutto quello che di buono si è fatto per quasi un decennio. «Siamo coscienti di aver fatto grandi cose e di aver regalato tanta musica di qualità al nostro pubblico. Partiti con un gruppo di persone spinto dalla grande passione per la musica e con grandi speranze e motivazioni nel bagaglio, nel corso degli anni abbiamo realizzato, organizzato e promosso diversi eventi che, speriamo, possano essere ricordati, come noi li ricordiamo, con tanta emozione».

Un triste epilogo figlio di diverse motivazioni, a cui la pandemia ha dato il definitivo colpo di grazia. «Dopo dieci anni alcune risorse vengono ovviamente a mancare», sottolinea il comitato. E i motivi sono diversi: «Dalla stanchezza alle motivazioni, dai cambi di visione ai motivi più personali fino alle questioni meramente finanziarie. È altresì importante capire quando è il momento di lasciare per non trascinare a tutti i costi un carro senza ruote e raggiungere con sempre più fatica un traguardo».

Il comitato però lascia aperta una porticina per il futuro: «Un libro ha più capitoli e noi ne abbiamo concluso uno. Lasciamo quindi tutto questo con la speranza che una nuova storia possa partire, magari prendendo anche qualche insegnamento da questo momento storico dove una pandemia globale ha stravolto attività, abitudini e quegli aspetti della vita quotidiana e anche culturale, ormai dati per scontati».  E chissà che in un futuro prossimo, magari con nuove forze, qualcuno non possa (ri)cominciare a scrivere le prime pagine di una nuova avventura.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 1 anno fa su tio
È adeguarsi alla situazione, i comuni cercano e pagano la gente che si mette a disposizione per lo sgombero neve, dai datevi da fare, auguri e Buone Feste
Evry 1 anno fa su tio
Oltre alle mi9sure accettabili prese in considerazione della situazione NECESSITÀ maggior controlli nei supoermercati e dare MULTE salate come sarebbe anche più che necessasariro multare SALATAMENTE chi blocca le strade senza pneumatici invernali e mettono in pericolo la vita altrui. GRAZIE e AUGURI
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
2 ore
Ecco il progetto per il restauro del Pretorio di Locarno
Il Cantone ha scelto la proposta del gruppo interdisciplinare rappresentato dallo studio Bardelli Architetti associati
FOTO
LOCARNO
4 ore
«Avevamo il mondo davanti e pensavamo di poterlo cambiare»
Il 24 aprile del 1971 nasceva il primo evento autogestito in Ticino: il «Cantiere della Gioventù» a Locarno.
CANTONE
4 ore
Il PC-7 Team si allena nei cieli luganesi
Voli acrobatici sopra l'aerodromo di Agno il 1. e il 2 giugno prossimi
LUGANO
7 ore
Due foreign fighters ticinesi, pentiti ma non troppo
Negli ultimi tre anni due ticinesi sono stati condannati per avere combattuto all'estero. Li abbiamo intervistati
CANTONE
14 ore
«Ma quindi casa tua è in affitto?», c'è una nuova truffa su WhatsApp
Che segue una analoga di poco meno di un anno fa. E il consiglio del Centro di cibersicurezza di Berna vale ancora
CANTONE
19 ore
Le api ticinesi stanno un po' meglio di quelle svizzere
I nostri apicoltori sono attualmente impegnati nel raccolto primaverile. «Il miele di quest'anno è di qualità».
FOTOGALLERY E MAPPA
CANTONE
20 ore
Da Breggia a Braggio: alla scoperta dei nostri mulini
Tredici in Ticino e uno in Calanca: ecco le strutture che apriranno le porte durante la Giornata Svizzera dei Mulini.
CANTONE/SVIZZERA
1 gior
San Gottardo preso d'assalto: 10 km di coda
Durante la notte la situazione si era calmata, ma in prima mattinata era già da bollino nero
CANTONE
1 gior
I frontalieri in telelavoro «vanno regolarizzati»
Un'interrogazione firmata Plr e Ppd chiede al Consiglio di Stato di attivarsi
CUGNASCO GERRA
2 gior
Dieci anni dopo, in memoria di Alan
Giubileo per la Birra Bozz. Il titolare Richy Bozzini porta avanti il sogno del fratello, morto di cancro alle ossa.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile