TiPress (archivio)
CANTONE
03.12.20 - 09:320

«Quello di domani sarà un risveglio invernale»

MeteoSvizzera preannuncia un'allerta meteo di grado 4. La conferma attesa in mattinata

LOCARNO - «Neve chiama neve». Dopo il primo breve "antipasto" di ieri, MeteoSvizzera questa mattina conferma che domani «ci sveglieremo in veste invernale».

La nuvolosità, si legge nel "bollettino social" pubblicato su Facebook, aumenterà nel corso del pomeriggio, mentre la prima neve è attesa nella tarda serata.

«La neve cadrà su tutta la giornata di venerdì per poi alzarsi di quota», annuncia Locarno Monti, preannunciando un allerta «che sarà di grado 4», che dovrebbe essere confermata nel corso della mattinata, con i relativi dettagli.

Parlando di quantitativi però, le previsioni si sbilanciano già avvisando che «la neve sarà già misurabile il mattino». Ma non solo: «La pala sarà necessaria in giornata, l'auto dovrebbe restare a casa, il camino obbligatoriamente acceso, e il telelavoro da casa (per chi può) per una volta non sarà causa di un virus».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Sam Ronca 1 mese fa su fb
Finalmente non si parla di covid.
Lucia Mazzoni 1 mese fa su fb
pillola rossa 1 mese fa su tio
Allerta grado cinquemilaquattrocentosessantotto... oh, l'è nef nèh
La Mary 1 mese fa su fb
Elena Elen Volpe 1 mese fa su fb
Bellisima la neve
don lurio 1 mese fa su tio
Ho preso nota dalle dalle diverse info meteo : internet /giornali /TV mi domando quali siano verosimilmente che si accostino alle previsioni dico 75 % .
negang 1 mese fa su tio
Mi raccomando ! Tutti gli storditi che non hanno le gomme da neve, quelli che le hanno ma non sanno guidare, le mammine che alle 8 del mattino rompono le palle con improbabili SUV di dimensioni mai viste che portano a scuola un pischello di 30 kg domani lo infilino su un BUS che arriva lo stesso a scuola o lo fanno andare a piedi mezz'ora prima Ma soprattutto chi puo' lavorare da remoto lo faccia !!!
Timea Szentesi Ragusa 1 mese fa su fb
Irene Sorbo😂😂
Irene Sorbo 1 mese fa su fb
Timea Szentesi Ragusa
Luca 68 1 mese fa su tio
speriamo in una bella nevicata,
Kiko Gozzi 1 mese fa su fb
Quando ti risvegli un soffice manto nevoso, quando esci na palta unica, cit.Paro
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Processo per abusi: «Erano solo degli incontri, senza sesso»
L’ex funzionario del DSS nega di aver costretto la giovane ad avere dei rapporti
CANTONE
2 ore
Personale sociosanitario: «Ora basta! Mobilitiamoci!»
L'idea di manifestare nasce dalla bocciatura della rivalutazione salariale del personale infermieristico dell’Osc.
CANTONE
4 ore
Covid: sette ricoveri, ma 17 dimessi
Nelle ultime 24 ore sono 48 i nuovi positivi al Coronavirus. Purtroppo ci sono anche 4 vittime.
MENDRISIO
4 ore
Con 400 grammi di eroina in auto: arrestato un 19enne
Il giovane è stato fermato martedì 26 gennaio nei pressi dello svincolo di Mendrisio dalle guardie di confine.
CANTONE
4 ore
L’ex funzionario DSS: «Ho ricevuto telefonate e messaggi anonimi»
Si è aperto il processo in appello per abusi sessuali avvenuti tra il 2004 e 2005.
CANTONE
5 ore
Valanghe, bollino rosso nell'Alto Ticino
Allerta di grado 4 nell'Alta Leventina e nella Valle Bedretto, sopra i 1'800 metri
LUGANO
6 ore
«Quel ragazzo disabile va vaccinato»
Una madre alle prese col figlio “che non sta mai fermo” e che non rispetta le misure anti Covid. Vaccino negato.
CANTONE
8 ore
L'ex funzionario DSS torna alla sbarra
Si apre oggi il processo in Appello. Ma stavolta si trattano soltanto i fatti relativi a una delle tre vittime
CANTONE
8 ore
Telelavoro obbligatorio, ma stesso traffico
La conta dei veicoli mostra che la chiusura dei negozi avrebbe inciso più dello smart working che marcia sul posto
BELLINZONA
18 ore
«Non abbiamo potuto dirgli addio»
L'ultimo saluto è un diritto garantito (in teoria) anche in tempi di Covid. Ma allo Iosi qualcosa è andato storto
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile