tipress
BELLINZONA
02.12.20 - 19:280

I giovani ne hanno combinate (anche con il Covid)

Furti, incendi, reati sui social, assembramenti. Il punto con il Magistrato dei minorenni

BELLINZONA - Risse alla pensilina Botta di Lugano. L'incendio di una stalla a Malvaglia, per cui sono stati denunciati tre 14enni. E poi furti, danneggiamenti, spaccio di stupefacenti. I giovani in Ticino non si sono fatti mancare una buona dose di reati più o meno gravi, anche con il Covid. Sulla scrivania del Magistrato dei minorenni Reto Medici i procedimenti nei giorni scorsi hanno «superato quota mille». Entro fine anno «è probabile che arriveremo ai livelli degli anni passati» spiega il giudice.

Il dato non implica che il lockdown e le restrizioni attuali non abbiano inciso, anzi. «Il confinamento ha creato e crea senz'altro tra i giovani una sofferenza, che in mancanza di possibilità di sfogo può sfociare in tensioni e aggressività» spiega Medici. «Non dimentichiamo che per i giovani lo sport e le occasioni sociali sono importantissimi». Se durante il lockdown dunque i reati comuni - furti, spaccio, guida senza patente - sono diminuiti «fortemente», l'estate ha segnato un picco «che ha compensato il calo primaverile».

Le cose sono migliorate con la riapertura delle scuole a settembre. E - sembrerebbe - anche grazie all'approccio "soft" adottato a Berna e Bellinzona: tra marzo e aprile le multe per assembramenti giovanili sono stimabili in alcune centinaia. «Solo quelle contestate» spiega Medici «sono state un'ottantina». Da settembre invece «abbiamo aperto solo quattro o cinque procedimenti nei confronti di minori».

Il motivo è che «durante lo stato di necessità gli assembramenti erano perseguibili con delle semplici contravvenzioni» illustra il magistrato. «Questo vale anche per i minorenni. Attualmente invece rientrano nella procedura ordinaria, per cui è necessario condurre il giovane in commissariato, interrogarlo davanti ai genitori e informare la Magistratura. La polizia ha adottato saggiamente la strategia di sensibilizzare e responsabilizzare, tranne casi particolari in cui si è incontrata maggiore resistenza o disobbedienza».

Per il resto, nella casistica dei reati al primo posto spiccano furti e danneggiamenti - come sempre - seguiti da infrazioni alla legge sugli stupefacenti e sulla circolazione stradale (guida senza patente in primis). Un aumento da segnalare è quello dei reati commessi sui social, dove bullismo, ingiurie e pornografia vietata sono cresciuti ancora. Un trend già registrato negli anni scorsi, ma «sicuramente accresciuto dal confinamento domestico». 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
36 min
Mascherine, è iniziata la guerra dei prezzi
A gennaio, la domanda di FFP2 è aumentata notevolmente. Ma non in Ticino
LUGANO
1 ora
Cade dalla scalinata, finisce in ospedale
L'incidente si è verificato sulla strada che transita sul Ponte del diavolo.
CANTONE
6 ore
Delitto di Muralto: 30enne a processo per assassinio
È stato rinviato a giudizio il cittadino germanico che era stato fermato a seguito dei fatti del 9 aprile 2019
CANTONE
7 ore
Negli ospedali ci sono meno di 200 pazienti col coronavirus
Le autorità sanitarie cantonali segnalano altri 58 contagi e 6 nuovi decessi
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Salt: «Problema tecnico risolto»
I primi disagi erano stati riscontrati attorno alle 15 di ieri. Il guasto è stato sistemato in tarda serata
FOTO E VIDEO
AIROLO
7 ore
Tampona un camion fermo sull'A2: è gravissimo
L'incidente è avvenuto questa mattina nei pressi dell'area di servizio di Stalvedro.
VIDEO
CANTONE
8 ore
In moto anche d'inverno: attenzione a ghiaccio e temperature!
Il TCS: «La guida di una due ruote esige, come per l'auto, una prudenza e un'attenzione permanente»
VIDEO
SEMENTINA
11 ore
«Gira poca gente, affari giù del 50%»
Crisi Covid: stare a casa equivale a usare poco l'auto. Sconforto tra i benzinai. Lo sfogo del 35enne Davide Ciaburri.
LUGANO
11 ore
La Moncucco chiude due reparti Covid
Si inizia a tirare il fiato alla Clinica impegnata nella lotta al virus. Il direttore: «Ultimi numeri incoraggianti».
CANTONE
21 ore
Pizzicato il consumo a ridosso dei take away
Tra assembramenti e clienti che mangiano sul posto non tutti i ristoratori rispettano le direttive anti Covid
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile