Keystone
ORSELINA
03.12.20 - 06:000
Aggiornamento : 10.12.20 - 11:40

Maradona voleva curarsi in Ticino: ecco come andò

Il fatto risale al primo lustro degli anni 2000. Il ricordo di Claudio Filliger, ex direttore della Clinica Varini.

L'affare sfumò. Lo staff del "Pibe de Oro" desiderava un piano tutto per l'ex calciatore. E non voleva pagare un franco. Anche Stefano Gilardi, ex presidente del FC Locarno, rievoca la vicenda.

ORSELINA - Diego Armando Maradona continua a fare discutere. Anche da morto. E anche nella Svizzera italiana, dove a un certo punto della sua vita il "Pibe de Oro" si sarebbe potuto curare. Verso il 2005, infatti, ci fu la concreta possibilità che l'ex campione del mondo argentino, deceduto di recente all'età di 60 anni, si disintossicasse da una ricaduta nel mondo della cocaina proprio in Ticino, più precisamente presso la Clinica Varini di Orselina.

I pullman pronti a partire da Napoli – «Mi ricordo bene questo aneddoto – spiega Claudio Filliger, ex direttore della prestigiosa struttura sanitaria –. La notizia fece parecchio discutere. E la cosa incredibile è che, senza alcuna ufficialità, c'erano già tanti pullman da Napoli, la sua "seconda patria", carichi di tifosi di Maradona, pronti a venire in Ticino per sostenerlo». 

Pretese di un certo livello – Ma come si arrivò a questa trattativa? «Grazie in particolare a un nostro collaboratore argentino e al dottor Stefano Gilardi, ex presidente del Football Club Locarno, che aveva contatti con l'Argentina». L'affare, tuttavia, sfumò. «E non solo perché lo staff di Maradona voleva avere a disposizione un intero piano della nostra clinica, cosa per noi poco funzionale. Ma anche perché nessuno avrebbe pagato le spese di riabilitazione dello stesso Maradona. Non c'era questa intenzione. Ci dicevano che avremmo avuto in cambio un grande ritorno di immagine».

Un segreto difficile da nascondere – Certo, sarebbe stato prestigioso avere un paziente del genere. E Filliger non lo nega. «Ma noi non avevamo bisogno di tutta questa pubblicità. La discrezione per le clinica è sempre stata fondamentale. Lo è ancora oggi. Siamo riusciti a curare tanti vip senza che i media lo sapessero. Nel caso di Maradona era praticamente impossibile tenere segreto il suo possibile arrivo. L'entusiasmo era troppo alto. Basti pensare ai pullman di Napoli, appunto». 

Chiesti anche spazi sportivi – Stefano Gilardi, a lungo timoniere delle "bianche casacche", rievoca l'accaduto con simpatia. «Fu messa in piedi una macchina enorme per cercare di accogliere al meglio questo personaggio importante. A noi del FC Locarno avevano chiesto anche uno spazio allo Stadio del Lido, per il suo recupero fisico. Ci tenevamo a farci trovare pronti. Alla fine lavorammo tantissimo per niente. Maradona non arrivò mai nel Locarnese e si curò altrove». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Processo per abusi: «Erano solo degli incontri, senza sesso»
L’ex funzionario del DSS nega di aver costretto la giovane ad avere dei rapporti
CANTONE
1 ora
Personale sociosanitario: «Ora basta! Mobilitiamoci!»
L'idea di manifestare nasce dalla bocciatura della rivalutazione salariale del personale infermieristico dell’Osc.
CANTONE
3 ore
Covid: sette ricoveri, ma 17 dimessi
Nelle ultime 24 ore sono 48 i nuovi positivi al Coronavirus. Purtroppo ci sono anche 4 vittime.
MENDRISIO
3 ore
Con 400 grammi di eroina in auto: arrestato un 19enne
Il giovane è stato fermato martedì 26 gennaio nei pressi dello svincolo di Mendrisio dalle guardie di confine.
CANTONE
3 ore
L’ex funzionario DSS: «Ho ricevuto telefonate e messaggi anonimi»
Si è aperto il processo in appello per abusi sessuali avvenuti tra il 2004 e 2005.
CANTONE
4 ore
Valanghe, bollino rosso nell'Alto Ticino
Allerta di grado 4 nell'Alta Leventina e nella Valle Bedretto, sopra i 1'800 metri
LUGANO
5 ore
«Quel ragazzo disabile va vaccinato»
Una madre alle prese col figlio “che non sta mai fermo” e che non rispetta le misure anti Covid. Vaccino negato.
CANTONE
7 ore
L'ex funzionario DSS torna alla sbarra
Si apre oggi il processo in Appello. Ma stavolta si trattano soltanto i fatti relativi a una delle tre vittime
CANTONE
7 ore
Telelavoro obbligatorio, ma stesso traffico
La conta dei veicoli mostra che la chiusura dei negozi avrebbe inciso più dello smart working che marcia sul posto
BELLINZONA
17 ore
«Non abbiamo potuto dirgli addio»
L'ultimo saluto è un diritto garantito (in teoria) anche in tempi di Covid. Ma allo Iosi qualcosa è andato storto
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile