O.Cartu
RIVA SAN VITALE
07.12.20 - 06:400

Questo ragazzo non ha Fifa di giocare per vincere

Per Mateo Bosnjak il noto videogioco calcistico è più di una semplice passione.

Grazie a ore e ore di pratica (e studio), in Ticino ha sbaragliato la concorrenza. E adesso sogna in grande.

RIVA SAN VITALE - C’è chi usa la console saltuariamente per trascorrere qualche momento spensierato e chi invece la usa praticamente tutti i giorni, dando vita a vere e proprie sfide agonistiche. Di questa seconda categoria fa parte Mateo Bosnjak, un giovane momò per il quale Fifa, il noto videogioco calcistico, è qualcosa di più di una semplice passione.

Ore e ore davanti allo schermo - Una dedizione che lo porta evidentemente a trascorrere parecchie ore con la manopola in mano. «Cerco di non esagerare e difficilmente vado oltre le quattro ore di gioco al giorno», spiega il 24enne di Riva San Vitale. Anche perché non è facile mantenere sempre lo stesso livello quando giochi per troppo tempo. «Fortunatamente sono abituato a trascorrere tante ore davanti a uno schermo e non mi pesa». 

Lo studio oltre al gioco - Oltre alle sfide, gli allenamenti consistono in uno studio quasi maniacale del gioco e degli avversari: «Quella è la parte più importante - sottolinea -, perché ogni anno il gioca cambia e capirne le meccaniche è fondamentale. E non sempre le capisci tu, ma le vedi dagli altri. Per questo parte del tempo viene dedicato a guardare le partite dei giocatori più bravi. Per imparare determinate cose ci è voluto più di un anno».

Un sogno chiamato professionismo - I suoi genitori gli hanno sempre detto di “pensare alle cose più importanti” - nonostante tutto si è appena laureato in architettura - ma dalle parole di Mateo (nome utente Teo_Boz) si capisce chiaramente quale sia il suo sogno: diventare un giocatore professionista di quello che è ormai diventato a tutti gli effetti uno sport. Non a caso si sta considerando la possibilità di vedere competizioni di questo tipo ai Giochi Olimpici di Parigi del 2024.

Il divertimento non basta - E per raggiungerlo, il divertimento non è sufficiente. Certo, provare piacere nel fare qualcosa è basilare, ma servono anche concentrazione, ambizione e consapevolezza nei propri mezzi. Che a Mateo non mancano. «Non voglio sembrare arrogante, ma sono pochi i giocatori che guardano il gioco come lo guardo io. Tutti pensano a divertirsi e pochi guardano il lato competitivo come faccio io. E di conseguenza perdono, perché non si dedicano al gioco come me».

Da Riva San Vitale all'Europa - In Ticino ha sbaragliato la concorrenza in ognuno dei tornei a cui ha partecipato, senza mai perdere un solo incontro. Nelle scorse settimane Mateo ha preso parte al suo primo torneo nazionale ufficiale (Credit Suisse e-Arena) conquistando il secondo posto. Un ottimo risultato che gli ha dato ancor più la consapevolezza di non essere un semplice giocatore amatoriale. E che gli ha aperto le porte ad alcune competizioni che si disputano fra i migliori giocatori d'Europa.

O.Cartu
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
MENDRISIO
7 ore
«Oggi qualcuno sorride, ma altri piangono»
È entrato in vigore stamattina il divieto di transito attraverso il nucleo di Ligornetto. Non mancano però le lamentele.
CANTONE
8 ore
Tre nuove quarantene di classe in Ticino
Scendono a quota 7 gli ospedalizzati a causa del virus.
SONDAGGIO
CANTONE
10 ore
Canarie e Dubai fanno il pieno di turisti ticinesi
In vista delle vacanze autunnali, le prenotazioni sono in aumento. Ma non sono ancora al livello pre-crisi
CANTONE
12 ore
«Ci chiamano doule, accompagniamo alla vita, ma anche alla morte»
Assistono al parto, ma sono presenti anche al termine di una vita. Una di loro racconta cosa vuol dire essere doula.
CAPOLAGO
21 ore
Una sella di capriolo "no vax"
I ristoratori si ingegnano per accogliere i clienti non vaccinati. Anche in camper, se serve.
LUGANO
1 gior
Per Film Festival Diritti Umani Lugano il ritorno in sala è stato davvero dolce
Si conclude oggi un'edizione 2021 che non si è fermata davanti al Covid e ha puntato anche sullo streaming
CANTONE
1 gior
«I pazienti chiedono la terza dose»
Medici di base sollecitati «con insistenza». Secondo Christian Garzoni è il momento di introdurla
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
1 gior
Parco giochi nel mirino di un automobilista
Nella notte una vettura ha divelto una rete metallica e demolito una panchina ad Arbedo. È caccia all'auto
LUGANO
1 gior
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
1 gior
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile