deposit
CANTONE
03.12.20 - 07:000
Aggiornamento : 10:28

Aumenta la disoccupazione, ma anche i permessi G: «Ecco perché»

Il sindacalista Gargantini spiega il meccanismo morboso messo in atto: «Si prendono tre precari al posto di uno fisso»

L'invito rivolto ai lavoratori: «Denunciate». E ai datori di lavoro: «Ricorrete agli aiuti invece di licenziare»

LUGANO - La pandemia di Coronavirus è entrata a gamba tesa nella vita della popolazione del mondo intero, mettendo in ginocchio anche l'economia mondiale (e la Svizzera e il Ticino non sono rimasti indenni).  Lo dimostrano l'aumento del tasso di disoccupazione per i residenti in Ticino, ma anche per i frontalieri (tanto che l’Ocst negli scorsi giorni preconizzava fino a 4000 licenziamenti entro fino anno). Ciò nonostante, si registra un'impennata dei permessi G (che hanno superato soglia 70mila).

Il paradosso - Come può accadere che, a fronte di un'evidente crescita della disoccupazione, aumentino gli impieghi? «È possibile con la precarizzazione del lavoro - sottolinea Giangiorgio Gargantini, segretario regionale di Unia Ticino -. Quello che era prima un posto di lavoro ora ne diventa tre». 

Tre al posto di uno - Ciò avviene con un meccanismo tanto semplice quanto pericoloso: «Licenzio una persona che lavora al 100% e ne prendo tre su chiamata - spiega Gargantini -. Guardando il numero dei contratti interinali, dei lavori su chiamata, dei contratti precari - nella vendita l'esempio va ai contratti 8/20 ore o addirittura 0/8 ore -, appare chiaro: questa è una forma di precariato che va a colpire residenti e non, e che favorisce quell'aumento dei posti di lavoro che altrimenti non si spiegherebbe. Non può certo, va detto, essere considerato un passo avanti del mercato dell'occupazione ticinese». 

Precarietà e permessi G - Che questa precarietà si trasformi in una crescita dei permessi G è una conseguenza ovvia. «Più i lavori sono precari, e non permettono quindi di vivere in Ticino, più una parte di residenti semplicemente non può postulare per questi lavori. Chi accetta è chi in qualche modo si accontenta perché può viverci».

Colpiti tutti i settori - Un fenomeno, questo, che non sta colpendo solo il settore della vendita: «In realtà è trasversale - prosegue il sindacalista -. Vengono assunte persone per lavorare solo un giorno, ad esempio il sabato. Fanno 8 ore, poi se c'è bisogno durante la settimana vengono chiamate. Anche la ristorazione e l'alberghiero non sono esenti da questo meccanismo. Che è in espansione in tutto il settore terziario (con meno contratti collettivi e quindi meno strutturato), ma anche nei settori più storici e tradizionali quali l'industria e il cantiere».

L'ombra del lavoro nero - Ciò, chiaramente, favorisce in qualche modo il lavoro nero: «Con contratti con così poche ore - ammette Gargantini - a volte ci chiediamo come un’azienda possa andare avanti. E c'è chiaramente il sospetto che se ne facciano molte di più». 

La paura a denunciare - Chi dovrebbe denunciare, poi, ha sempre più paura: «La preoccupazione di mantenere il posto è enorme. Oggi, ancor più con la pandemia, si tende ad accettare situazioni al limite della legalità. O anche oltre». 

«Manca protezione contro il licenziamento» - Per Gargantini mancano delle forme di tutela: «Penso alla protezione contro il licenziamento - spiega - che permetterebbe a chi denuncia di non essere vittima di ritorsioni». L’invito è a non avere paura: «Bisogna semmai discutere con il sindacato come procedere proteggendo al contempo il lavoratore». 

«Ricorrete agli aiuti» - Il sindacalista non dimentica chi è dall'altra parte, il datore di lavoro, e in particolare chi a sua volta si sta trovando ad affrontare un momento difficilissimo. E che spesso non sa come correre ai ripari: «Per loro, ricordo, ci sono tutta una serie di misure di sostegno. A oggi, non sono conosciute da tutti. Il nostro suggerimento è quello d'informarsi e di farvi ricorso invece di procedere a licenziamenti o prima di precarizzare l'impiego». Quindi lancia un monito: «Attenzione, perché i passi indietro che faremo sarà poi difficile recuperarli domani».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
45 min
Ticinesi pazzi per la sella: «Ne vendiamo tre tonnellate al mese»
La sella di capriolo è uno dei piatti maggiormente in voga in questo periodo dell’anno. E i numeri lo confermano.
TENERO
2 ore
In spiaggia anche in inverno
Ripartire da una disavventura? Capita al bagno pubblico, colpito pesantemente dal maltempo lo scorso luglio.
LUGANO
5 ore
Tassisti aggrediti dal branco
Un pestaggio è avvenuto sabato notte in Via Pretorio: due persone sono rimaste lievemente ferite.
MENDRISIO
6 ore
Colpo di scena: Ligornetto riapre al traffico in transito
La misura non potrà essere attuata, fintanto che il TF non si sarà espresso sull'effetto sospensivo richiesto da Stabio
LOCARNO
7 ore
Un nuovo futuro per il Grand Hotel Locarno
L'edificio costruito fra il 1874 e il 1876 diverrà una moderna struttura alberghiera.
LUGANO
9 ore
«I contrari non hanno capito un tubo»
Il Municipio di Lugano dice la sua nella campagna sul Polo Sportivo. Sparando a zero sugli oppositori
CANTONE
11 ore
In Ticino altri 20 contagi
Aumentano leggermente i nuovi positivi. Il bollettino del medico cantonale
LUGANO
13 ore
Aeroplanini attorno al carcere
Gli appassionati di modellismo aereo entrano in "rotta di collisione" con la Stampa. È già successo un incidente
CONFINE
14 ore
Da Amsterdam a Milano con 5 kg di fumo
Un 57enne è stato fermato al valico di Brogeda grazie al fiuto del cane "Anima".
CANTONE
15 ore
«Duecento invitati, come un matrimonio etero»
A un mese dal referendum, in Ticino le coppie gay si preparano a un'estate di matrimoni. Ma servirà pazienza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile