«Guido io? Guidi tu? Per la sicurezza di tutti: chi guida non beve»
Deposit
CANTONE
01.12.20 - 10:420
Aggiornamento : 16:31

«Guido io? Guidi tu? Per la sicurezza di tutti: chi guida non beve»

Il DI torna a sensibilizzare la popolazione sui pericoli di mettersi al volante dopo aver alzato il gomito.

Nel 2019 in Ticino ci sono stati 290 incidenti causati dall'abuso di alcol: 85 hanno provocato feriti o morti.

BELLINZONA - «Chi guida non beve». È il monito lanciato dal Dipartimento delle Istituzioni in vista delle prossime feste di Natale. La campagna, lanciata in collaborazione con la Polizia cantonale, intende infatti sensibilizzare la popolazione sui pericoli di mettersi al volante dopo aver alzato troppo il gomito. «L'alcol alla guida - ricorda il DI - continua a essere uno dei maggiori problemi riscontrati in ambito di circolazione stradale».

290 incidenti in Ticino - E i numeri del 2019 - riportati dall'USTRA - certificano questa problematica. In Svizzera, infatti, si sono verificati 3'870 incidenti, la cui causa principale è attribuibile all’alcol. Di questi, circa 2'400 si sono conclusi con dei danni materiali, mentre in oltre 1'400 casi vi sono state delle conseguenze per le persone con esiti che vanno dal ferimento lieve fino alla perdita della vita. In Ticino, invece, ci sono stati 290 incidenti causati all'abuso di alcol: 85 di questi hanno provocato feriti o morti.

Saltate 951 patenti per l'alcol - A questi numeri, già di per se impressionanti, si aggiungono poi quelli relativi ai ritiri di patente per inattitudine alla guida: 13'128 in Svizzera e ben 951 in Ticino. «Sono cifre importanti che non possono che rafforzare il messaggio preventivo di non bere quando ci si mette alla guida», commenta il DI. « Nel caso in cui si sia ecceduto con l’alcol, le migliori soluzioni per il rientro al domicilio sono di utilizzare i mezzi pubblici, il taxi o comunque di farsi riaccompagnare da chi non ha bevuto».

Giocare d'anticipo - Un'altra buona regola è quella di stabilire in anticipo chi guida. «È fondamentale - continua il Dipartimento delle Istituzioni - definire il “safe-driver” il quale si impegnerà a non consumare alcolici e a garantire un rientro sicuro al domicilio».

La monetina - In occasione della campagna di prevenzione sarà distribuito un portachiavi che custodisce una moneta che riporta da un lato la scritta “guidi tu” e dall’altro la scritta “guido io”. «Un piccolo sacrificio e una scelta responsabile possono infatti fare la differenza per il conducente e per tutti gli altri utenti della strada».  

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TI.CH 9 mesi fa su tio
Quando noi usciamo per andare al ristorante con amici o conoscenti o anche solo con mia moglie, uno di noi a turno non beve alcool perché deve guidare; non é poi così difficile" questo sacrificio" ma risparmia molti guai.
Lore61 9 mesi fa su tio
@TI.CH Certo, è soprattutto non bere un buon bicchiere di vino a cena, perché (sempre che non sei astemio), diventi talmente ubriaco che non ti reggi nemmeno più in piedi... Un pericolo assoluto!
Tato50 9 mesi fa su tio
lollo68 !! Sei del mestiere ? Guarda che i blocchi che vengono fatti sia al pomeriggio che di notte prevedono il controllo dell'alcolemia. Non bisogna ammazzare un bambino di 13 mesi ( quello di mia figlia ) per fare l'esame ;-((
lollo68 9 mesi fa su tio
Purtroppo i controlli vengono fatti solo in caso di incidente quando è ormai troppo tardi.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
18 min
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CADENAZZO
2 ore
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
CANTONE
7 ore
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
7 ore
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
RIAZZINO
8 ore
Al Vanilla si torna a ballare
Il reopening, a lungo rimandato a causa della pandemia, è previsto per il 9 ottobre prossimo.
LOCARNO
11 ore
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
22 ore
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
MENDRISIO
1 gior
La biblioteca si trasferisce e diventa una palestra
Il progetto SportAcademy riunirà sotto lo stesso tetto, a Genestrerio, diverse discipline sportive.
CANTONE
1 gior
Salario minimo: «La situazione va monitorata»
Le parti convocate al tavolo delle discussioni hanno condiviso che la deroga prevista per i CCL non va stralciata.
CANTONE
1 gior
Fattacci fra Semine e Locarno, arrivano le prime sospensioni
Per far luce sull'accaduto è stata pure avviata un'inchiesta, il cui rapporto è atteso a inizio ottobre.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile