La "bella vita" dei magnaccia in Ticino
foto Tik Tok
CANTONE
01.12.20 - 08:000
Aggiornamento : 10:30

La "bella vita" dei magnaccia in Ticino

Auto di lusso, shopping sfrenato. Sui social i protettori delle prostitute si esibiscono. E intanto scattano le manette

Due 38enni accusati di sfruttamento della prostituzione nel Bellinzonese. Ma il fenomeno resta ampio e visibile. Lo dicono le testimonianze e le segnalazioni in polizia

LUGANO - Porsche, Lamborghini, vestiti griffati, shopping nelle boutique di via Nassa. E le prostitute pagano il conto. Anche in Ticino i protettori si arricchiscono sfruttando le ragazze nei postriboli o negli appartamenti a luci rosse, e non fanno niente per nasconderlo.

Le foto di auto lussuose e pose "da nababbi" parlano da sole, postate sui social dai diretti interessati o inviate in redazione dai lettori indignati. Ma qualche volta finiscono male. È il caso ad esempio di due 38enni rumeni, entrambi residenti nel Bellinzonese, arrestati per ordine del Ministero Pubblico nei giorni scorsi.

Attraverso «un sistema di controllo e sfruttamento» avrebbero gestito un giro di prostituzione. I due prendevano una quota su ogni prestazione, e in più si facevano pagare affitti esorbitanti dalle ragazze. L'inchiesta è coordinata dal procuratore Nicola Respini, le misure sono state convalidate dal giudice dei provvedimenti coercitivi. 

Ma i "magnaccia" in circolazione sono tanti, e il fenomeno non è certo nato ieri. In passato abbiamo raccontato il problema attraverso la testimonianza di chi in quel mondo ci lavora, nei postriboli o in associazioni come l'antenna MayDay, che fornisce sostegno e consulenza alle prostitute. Anche in Gran Consiglio la questione "protettori" è stata sollevata nelle discussioni sulla nuova legge sulla prostituzione.

Tutti concordano su un punto: «Le ragazze hanno paura di denunciare». In compenso gli stessi sfruttatori - o presunti tali, fino a sentenza - non sembrano preoccuparsi di nascondere la propria attività. Le segnalazioni inviate a tio.ch/20minuti dai lettori si sprecano. Mostrano auto di grossa cilindrata - Mercedes, Bmw, anche una Bentley e una Lamborghini - regolarmente con vetri oscurati, avvistate nei dintorni della zona a luci rosse di Grancia-Pazzallo. 

In un caso un testimone racconta di avere visto scendere da una di queste auto - una Bentley con targa rumena - due ragazze straniere, accompagnate dall'autista all'interno dell'ufficio postale di Grancia. «Le ho viste entrare e depositare denaro, il tutto sotto gli occhi di questo minaccioso accompagnatore» racconta il lettore. «E non è la prima volta. Vengono continuamente dai postriboli qui attorno». 

Anche sui social i protettori non si nascondono. Su Tik Tok circolano video di auto sempre diverse, sempre con targhe rumene, con sullo sfondo scorci di Lugano e del distretto di Grancia-Pazzallo. In un filmato un 30enne rumeno entra con una ragazza discinta in un negozio di via Nassa, appoggia sul bancone 700 franchi in banconote, davanti a un commesso sorridente. Un altro mostra una Mercedes che sfreccia a 230 km all'ora su un'autostrada del Nord-Italia. 

Lo stesso personaggio è stato segnalato alla Polizia comunale di Lugano e alla Teseu: per alcune settimane avrebbe sfruttato una prostituta all'interno di un appartamento di vacanze in via La Roggia a Cassarate. Secondo i vicini di casa «andava e veniva continuamente» in mezzo al via vai dei clienti. «Abbiamo anche il sospetto che picchiasse la ragazza - raccontano - la sentivamo spesso lamentarsi».

Situazioni alla luce del sole, per cui - nel caso dei due 38enni arrestati - la Procura ha ipotizzato persino il reato di tratta di esseri umani. I due arrestati negano ogni addebito. Ma qualche vittima evidentemente ha iniziato a denunciare. Chissà che, con la nuova legge sulla prostituzione, anche i video su Tik Tok diventeranno meno spavaldi. 

foto Tik Tok
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile