Tipress (archivio)
CANTONE
27.11.20 - 14:000
Aggiornamento : 16:30

«Molte imprese non rispettano le misure anti-Covid»

Il sindacato Unia ha presentato un'analisi dettagliata del fenomeno, analizzando la situazione su 132 cantieri.

Mascherine e disinfettanti presenti, ma non ovunque. Tracciamento (quasi) assente. Quarantene non rispettate. Distanziamento problematico. Il sindacato denuncia uno «scenario desolante» in diversi cantieri: «Chiediamo maggiori controlli a SUVA e Cantone».

BELLINZONA - «La responsabilità delle imprese lascia a desiderare per quanto riguarda il rispetto delle misure anti-Covid sui cantieri». È questa la conclusione di un'analisi statistica condotta da Unia tra l'11 e il 17 novembre su 132 cantieri ticinesi, numero questo che corrisponde a circa il 13-15% del totale, e che è stata presentata oggi durante una conferenza stampa su Zoom.

«Situazione catastrofica» - Un grido d'allarme in questo senso era già stato lanciato - lo scorso 9 novembre - dai delegati nazionali del settore edilizia del sindacato che avevano denunciato la «situazione catastrofica» vissuta sui cantieri elvetici per quanto riguarda la protezione individuale anti-covid 19. Lo scenario è desolante e mostra «distanze non rispettate, poche mascherine, mancanza di messa in quarantena malgrado colleghi trovati positivi e controlli rari».

Le cinque misure - Prendendo spunto dalla situazione nazionale, il sindacato Unia Regione Ticino e Moesa ha voluto approfondire e valutare quella ticinese. E le cose, come detto, non sono andate benissimo. Il sindacato ha infatti posto domande relative le cinque principali misure di prevenzione della salute degli edili: ovvero presenza e fornitura di disinfettante e mascherine, applicazione o meno di un sistema di tracciamento, aumento o meno del numero di baracche e della loro igienizzazione. 

Una su quattro senza disinfettante - La prima misura esaminata da Unia, è quella relativa alla presenza di disinfettante. Una prevenzione facilmente attuabile, diranno molti, ma che però non viene rispettata da tutti. Anzi. «33 ditte - precisa il sindacato - non fornisce infatti il prodotto». Sul posizionamento, quasi il 69% dei cantieri riforniti afferma che il disinfettante «è presente solo nelle baracche», mentre in più del 74% dei cantieri sondati «non esistono apposite postazioni con disinfettante» a disposizione dei lavoratori all'esterno.

DisinfettanteNo
Fornito dalla ditta75%25%
Presente in baracca68.94%31.06%
Sono presenti delle postazioni sul cantiere25.76%74.24%

 

Venti imprese non forniscono la mascherina - Per quanto riguarda le mascherine protettive, in 112 cantieri «questo fondamentale strumento di protezione» viene fornito dall'impresa. Interessante è però valutare anche la frequenza con cui le mascherine vengono messe a disposizione degli operai. Quattro cantieri su cinque hanno precisato di fornirla «su richiesta», mentre quasi il 10% le consegna «giornalmente» ai lavoratori. E solo il 7% «molto raramente». Ma quello che preoccupa Unia veramente è che venti imprese non forniscano mascherine ai loro dipendenti. «Siamo stupiti e amareggiati che non si sentano minimamente in obbligo di fornire alle proprie maestranze questo semplice ma basilare strumento di protezione individuale».

MascherineNo
Fornite dalla ditta84.85%15.15%

 

Tracciamento questo sconosciuto - Nella maggioranza dei cantieri il tracciamento è considerato un orpello inutile. E non viene neppure tenuto un registro all'entrata. E se questo non è un grosso problema in quelli piccoli, dove bene o male le maestranze si conoscono, diventa invece enorme nei cantieri più grandi. Dopo il lockdown, rivela l'analisi di Unia, solo 30 ditte hanno introdotto un sistema di tracciamento. E solo sei lo ha mantenuto in vigore «seriamente» per almeno quattro mesi. Ancora peggio i risultati relativi alla seconda ondata: solo diciotto ditte hanno infatti introdotto il contact-tracing. «Di conseguenza - precisa Unia - è impossibile affermare che nei cantieri ticinesi non ci siano focolai del virus poiché non esiste alcuna possibilità di tracciare la propagazione dello stesso a partire da questi posti di lavoro. Se a ciò si aggiunge il fatto, più volte denunciato, che molti imprenditori nascondono quarantena e contagi dei propri dipendenti, lo scenario risulta allarmante».

Tracciamento cantiereNo
Dopo il lockdown è stato introdotto? 22.73%77.27%

 

Distanziamento e pulizia baracche - Anche per quanto riguarda distanze e igiene nelle baracche le cose non vanno benissimo. Le distanze sono infatti rispettate solo in 75 cantieri e solo il 14.29% delle aziende hanno pensato a soluzioni alternative, come far mangiare i dipendenti a turni, per risolvere il problema. «Ciò significa - precisa Unia - che la responsabilità nel trovare una soluzione è scaricata agli operai, i quali devono ricavare dei locali mensa alternativi». Nella bella stagione, naturalmente, questo problema non si poneva, ma tutto è cambiato con l'arrivo del freddo». Anche per quanto riguarda l'igiene e la pulizia dei locali comuni (baracche e bagni) non si ravvisano cambiamenti tra la fase normale e quella post lockdown. «Anche qui - conclude Unia - sono gli operai che cercano di ovviare a questo problema, naturalmente sprovvisti degli strumenti tecnici specifici».

Distanziamento e igiene baraccheNo
Le baracche sono abbastanza grandi per rispettare le distanze?57.58%42.42%
Se non c'è abbastanza spazio, sono organizzati turni?14.29%85.71%
Baracche e bagni sono lavati con maggiore frequenza e igienizzati?19.70%80.30%

 

Pochissimi controlli - In tutti i cantieri visitati è stata confermata, da parte degli operai, la totale assenza d'interventi specifici supplementari relativi all’applicazione conforme dei “controlli Covid-19 sui cantieri” definiti dalla Seco e della Suva. «L'inchiesta - precisa Unia - mette in evidenza come sui cantieri la lotta alla pandemia sia un fattore chiaramente secondario davanti agli imperativi di continuare a macinare cifra d’affari e profitti. Evidentemente i martellanti appelli alla responsabilità individuale si arrestano sulle soglie delle imprese edili». Considerato tutto questo il sindacato esige da SUVA e Cantone «l’aumento di controlli, approfonditi e articolati, sui cantieri edili e artigianali» e «il rispetto vincolante delle misure di protezione» da parte delle imprese, perché «l’economia non può essere sostenuta a qualunque costo» soprattutto quando sussiste il rischio di «aggravare gli effetti della pandemia».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Armando Rotta 1 mese fa su fb
132 cantieri controllati in 5 giorni lavorativi... 26 cantieri al giorno comprese le trasferte immagino, ma in quanti siete ???
Anide Pinco 1 mese fa su fb
Cari sindacati ...che cari non siete per nulla. Cominciate a controllare di più chi impiega lavoratori non dichiarati, cominciate a controllare quelli che percepiscono la disoccupazione ma lavorano in nero, cominciate a interessarvi di più delle persone che vogliono lavorare in nero e vi assicuro che con voi e con gli ispettori del lavoro potreste fare di più se solo la smetteste di lamentarvi e cominciaste a fare.
Giovanni Mino 1 mese fa su fb
Ma davvero?ah non lo sapevo 🤔
Jason Gantenbein 1 mese fa su fb
Da 10 anni che lavoro sul cantiere e non ho mai visto un controllo dei sindacati o suva... ovviamente la gente sene frega
Marko Vucic 1 mese fa su fb
Ma non ci credo!!!!
pillola rossa 1 mese fa su tio
Pochi sono convinti che le misure servano a qualche cosa per cui si fa buon viso a cattiva sorte. Si cerca di rispettare come si può per non fare polemica. Mi chiedo come possa continuare a stare in piedi questa farsa.
Sam Ronca 1 mese fa su fb
Avete rotto
Raffaella Norsa 1 mese fa su fb
perché ci sono delle misure anti covid?
Loris Bianchi 1 mese fa su fb
Ma basta con sta farsa ! Basta ....
Diego Ciriello 1 mese fa su fb
FFS, LA POSTA.
Giuseppe Militello 1 mese fa su fb
Scoperta acqua calda. Ma partire dal vedere se le condizioni lavorative e contrattuali siano rispettate no? I diritti dei lavoratori non sono polizze sulla casa e devono essere tutelati anche prima di iscriversi ad un sindacato.
Igor Petralli 1 mese fa su fb
Ci voleva un sondaggio. Bravi. Pirloni
Marco Fraschina 1 mese fa su fb
Oddio
F/A-19 1 mese fa su tio
Continuo a non conoscere nessuno che è morto di COVID, solo dei casi positivi in piena salute, gente che è costretta a quarantene ma in piena salute e per sentito dire qualche anziano che dalle varie cade anziani per un po’ di tosse o febbre viene trascinata all’ospedale, poi di loro non si sa più niente, qualcuno muore ed i parenti vengono tenuti lontani ed all’oscuro di tutto. Mah!
Gladys Roland Brender 1 mese fa su fb
Basta aumentare le multe!
Luca 68 1 mese fa su tio
i cantieri vanno chiusi, troppo complicato fare rispettare le regole, in cantiere si deve solo correre e rendere
pillola rossa 1 mese fa su tio
Questo dimostra che le misure preventive attuate non hanno alcun influsdo sul virus.
Luca 68 1 mese fa su tio
si insiste a tenere aperto, ma in cantiere praticamente nessuno rispetta niente, non è evidente come potrebbero pensare quelli c'è preparano le raccomandazioni anti covid.
joe69 1 mese fa su tio
Desolante si... spesso e volentieri sui furgoni sono in coppia o addirittura in 3 e tutti rigorosamente senza mascherina!! sui cantieri distanze zero, mascherina... sotto il mento!!! Ora nn esiste più la scusa del caldo,;-) pertanto si può indossare benissimo e anzi, preserva anche i polmoni da polvere ecc...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 min
Spese personali con i crediti Covid: due arresti
I due hanno recepito oltre un milione e mezzo di franchi fornendo a più riprese informazioni false
CANTONE
1 ora
Bus strapieni: il Cantone interviene (in parte)
Sono molte le richieste e le lamentele inoltrate al Dipartimento del territorio.
FOTO
LOCARNO
3 ore
Ecco la prima vaccinata del Fevi
La campagna vaccinale anti-Covid è scattata ieri: la prima a ricevere il preparato è stata la signora Silene Fasnacht.
CANTONE
4 ore
74 nuovi casi di coronavirus, quattro i decessi
I letti occupati da pazienti Covid-19 sono oggi 215 (28 in terapia intensiva). Due settimane fa erano 366
MONTE CARASSO
4 ore
Fermato con oltre mille chili di generi alimentari non dichiarati
Tutta merce non dichiarata per rifornire un ristorante nel Liechtenstein.
FOTO E VIDEO
CANTONE
5 ore
Giovani e Covid, quei momenti dove i controlli vengono meno
Nei bus come sardine. O a scuola, nelle pause, vicini e senza mascherine.
MENDRISIO
8 ore
Video anti vaccino, e i dottori si infuriano
Roberto Ostinelli, medico controcorrente, invita tutti a boicottare Pfizer e compagnia. Forti le reazioni.
CANTONE
8 ore
Vite e sogni appesi a una borsa
Nel 2019/20 il Cantone ha erogato assegni e prestiti di studio per 21 milioni di franchi
CANTONE
17 ore
«Stiamo distruggendo i giovani»
Francesca Rigotti, filosofa ed esperta in dottrine politiche, ospite di Piazza Ticino. Guarda l'intervista video.
CANTONE / CONFINE
23 ore
Sul cellulare le foto dei box svaligiati, dalla dogana all'arresto
Il 20enne è stato pizzicato in sella a una bici rubata la notte stessa.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile