Archivio Tipress
CANTONE
27.11.20 - 06:310
Aggiornamento : 10:15

Scuole e lockdown: «È stato possibile contenere gli effetti negativi»

Ma è fondamentale garantire le lezioni in presenza il più a lungo possibile, «adottando tutte le misure necessarie»

Durante quest'anno scolastico in Ticino la quarantena di classe è stata ordinata in una trentina di casi

BELLINZONA - Lo scorso 31 agosto circa cinquantamila allievi sono tornati nelle aule scolastiche ticinesi. E da allora si fa tutto il possibile perché le scuole non debbano nuovamente chiudere i battenti, nonostante la seconda ondata di coronavirus che sta colpendo anche il Ticino. Le lezioni in presenza sono infatti considerate come un tassello fondamentale. E interromperle avrebbe «conseguenze drammatiche», come ha detto lo scorso mese il consigliere di Stato Manuele Bertoli, direttore del Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport (DECS).

E in effetti il lockdown della scorsa primavera ha influenzato negativamente l'andamento scolastico di molti allievi, in particolare di quelli più svantaggiati. Perlomeno nei Paesi Bassi, dove - grazie ai dati di un test nazionale condotto prima e dopo la sospensione dell'insegnamento a distanza - ricercatori dell'Università di Oxford hanno potuto dimostrare che i progressi nell'apprendimento sono stati del 20% inferiori del previsto.

In Ticino com'è andata? «Grazie al lavoro svolto già durante il lockdown e alla tempestiva riapertura delle scuole dell'obbligo la scorsa primavera è stato possibile contenere gli effetti negativi della chiusura sui programmi scolastici e sul divario tra allievi» ci dicono dal DECS. «All'inizio di quest'anno scolastico la normale fase diagnostica da parte di docenti, ispettori, esperti e altri operatori della scuola è inoltre stata particolarmente approfondita, permettendo così una pianificazione e progettazione adeguata ai bisogni formativi effettivi rilevati».

Sull'impatto del lockdown sugli allievi ticinesi si possono tuttavia fare soltanto delle supposizioni, come affermano dal DECS, in quanto - a differenza dei Paesi Bassi - non sono disponibili risultati di prove standardizzate condotte prima e dopo la chiusura. «Le scuole elementari olandesi a cui si riferisce lo studio sono rimaste chiuse otto settimane, pari al 20% del loro anno scolastico» osserva il Dipartimento, sottolineando che anche in Ticino gli istituti sono rimasti chiusi per otto settimane. «Ma l'anno scolastico è più lungo, dunque probabilmente l'impatto del lockdown, proporzionalmente, è stato più contenuto».

L'improvviso passaggio, la scorsa primavera, all'insegnamento a distanza, in Ticino sarebbe comunque stato affrontato bene. È quanto emerge da indagini realizzate dal Dipartimento formazione e apprendimento della SUPSI e dall'Istituto per la valutazione esterna delle scuole di livello secondario II (IPES): «Il DECS - ci spiegano - ha approntato in tempi celeri l'infrastruttura informatica necessaria, nel frattempo ulteriormente potenziata, e ha provveduto a formare docenti sulla didattica a distanza al fine di essere pronti ad affrontare al meglio l'evenienza di un'eventuale ulteriore periodo d'insegnamento a distanza». Ma l'obiettivo attuale, come detto, è di «garantire la scuola in presenza il più a lungo possibile, adottando tutte le misure necessarie».

Oltre all'adozione di piani di protezione - lo ricordiamo - nelle scuole ticinesi possono scattare quarantene di classe in presenza di due o più allievi positivi nella medesima classe. Inoltre, dallo scorso 9 novembre nelle scuole medie del nostro cantone è scattato l'obbligo di mascherina per tutti, docenti e allievi. Per quanto riguarda le quarantene, sinora il provvedimento è stato ordinato per 29 classi (in Ticino si contano 803 sezioni di scuola elementare, 607 di scuola media e 1'159 delle scuole postobbligatorie cantonali).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
4 ore
L'obiettivo: ri-vaccinare trentamila anziani entro Natale
Ecco la tabella di marcia delle autorità sanitarie cantonali per la somministrazione del richiamo
CANTONE
7 ore
Mortale in pista: condanna confermata
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso contro la sentenza per l'omicidio colposo avvenuto all'aeroporto di Lodrino
BRISSAGO
8 ore
Un'intera scuola in quarantena
Le elementari in isolamento. Domani partono i test a tappeto: «Ma solo per chi vuole farli»
CANTONE
10 ore
Sono 25 i nuovi contagi in Ticino
Fortunatamente da oltre due settimane non si registrano vittime
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
Casse malati: migliaia di franchi risparmiati con pochi trucchi
Mediamente i premi malattia per il 2022 sono scesi. Ma di fatto per molti aumenteranno, anche in modo marcato.
CANTONE
12 ore
I ticinesi pagheranno più cari i regali?
La carenza di materie prime preoccupa i negozianti. Federcommercio: «Situazione da non sottovalutare»
CANTONE
14 ore
Caro "cannone", a che prezzo sarai legale?
Settimana scorsa un nuovo sprint in avanti del Parlamento sulla via per la depenalizzazione della canapa.
CANTONE
14 ore
«Abbiamo dovuto nutrire le api o sarebbero morte»
Il presidente della Società Ticinese Apicoltori: «Possibile un aumento dei costi».
CANTONE
1 gior
«Mi sono aggrappata alla vita»
La vittima della sparatoria di Solduno prende la parola su Instagram
CANTONE
1 gior
«A rischio l'esistenza di molte aziende, mancano materie prime»
Le previsioni del direttore della Camera di commercio: «Speriamo che per l'estate prossima tutto si normalizzi, ma...»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile