keystone
CANTONE
23.11.20 - 07:000
Aggiornamento : 09:37

I ticinesi che portano le bollette alla Caritas

L'associazione benefica ha ricevuto oltre 700 richieste d'aiuto in più da marzo. Ecco chi sono i nuovi poveri del Covid

LUGANO - C'è chi si è presentato con il premio della cassa malati da pagare. Chi con la bolletta della luce, o il sollecito del padrone di casa. Padri divorziati, in difficoltà con gli alimenti. E indipendenti, «tanti indipendenti» incalzati dai fornitori.

Agli sportelli di Caritas Ticino negli ultimi mesi si è messa in coda una folla nuova, facce che i volontari non avevano mai visto prima o molto raramente. Sono i "poveri del Covid", o quasi poveri, che le restrizioni anti-coronavirus hanno spinto sotto la soglia dell'autonomia finanziaria.

Persone che «magari già prima della pandemia erano in un equilibrio economico precario» spiega il direttore della Caritas Marco Fantoni. «È bastato un calo delle entrate, anche temporaneo, per far saltare quell'equilibrio».

I numeri raccolti dall'organizzazione caritatevole - la più grande nella Svizzera italiana - riflettono l'andamento dei contagi da marzo a oggi. In primavera Fantoni ha registrato un aumento del 30 per cento delle richieste di aiuto.

A giugno la situazione «è progressivamente rientrata ai livelli pre-Covid per fortuna» e con la seconda ondata «stiamo assistendo purtroppo a un nuovo aumento». In tutto, dati alla mano, 700 persone in più rispetto al solito, per un totale di 150 famiglie e un centinaio di single o padri divorziati. 

Quest'ultima categoria è considerata «a rischio particolarmente elevato» in quanto sottoposta a un regime di doppie spese. Ma anche i lavoratori indipendenti hanno contribuito «in modo importante» a ingrossare la coda dei bisognosi. «Molti, come sappiamo, si sono trovati a lungo senza aiuti pubblici», sottolinea Fantoni, «senza contare i professionisti che si erano da poco messi in proprio, e che hanno ricevuto sussidi non proporzionati ai loro bisogni».

Le associazioni benefiche non si possono sostituire allo Stato: gli aiuti erogati sono consistiti principalmente «nel pagamento di fatture» oppure «in buoni pasto» che possono sbloccare risorse per altre voci di spesa. Quando il budget è contato - i volontari della Caritas lo sanno bene - il cibo viene prima delle bollette. E il rischio per molti è di ritrovarsi, quando la crisi sarà finita, sommersi dai debiti. 

TOP NEWS Ticino
CANTONE
26 min
Mascherine, è iniziata la guerra dei prezzi
A gennaio, la domanda di FFP2 è aumentata notevolmente. Ma non in Ticino
LUGANO
1 ora
Cade dalla scalinata, finisce in ospedale
L'incidente si è verificato sulla strada che transita sul Ponte del diavolo.
CANTONE
5 ore
Delitto di Muralto: 30enne a processo per assassinio
È stato rinviato a giudizio il cittadino germanico che era stato fermato a seguito dei fatti del 9 aprile 2019
CANTONE
6 ore
Negli ospedali ci sono meno di 200 pazienti col coronavirus
Le autorità sanitarie cantonali segnalano altri 58 contagi e 6 nuovi decessi
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Salt: «Problema tecnico risolto»
I primi disagi erano stati riscontrati attorno alle 15 di ieri. Il guasto è stato sistemato in tarda serata
FOTO E VIDEO
AIROLO
7 ore
Tampona un camion fermo sull'A2: è gravissimo
L'incidente è avvenuto questa mattina nei pressi dell'area di servizio di Stalvedro.
VIDEO
CANTONE
8 ore
In moto anche d'inverno: attenzione a ghiaccio e temperature!
Il TCS: «La guida di una due ruote esige, come per l'auto, una prudenza e un'attenzione permanente»
VIDEO
SEMENTINA
11 ore
«Gira poca gente, affari giù del 50%»
Crisi Covid: stare a casa equivale a usare poco l'auto. Sconforto tra i benzinai. Lo sfogo del 35enne Davide Ciaburri.
LUGANO
11 ore
La Moncucco chiude due reparti Covid
Si inizia a tirare il fiato alla Clinica impegnata nella lotta al virus. Il direttore: «Ultimi numeri incoraggianti».
CANTONE
20 ore
Pizzicato il consumo a ridosso dei take away
Tra assembramenti e clienti che mangiano sul posto non tutti i ristoratori rispettano le direttive anti Covid
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile