Keystone - foto d'archivio
CANTONE / SVIZZERA
20.11.20 - 06:000

«Pronti ad accogliere pazienti di cure intense da altri cantoni»

In tutta la Svizzera ci sono ancora 314 letti disponibili. Ma potrebbero rendersi necessari spostamenti sovraregionali

L'UFSP: «Dall'Italia invece non è arrivata nessuna richiesta ufficiale. Se pervenisse, verrà esaminata».

BELLINZONA - «Gli 876 letti per terapia intensiva certificati e riconosciuti dalla Società svizzera di medicina intensiva (SSMI), normalmente disponibili in Svizzera per il trattamento degli adulti, attualmente sono praticamente tutti occupati». È questa la frase che ha creato scalpore ieri, soprattutto in Italia. Perché in Svizzera i media avevano riportato la comunicazione della SSMI interamente: «Oltre alla creazione di nuovi posti, il sovraccarico ha potuto essere evitato grazie al rinvio di operazioni non urgenti».

Ancora 314 letti liberi in cure intense - La situazione, seppur delicata, non è così tragica. Lo ha confermato il consigliere federale Alain Berset in conferenza stampa da Lugano: «Ci sono 511 persone affette da Covid-19 nelle cure intense, 315 con altre patologie. Abbiamo ancora 314 letti liberi» (dato del 18 novembre). La preoccupazione, piuttosto, è per il personale di cura: «Ogni letto in cure intense ha bisogno di personale specializzato e oggi è questo che ci preoccupa». 

Trasferimento di pazienti tra cantoni - Negli scorsi giorni i Cantoni hanno ricevuto l'appello: «Effettuate trasferimenti sovraregionali di pazienti a partire da un’occupazione dell’80%, per mantenere la capacità d’accoglienza regionale». Una procedura per cui anche il Ticino ha dato la sua disponibilità, come confermato dal direttore della Divisione della salute pubblica, Paolo Bianchi: «Abbiamo definito una procedura di valutazione e decisione, un protocollo. Non per forza ce ne sarà bisogno, ma siamo pronti e se il tasso di occupazione dei letti da parte dei pazienti ticinesi, così come l'evoluzione del fabbisogno lo consentirà, lo potremo fare». Quella del trasferimento di pazienti in altri cantoni è anche una questione di «reciprocità e spirito di solidarietà». Durante la prima ondata tre ticinesi sono stati accolti Oltralpe. Ma - precisa l’avvocato - «non bisogna dimenticare che si tratta di un’operazione che comporta dei rischi. Non è tutto facile come sembra. Bisogna tenere in considerazione le difficoltà e i rischi sanitari del trasporto di pazienti che sono molto complessi». Si tratta infatti di persone il cui stato di salute è precario. Il direttore del Dipartimento della sanità e della socialità, Raffaele De Rosa, ha confermato che «a oggi in Ticino non ci sono pazienti da altri cantoni, ma se servirà saremo solidali».

Nessuna richiesta (ufficiale) dall'Italia - Ma nel nostro cantone si è parlato molto anche della situazione sanitaria della vicina Lombardia. «Nel triangolo Como-Monza-Varese siamo al limite delle possibilità e del collasso», aveva detto la scorsa settimana Claudio Zanon, direttore sanitario dell'ospedale Valduce di Como. E aveva poi lanciato l'appello alla Svizzera: «Se gli ospedali possono dare una mano che ci contattino, o contattiamo noi loro, ma se tra Paesi confinanti ci diamo una mano è meglio perché quello che succede oggi a noi potrebbe capitare a voi domani». Una richiesta che per ora si è fermata solo ai media. «Ufficialmente all’Ente ospedaliero cantonale (EOC) non è arrivata alcuna richiesta in questo senso - precisa Mariano Masserini, responsabile del servizio comunicazione -. Ma sono richieste che devono passare attraverso i canali istituzionali tramite le autorità sanitarie dei paesi coinvolti». E da Berna fanno sapere: «Attualmente l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) non è a conoscenza di richieste di trasferimento di pazienti covid dall'estero. Nel caso in cui verranno avanzate, la Svizzera le esaminerà. L'UFSP è comunque in contatto regolare con tutti i Paesi confinanti, compresa l'Italia».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
3 ore
Arresto "da film" sul lungolago: erano due truffatori
Le due persone fermate giovedì scorso sono sospettate di aver tentato una truffa di tipo "rip-deal".
CANTONE
4 ore
Un weekend con 38 contagi
Le strutture sanitarie accolgono 18 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
5 ore
Smaltire i rifiuti costerà meno
Dal primo gennaio 2022 il Cantone ha previsto una riduzione di dieci franchi per ogni tonnellata smaltita dai Comuni.
LUGANO
9 ore
Sempre più studenti ammassati sui bus
Grossi problemi su alcune linee. In particolare al mattino tra le 7.30 e le 8.15. La TPL cerca di correre ai ripari.
FOTO
CANTONE
9 ore
Fare del tempo libero un lavoro: alla Supsi si può
Il Bachelor in Leisure Management è un unicum in Svizzera. Ne abbiamo parlato con il responsabile Alessandro Siviero.
AUSTRIA
18 ore
Il vetraio Luca si porta a casa il bronzo
Una competizione memorabile per la Nazionale Svizzera delle professioni, che ha ottenuto 14 medaglie
CANTONE
19 ore
«C'è chi ha chiesto di entrare senza certificato, né mascherina»
Alle lamentele di alcuni familiari, che segnalano incongruenze nelle nuove normative, risponde il direttore di LIS.
CANTONE
22 ore
Guasto sulla linea e i treni vanno in tilt
Disagi importanti per chi oggi pomeriggio viaggia su rotaia con ritardi che continuano a protrarsi
CANTONE
23 ore
Matrimonio per tutti: «Ha vinto l'amore»
I Verdi applaudono quella che definiscono una «vittoria storica».
CANTONE
23 ore
Ribaltone alle urne: Ghiringhelli canta vittoria
L'iniziativa sulla legittima difesa è stata approvata dai ticinesi con il 52,4 per cento di voti favorevoli
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile