Orari posticipati a scuola, l'OCST chiede al DECS di discuterne
Foto lettore Tio/20minuti
CANTONE
17.11.20 - 11:190

Orari posticipati a scuola, l'OCST chiede al DECS di discuterne

«Condividete con le parti, scolastiche ed extrascolastiche, una valutazione della situazione per soluzioni proficue»

BELLINZONA - Venerdì 13 novembre gli allievi dei licei e della Scuola cantonale di commercio di Bellinzona hanno ricevuto una circolare interna in cui viene loro annunciato che il DECS ha deciso di posticipare di un’ora l’inizio delle lezioni al mattino. Una disposizione pensata per sgravare la pressione sui mezzi pubblici nelle ore di punta. Si moltiplicano, infatti, foto, video e lamentele di assembramenti su treni e bus, come pure alle fermate, che mal si combinano con la situazione sanitaria attuale e la richiesta di mantenere le distanze.

Ma nel weekend le imprese di trasporto pubblico si sono dette sorprese: «Non siamo state informate in anticipo dei piani del DECS e avremmo voluto saperne di più». Il sindacato indipendente degli studenti e apprendisti (SISA) ha parlato di “cerotto”, differente da «una reale soluzione», recriminando la scelta di non trattare allo stesso modo tutte le scuole post-obbligatorie.

Ora a esprimersi è anche il sindacato OCST-docenti. «La nuova disposizione oraria non rientra in nessuno dei tre scenari discussi e concordati con i rappresentanti sindacali e delle organizzazioni magistrali durante l’estate scorsa». 

La modifica dovrebbe entrare in vigore a partire da lunedì 23 novembre. Ogni sede potrà elaborare la soluzione a lei più confacente. Ma il sindacato invita il DECS a condividere con le parti, sia scolastiche, sia extrascolastiche, una valutazione della situazione per individuare insieme provvedimenti pienamente proficui. L’OCST teme infatti che i docenti siano sollecitati eccessivamente con sovraccarico di lavoro e «condizioni di lavoro in parte già modificati da settembre».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
8 ore
Ticinesi pazzi per la sella: «Ne vendiamo tre tonnellate al mese»
La sella di capriolo è uno dei piatti maggiormente in voga in questo periodo dell’anno. E i numeri lo confermano.
TENERO
10 ore
In spiaggia anche in inverno
Ripartire da una disavventura? Capita al bagno pubblico, colpito pesantemente dal maltempo lo scorso luglio.
LUGANO
12 ore
Tassisti aggrediti dal branco
Un pestaggio è avvenuto sabato notte in Via Pretorio: due persone sono rimaste lievemente ferite.
MENDRISIO
13 ore
Colpo di scena: Ligornetto riapre al traffico in transito
La misura non potrà essere attuata, fintanto che il TF non si sarà espresso sull'effetto sospensivo richiesto da Stabio
LOCARNO
14 ore
Un nuovo futuro per il Grand Hotel Locarno
L'edificio costruito fra il 1874 e il 1876 diverrà una moderna struttura alberghiera.
LUGANO
17 ore
«I contrari non hanno capito un tubo»
Il Municipio di Lugano dice la sua nella campagna sul Polo Sportivo. Sparando a zero sugli oppositori
CANTONE
18 ore
In Ticino altri 20 contagi
Aumentano leggermente i nuovi positivi. Il bollettino del medico cantonale
LUGANO
20 ore
Aeroplanini attorno al carcere
Gli appassionati di modellismo aereo entrano in "rotta di collisione" con la Stampa. È già successo un incidente
CONFINE
21 ore
Da Amsterdam a Milano con 5 kg di fumo
Un 57enne è stato fermato al valico di Brogeda grazie al fiuto del cane "Anima".
CANTONE
23 ore
«Duecento invitati, come un matrimonio etero»
A un mese dal referendum, in Ticino le coppie gay si preparano a un'estate di matrimoni. Ma servirà pazienza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile