Tipress
CANTONE
14.11.20 - 09:170
Aggiornamento : 13:05

Ingresso posticipato a scuola: il progetto non fa l'unanimità

Il piano del DECS per ridurre gli affollamenti su bus e treni è giunto a sorpresa per le aziende di trasporto.

La misura interessa i licei cantonali e la Commercio. Il SISA: «È solo un "cerotto"».

BELLINZONA - Non fa l'unanimità la proposta del DECS di posticipare, «almeno per alcune classi», l'orario d'inizio delle lezioni dei licei cantonali e della Commercio per sgravare i mezzi pubblici, giudicati troppo affollati, in tempi di pandemia di Covid-19, soprattutto al mattino. 

Come riferito dal Quotidiano della RSI, a essere rimaste sorprese dal progetto sono state innanzitutto le imprese di trasporto pubblico, che non sono state informate in anticipo dei piani del DECS. «Avremmo voluto saperne di più», lamentano.

Critico anche il SISA, Sindacato indipendente degli studenti e apprendisti: «Se il problema dell’affollamento viene finalmente riconosciuto, l’intervento proposto non è decisamente all’altezza della situazione e somiglia più a un “cerotto” che a una reale soluzione», scrive l'organizzazione in un comunicato. A non piacere è soprattutto il fatto che la misura non interessi tutte le scuole del post-obbligatorio, scuole professionali comprese: una soluzione «a metà». Il SISA, che nei giorni scorsi ha lanciato una petizione per chiedere il potenziamento delle «tratte più affollate», teme inoltre per lo stress che i cambiamenti d'orario potrebbero causare agli allievi.

Per il momento, Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport (DECS) e Dipartimento del territorio (DT) non rilasciano ulteriori commenti. La modifica dovrebbe entrare in vigore a partire da lunedì 23 novembre. «Considerata la complessità dell'operazione, l'urgenza e le diverse condizioni organizzative, ogni sede potrà elaborare la soluzione a lei più confacente», precisa il DECS nella sua comunicazione agli istituti. Le direzioni di questi ultimi si confronteranno con le imprese di trasporto nel corso della prossima settimana.  

 

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lilla71 11 mesi fa su tio
Chi abita nelle valli o fuori dai centri, prenderà per forza li stesso bus e treno di prima perché non ci sono altre possibilità! Con lo svantaggio di dover aspettare 1 ora a scuola prima che iniziano le lezioni ! Assurdo!
Volpino. 11 mesi fa su tio
La seconda ondata è colpa della ripresa a scuola e al lavoro, non dei bus o della ferrovia. L'Austria chiude, la Svizzera sta a guardare ...
Blobloblo 11 mesi fa su tio
Per chi dice scuole chiuse! Ok, però i ragazzi a casa, non in giro come se fossero in vacanza come l’ultima volta, se no tanto vale... Finché stanno a scuola, non ci sono problemi, mascherine, distanze, igiene e tutto il resto... Poi se i mezzi pubblici sono pieni ma tutti hanno la mascherina, che problema c’è? O allora la mascherina non serve a niente???
TB 11 mesi fa su tio
Un modo poco ortodosso per distogliere l’attenzione dal grattacapo pur di sembrare efficienti e sul pezzo, in fondo invece che finire alle 17.00, le lezioni termineranno alle 18.00 spostando il problema del sovraffollamento dei mezzi pubblici dall’alba al tramonto. Qualcuno dice “tanto son giovani, si adegueranno”, salteranno le pause e magari anche il pranzo e CHISSENEFREGA . Visto e considerato che in mensa non ci sono gli spazi per garantire il distanziamento, facciamoli pranzare a giorni alterni, tanto son giovani si adegueranno, meglio un contagio alla sera a stomaco vuoto piuttosto che la mattina ben rimpinguati. 😂👍 Bastava un po’ di coraggio, lo scenario 2 risolveva tutti i problemi, ma temo che tutta questa pochezza prima o poi doveva sortire. Questa totale mancanza di discernimento non sorprende più. 👎
lollo68 11 mesi fa su tio
Se fossi al governo farei lavorare un disoccupato per ogni mezzo pubblico e vagone (magari anche negozio e ristorante) che spruzzerebbe del disinfettante sulle mani degli utenti e ogni ora disinfetterebbe pure le maniglie ed i pulsanti (non basta una volta al giorno). Viene già pagato con le indennità, è un lavoro che tutti sono in grado di fare. Per questo lavoro si potrebbe prolungare il diritto alle indennità. Ieri una persona anziana, sicuramente a rischio, è entrata alla Denner senza disinfettare le mani. Pensate che i giovani si portano appresso il disinfettante quando usano i mezzi pubblici?
Luca 68 11 mesi fa su tio
guardate anche quello che succede nelle mense. troppa gente e nessuno distanziamento
Nicola 11 mesi fa su tio
Da studente posso dire che non cambierà nulla sui treni e sui bus. Spostano il problema dal mattino alla sera! In alcuni casi la situazione peggiora addirittura
Volpino. 11 mesi fa su tio
La decisione puramente politica di tenere aperte a tout prix le scuole ha per me un solo scopo: lo stato funge da baby-sitter per i figli e i genitori devono solo pensare ad andare a lavorare e a pagare le tasse. Eventuali infezioni di allievi e genitori sono poi da considerare sgradevoli danni collaterali. Gli esperti dicono di limitare possibilmente i contatti ma la politica fa poi il contrario.
__matt04 11 mesi fa su tio
Il cambio di orario di tutte le scuole superiori non causerebbe gli stessi problemi che ci sono ora perché si sposterebbe l’ora di punta di un ora e basta
cle72 11 mesi fa su tio
Qualsiasi scelta si faccia, non troverà mai il consenso di tutti, dunque agire e basta. L'idea non è male ma dovrebbe essere estesa a tutte le scuole. Si dovrebbe introdurre anche la sola mezz'ora di pausa a pranzo, in modo di permettere anche l'uscita serale in due distinti orari. L'ora persa al mattino sarà recuperata li e alla sera per chi ha iniziato un ora dopo. Che poi l'ora a scuola sono 45 minuti
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
28 min
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
1 ora
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
1 ora
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
FOTO
LUGANO
4 ore
In piazza per dire "no" alle restrizioni anti-Covid
Una manifestazione indetta dagli Amici della Costituzione ha luogo oggi a Lugano
Novazzano
9 ore
Dopo la rapina, l'interrogazione: «Chiudere i valichi secondari di sera»
Lo scorso giovedì è stata effettuato un furto a mano armata in un distributore di benzina
CANTONE
11 ore
Nuova Legge sulla ristorazione: più la mandi giù, più torna Su...ter
In dirittura la nuova Lear che rivoluziona l'accesso alla gerenza: «Servono meno corsi e più solidità finanziaria»
CANTONE
23 ore
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
LUGANO
23 ore
Sanitari non vaccinati licenziati alla Moncucco, rifiutavano i test
«Chi non si sottopone al vaccino e nemmeno ai test non può lavorare in Clinica», così il direttore Christian Camponovo.
CANTONE
1 gior
Si aprono oggi le porte dello Swiss Virtual Expo
Sono già diversi gli eventi in programma nelle prossime settimane
CANTONE
1 gior
I prossimi radar? Ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili risparmieranno solo la Vallemaggia.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile