La diversità a scuola è una risorsa, bisogna saperla gestire
deposit
CANTONE
28.10.20 - 12:000

La diversità a scuola è una risorsa, bisogna saperla gestire

Presentati i risultati della ricerca "In Scuola: promozione dell'integrazione e dell'interculturalità".

Nessun "ghetto educativo", ma il passato migratorio è comunque un fattore nel percorso formativo. Per questo l'integrazione va costantemente migliorata. Per farlo servirebbero però gli strumenti giusti e maggior sensibilizzazione degli insegnanti.

BELLINZONA - Cosa si fa in Ticino per promuovere l’integrazione e l’interculturalità nella scuola? Ma soprattutto, quello che viene fatto è sufficiente per raggiungere gli obiettivi? Cosa si può migliorare? A queste (e ad altre domande) ha cercato di rispondere lo studio “In scuola” commissionato alla SUPSI e sostenuto da tre dipartimenti (DI, DECS e DSS). Insomma, uno studio in cui si indagasse l'attuale offerta istituzionale di misure e di pratiche d'integrazione attuate all’interno del sistema educativo ticinese.

Nessun ghetto educativo - I dati statistici emersi da una prima analisi quantitativa (usando come indicatori la nazionalità e la lingua parlata a casa) da un lato sono rassicuranti, secondo gli autori, perché si può escludere la presenza di “ghetti educativi”. Ma dall’altro sembrerebbero indicare che possedere un passato migratorio e/o parlare una lingua diversa dall’italiano è comunque un fattore che rende meno probabile intraprendere i percorsi formativi giudicati socialmente più prestigiosi e potenzialmente più economicamente gratificanti. 

Il passato migratorio conta - Si constata infatti che gli studenti stranieri sono sottorappresentati nelle scuole medie superiori. Nel settore della formazione professionale, invece, sono sovrarappresentati. Il settore dove la difformità è maggiore è quello delle soluzioni transitorie, cioè quelle intraprese da chi non è riuscito a iniziare un percorso formativo post-obbligatorio.

Pochi protocolli - È stato pure analizzato il funzionamento sistemico delle diverse pratiche e misure e sono stati raccolti i dati sulla loro applicazione concreta nei singoli istituti. L’analisi ha mostrato come benché l’esistenza di un protocollo d’accoglienza abbia innumerevoli vantaggi, solo una minoranza delle sedi coinvolte ne applica uno e/o lo abbia formalizzato in un documento ufficiale. In altre parole, i risultati hanno messo in evidenza l’assenza di un protocollo standardizzato e predefinito per tutte le sedi e gli istituti.

Servono gli strumenti giusti - Un altro aspetto emerso dalle risposte degli intervistati è la necessità di avere più risorse (tempo, personale, formazione, supporto, ecc.) a disposizione degli attori coinvolti, nello specifico dei docenti regolari e docenti di lingua integrazione. In particolare, vi è la consapevolezza che negli ultimi anni sono proporzionalmente aumentati i ragazzi provenienti da culture molto lontane dalla nostra, che si esprimono in lingue che non hanno radici comuni con quelle europee, che hanno vissuto esperienze spesso inimmaginabili per qualcuno cresciuto in Europa e che hanno un background scolastico, quando ce l’hanno, completamente differente da quello del nostro Paese.

Come migliorare - In conclusione, l'indagine fornisce alcuni suggerimenti per migliorare ulteriormente le pratiche d'integrazione a tutti gli allievi con passato migratorio o alloglotti, che contribuisca al loro inserimento scolastico e sociale. Da un lato, come anticipato, è necessario garantire il sostegno individuale adeguato, con risposte mirate per esempio attraverso dei dispositivi di sostegno linguistico o elaborando dei materiali didattici specifici. In questo senso, in ottica futura, la formazione e la sensibilizzazione di tutto il personale insegnante coinvolto nell’integrazione di questi allievi è cruciale.  

Dall’altro, però, non va trascurato l’aspetto fondamentale dell’interculturalità, secondo cui la diversità culturale degli allievi alloglotti o con passato migratorio è da considerare una risorsa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
7 ore
Ragazzo preso a calci, l'appello della madre
L'episodio risale alla serata di sabato. Il branco che lo ha aggredito sarebbe recidivo.
ZURIGO
8 ore
«Sono giovane e sano, non ho paura». Ecco perché è un errore pensarlo
Si ha sì un minor rischio di morire, ma sono molti i fattori da valutare.
Vacallo
9 ore
Da otto anni, Edo Pellegrini chiede spiegazioni al Municipio sul fondo 451
Ci sono un sentiero impraticabile, una costruzione di utilità non specificata e delle domande rimaste senza risposta
STABIO
12 ore
Non accetta il salario fuorilegge: licenziata
Alle dipendenze della sua azienda da cinque anni, la donna è stata messa alla porta.
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
«Spostarli nel Luganese non è una soluzione»
Simonetta Sommaruga ha risposto a Marco Romano, che si è fatto portavoce delle preoccupazioni dei comuni momò.
FAIDO
18 ore
Alcuni bimbi in sciopero: niente scuola
Genitori in protesta. Manifestazione pacifica contro l'obbligo della mascherina durante le lezioni.
CANTONE
19 ore
Otto arresti per droga
I soggetti finiti in manette sono sospettati di aver preso parte allo smercio tra Albania, Italia e Ticino.
CANTONE
19 ore
Altre 20 classi in quarantena
Si tratta di 15 sezioni di scuola elementare e 5 di scuola dell'infanzia. Il totale sale a quota 62
CANTONE
20 ore
In Ticino oltre 400 casi e tre decessi nel weekend
I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 77.
CANTONE
21 ore
Controlli e multe in vista per chi è al telefono alla guida
L'operazione della Polizia cantonale ha il via già da questo mese.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile