Immobili
Veicoli
Tipress
ASCONA
23.10.20 - 16:220
Aggiornamento : 18:16

«La gente è gelosa. Ma sono più forte e ho costruito per centinaia di milioni»

Vive qui da 58 anni e vuole diventare svizzero, ma qualcuno gli rinfaccia la vecchia vicenda degli "immobili SUVA"

La votazione si annuncia segreta, ma lui ci mette la faccia: «Devono diventare svizzere le persone corrette, sono pronto ad accettare la loro decisione». E sul passato: «La gente è gelosa. Mi fa piacere che chi mi voleva sotterrare non la mandi giù»

ASCONA - Vive in Svizzera da 58 anni e presto ne compirà 60. Un lasso di tempo che dovrebbe spianargli la strada alla naturalizzazione. Ma tra la richiesta, che sarà discussa martedì prossimo dal Consiglio comunale di Ascona, e il passaporto rossocrociato è rispuntato un vecchio scheletro. 

A voler diventare svizzero è infatti un cittadino italiano che nel 2010 venne condannato a 18 mesi sospesi per istigazione all’amministrazione infedele. È il caso degli stabili SUVA che, come rivela oggi laRegione, ancora fa storcere il naso a qualche politico asconese.

Nell’aria si respirano propositi di votazione segreta. Lui, il candidato, non si nasconde ed espone il proprio punto di vista a Tio/20Minuti.

«Viviamo in uno Stato democratico - dice il 59enne promotore immobiliare - per cui chi non è d’accordo ha pieno diritto di manifestarlo. Io sono pronto ad accettare la loro decisione. Dirò di più, voglio diventare svizzero proprio perché è un Paese dove chi sbaglia paga. Se loro pensano che io abbia sbagliato un po’ più degli altri».

Difatti c’è chi vorrebbe lasciarla, come Virgilio, all’Inferno. O meglio in Purgatorio...
«Io non ho ammazzato nessuno e non sono arrabbiato con nessuno. Ho pagato ufficialmente una commissione dovuta. Non ho fatto niente di male e ancora oggi sono convinto che lo farei di nuovo. Perché sono un commerciante. Lavoro e do lavoro. Faccio i miei business corretti».

Quando ha chiesto la naturalizzazione si aspettava che qualcuno tirasse fuori questa vecchia storia?
«No. Ma non me la prendo, perché sono d’accordo sul fatto che il passaporto non deve essere automatico. Devono diventare svizzere le persone corrette. A febbraio compirò 60 anni e vivo qui da 58».

Quindi lei è sereno?
«Certamente. Perché mi trovo in uno Stato dove le cose funzionano. Ci sono i politici che devono dire la loro. Io vivo qui da sempre e ho costruito per centinaia di milioni, pago ciò che devo pagare, mi trovo bene e i miei figli sono nati e cresciuti qui».

E sul fatto che il suo nome, legato a quella vicenda vecchia, venga evocato da taluni come sinonimo affari pochi chiari?
«La gente è gelosa. Mi volevano sotterrare i leghisti che volevano fare quell’affare e invece la SUVA ha scelto me. Mi fa anche piacere che non la mandino giù, perché sono più forte di loro. In quindici anni ho mosso minimo duecento milioni. Tutte le Aldi che vede nel Locarnese le ho fatte io. E ne farò ancora due. Quando entro in banca mi mettono il tappeto rosso».

Per quello rossocrociato si vedrà martedì prossimo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
La legge sull'apertura dei negozi resta in vigore
Non è però prevista una commissione consultiva. Lo ha deciso il Tribunale federale
CANTONE
4 ore
Salgono i contagi, ma calano i ricoveri
Si registra anche una ulteriore vittima del virus, per un totale di 1'090 da inizio pandemia.
CANTONE
9 ore
Pochi decessi, ma «il numero dei contagi resta rilevante»
L'Ufficio del medico cantonale sulla situazione pandemica: «Molto dipenderà dalla variante circolante in futuro»
CONFINE
21 ore
Frontalieri italiani, l'accordo avanza
La commissione economia e tributi del Nazionale promuove la riforma fiscale (quasi) all'unanimità
CANTONE
1 gior
La marcia di chiusura dei Centri vaccinali: «Affrettatevi ad iscrivervi»
Il rallentamento delle richieste ha portato le autorità a ridimensionare progressivamente il dispositivo
CANTONE
1 gior
Identikit dell'astensionista ticinese
Chi è, che lavoro fa, cosa ha votato e perché non vuole votare più. Lo studio dell'Università di Losanna
BELLINZONA
1 gior
La capitale è ancora più grande
A fine 2021 sotto l'ombra dei Castelli abitavano 44'530 persone, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima.
CANTONE
1 gior
Altri due decessi in Ticino, dieci nuove quarantene nelle scuole
Negli ospedali si contano quattro Covid-pazienti in meno, per un totale di 173.
CHIASSO
1 gior
«Insultata e minacciata solo per aver svolto il mio lavoro»
Finita più volte al centro di un polverone mediatico, la dottoressa Mariangela De Cesare ha voluto “vuotare il sacco”.
FOCUS
1 gior
I detenuti che non vogliono uscire
Il reinserimento sociale è un problema, per chi è dietro le sbarre. Tanto che molti preferiscono rimanerci
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile