foto lettore
Studenti sul bus in partenza dalla stazione di Lugano
LUGANO
26.10.20 - 21:480

Meglio la calca, o una multa da 90 franchi?

Per evitare i bus pieni, alcuni studenti del Cpt di Trevano optano per l'auto. Ma anche qui i problemi non mancano

LUGANO - Tra un bus affollato e una multa per sosta non pagata, gli studenti del Cpt di Trevano hanno un po' di alternative. Ma la rotta casa-scuola resta comunque problematica, negli ultimi tempi. 

Il sovraffollamento degli autobus, in particolare le linee 4 e 6 dalla Stazione Ffs, ha creato malumori tra i passeggeri in tempo di distanziamenti obbligatori. «Il problema non è nuovo» sottolinea uno studente del centro professionale. «Lo abbiamo segnalato più volte alla direzione della scuola. Ma non si trovano soluzioni». 

Per evitare i bus affollati alcuni studenti - quelli con la patente - si recano a Trevano in auto, ma qui insorge un altro problema. «Tutti i posteggi della scuola sono occupati dagli insegnanti. A noi tocca posteggiare fuori, e molti si ritrovano a fine lezione con delle multe da 90 franchi». 

Il problema delle multe è noto alla direzione dell'istituto. «L'anno scorso ci sono stati segnalati molti casi» conferma la direttrice Cecilia Beti. «Quest'anno ancora no, ma le lezioni sono iniziate da poco». 

Tuttavia, precisa la dirigente, ai 1500 studenti del Cpt non mancherebbero i modi di evitare sia le multe, sia la calca sui mezzi pubblici. «I posteggi scolastici sono riservati ai professori, è vero, ma nei dintorni non mancano i park 'n ride, in posizioni anche molto comode» ricorda Beti. «Per quanto riguarda gli autobus, è vero che alcune corse sono molto frequentate. Per questo abbiamo scaglionato l'inizio delle lezioni su due orari, alle 8.20 e alle 9.00». 

Gli orari sono stati comunicati alla Tpl e alle Arl, che hanno «potenziato le tratte con delle corse supplementari». Ad esempio dalla Stazione il primo bus utile della linea 4 parte alle 7.40. Ma la grande maggioranza degli studenti continua a prendere quello delle 8.05.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Aumenta la disoccupazione, ma anche i permessi G: «Ecco perché»
Il sindacalista Gargantini spiega il meccanismo morboso messo in atto: «Si prendono tre precari al posto di uno fisso»
ORSELINA
3 ore
Quando Maradona chiese di curarsi in Ticino
Il fatto risale alla metà degli anni 2000. Il ricordo di Claudio Filliger, ex direttore della Clinica Varini.
CANTONE
13 ore
I consigli della Polizia fanno arrabbiare le femministe
Il collettivo "Io l'8 ogni giorno" punta il dito contro un vademecum anti-aggressione, e chiede di rimuoverlo
BELLINZONA
13 ore
I giovani ne hanno combinate (anche con il Covid)
Furti, incendi, reati sui social, assembramenti. Il punto con il Magistrato dei minorenni
LUGANO
15 ore
Colpì la giornalista con una testata, identificata dalla polizia
Si tratta di una 20enne svizzera domiciliata nel Luganese che il 30 novembre manifestava contro le restrizioni Covid
LUGANO
15 ore
La prima neve è arrivata
Da Chiasso a Mendrisio fino a parte del Luganese i primi timidi fiocchi stanno scendendo dal cielo
LUGANO
15 ore
«Concreti indizi di un movente estremista»
La 28enne di Vezia resta in carcere, arresto confermato dal giudice. L'avvocato: «Serve una perizia psichiatrica»
BELLINZONA
16 ore
Picchiato e poi chiuso in casa dagli "amici"
Nuovi dettagli sulla lite di stamattina in un appartamento. I vicini: «C'erano già stati problemi»
CANTONE
20 ore
Affitti commerciali: «Il Cantone intervenga»
Se Berna non fa sconti, il Ps chiede a Bellinzona di aiutare le imprese
CANTONE
22 ore
Nuovo calo di pazienti negli ospedali
Nelle ultime 24 ore 18 persone sono state ricoverate nelle strutture sanitarie cantonali, mentre 26 le hanno lasciate.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile