tipress
CANTONE
22.10.20 - 14:160

I cantoni latini invocano il mini-lockdown

Il Ticino e i cantoni francesi chiedono a Berna un inasprimento delle misure

BELLINZONA - I ministri della sanità dei Cantoni latini, tra cui rientra anche il Ticino, auspicano un ulteriore rafforzamento delle misure di lotta contro il coronavirus. I recenti sviluppi «minacciano di saturare le capacità dei sistemi sanitari nel prossimo futuro».

I consiglieri di Stato della Conferenza latina degli affari sanitari e sociali (CLASS), spiegano in un comunicato, raccomandano ai Cantoni di vietare manifestazioni private e raduni in spazi pubblici con più di dieci persone. I locali pubblici inoltre dovrebbero chiudere alle 23.00. Gli eventi sportivi devono essere limitati a 1000 spettatori con posti a sedere e se questo non fosse possibile devono svolgersi a porte chiuse.

Nel comunicato si auspica anche il divieto di praticare sport di contatto amatoriali e il ballo, nonché l'obbligo di indossare maschere nelle corali. Le mascherine dovrebbero essere usate anche nei mercati e nelle fiere, aggiunge CLASS, precisando che in queste manifestazioni si potrà consumare solo seduti e sarà necessario garantire la tracciabilità dei partecipanti.

I membri della CLASS invitano inoltre i dipartimenti dell'istruzione a rafforzare i piani di protezione, in particolare per quanto riguarda l'uso delle mascherine e l'apprendimento a distanza. Chiedono inoltre restrizioni per l'accesso di visitatori negli ospedali e che le visite nella case anziani siano limitate e strettamente controllate.

Inoltre, i ministri della sanità latini si aspettano che le autorità federali limitino o addirittura sospendano le operazioni chirurgiche non urgenti nelle cliniche e negli ospedali pubblici e privati. Una tale decisione dovrebbe essere presa a livello federale, a loro avviso.

Chiedono inoltre che la Confederazione reintroduca la revoca dei termini di preavviso e di attesa per il lavoro ridotto e che prolunghi il periodo massimo di indennità per le imprese interessate da decisioni restrittive prese dalla Confederazione e dai Cantoni. Vorrebbero pure la reintroduzione del sistema eccezionale di indennità per perdita di guadagno (IPG) e la messa a disposizione di risorse militari per le istituzioni sanitarie cantonali.

Queste raccomandazioni saranno sostenute anche nell'ambito della consultazione intercantonale organizzata dalla Conferenza dei direttori della sanità (CDS) e dal Dipartimento federale dell'interno (DFI). La CLASS riunisce i ministri della sanità dei cantoni Ticino, Berna, Friburgo, Vaud, Vallese, Neuchâtel, Ginevra e Giura.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
I coltelli finiranno sotto chiave?
L'attacco di ieri a Lugano è avvenuto con un coltello preso direttamente dagli scaffali della Manor
CANTONE
5 ore
Aggressione alla Manor, l'accusa è di tentato omicidio e lesioni gravi
L'Imam Jelassi: «Condanniamo con forza ogni forma di violenza gratuita a prescindere da chi la commetta»
LUGANO
8 ore
La famiglia rompe il silenzio: «Chiediamo rispetto»
Fotografi e giornalisti davanti all’abitazione dei genitori della 28enne che ha accoltellato una donna ieri alla Manor.
CANTONE
9 ore
«Non sapevamo. Chiariremo e affronteremo»
Sui presunti abusi in Rsi viene comunicato che le indagini saranno affidate ad esterni.
CANTONE
9 ore
«In Ticino restrizioni prorogate fino al 18 dicembre»
Durante una conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline il governo ha illustrato la sua strategia
LUGANO
11 ore
«Questo terrore non c'entra con l'Islam»
Aggressione alla Manor: la dura condanna della comunità musulmana sciita in Ticino
FOTO
CANTONE
11 ore
«Gli assembramenti sono stati solo spostati di un'ora»
Lo slittamento dell'orario delle scuole superiori non avrebbe finora avuto l'effetto sperato.
CANTONE
14 ore
Aveva tentato di recarsi in Siria, senza successo
La fedpol ha fornito nuove informazioni sulla donna che ieri ha ferito due persone alla Manor di Lugano.
ONSERNONE
15 ore
Mentre tagliava le piante, gli è caduto addosso un muro
L'incidente si è verificato in Valle Onsernone. Gravi ferite per un 52enne della regione
CANTONE
15 ore
«Sconcerto e delusione» per la conferenza stampa di ieri
Critiche da parte dell’Associazione ticinese dei giornalisti per come Gobbi e Cocchi hanno gestito la conferenza stampa
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile