foto lettore
Studenti sulla linea 4 della Tpl
LUGANO
22.10.20 - 06:000
Aggiornamento : 12:13

Le sardine con la mascherina (a metà)

Mezzi pubblici affollati: a Lugano la situazione più problematica. Un 17enne con l'asma: «Ho paura»

Bus e treni «stracarichi» negli orari di punta. Lo sfogo di studenti e pendolari. La Tpl: a dicembre nove nuovi bus. «Ma non siamo poliziotti»

LUGANO - La mascherina funziona anche in una scatola di sardine? Una domanda a cui potranno rispondere forse, un giorno, gli esperti di Covid. I passeggeri della linea 4 della Tpl se lo chiedono da un po'. E anche quelli della linea 6. Sui mezzi pubblici il malumore monta assieme ai contagi della "seconda ondata". 

«Regole trascurate» - Autobus affollati, volti coperti solo a metà. Le lamentele rimbalzano dai treni ai bus, dai bus ai treni, con epicentro la Stazione di Lugano. «L'obbligo d'indossare la mascherina in stazione viene trascurato da troppa gente» segnala Mara, che ogni giorno arriva dal Malcantone con il treno Flp. «Non viene svolto alcun tipo di controllo». 

Il 17enne con l'asma - Marco, studente della Spai di Trevano, rincara la dose: dalla stazione a Canobbio (linea 4) i bus nelle ore di punta «sono decisamente sovraffollati» e «tocca viaggiare in piedi, uno contro l'altro». Il 17enne soffre d'asma e - dice - ha paura a tornare a casa. «Mio padre ha lo stesso disturbo. Ma non ho altro mezzo di venire a scuola». 

«Neanche una risposta» - Anche sulle linee Arl i malumori non mancano. La 461 (Tesserete-Villa Luganese) passa anch'essa dalla stazione e «trovare un posto è impossibile» lamenta una terza lettrice. «Stiamo tutti appiccicati, sinceramente sono preoccupata. Ho scritto alla direzione, e non mi hanno nemmeno risposto». 

«Problemi su alcune linee» - Il problema dell'affollamento non è nuovo, in realtà. E dopo il lockdown è tornato in modo preponderante. Le Ffs hanno invitato più volte l'utenza a scaglionarsi su orari diversi, accordandosi fra l'altro con la Supsi per differire l'entrata e l'uscita degli studenti. In generale sono le scuole a dettare il ritmo dell'affollamento. E alle aziende di trasporti tocca adeguarsi di conseguenza. «Abbiamo introdotto una serie di corse di supporto negli orari di punta» spiegano dalla Tpl. «Questo non toglie che alcune linee abbiano dei problemi, purtroppo». L'azienda ha acquistato nove autobus di rinforzo che arriveranno a dicembre, e verranno impiegati in base alle esigenze.

«Non siamo poliziotti» - Intanto il tema è finito anche sul tavolo del Decs: lunedì un'interrogazione dei deputati dell'Mps ha chiesto al Cantone di potenziare le corse scolastiche. Quanto ai controlli sulle mascherine, le aziende di trasporti sono unanimi. «Non tocca a noi fare da poliziotti» spiegano ancora dalla Tpl. Il compito del personale di controllo «è semmai sensibilizzare e ricordare le regole» ma le denunce spettano alla polizia.   

foto lettore
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
4 min
Tassisti aggrediti dal branco
Un pestaggio è avvenuto sabato notte in Via Pretorio: due persone sono rimaste lievemente ferite.
MENDRISIO
1 ora
Colpo di scena: Ligornetto riapre al traffico in transito
La misura non potrà essere attuata, fintanto che il TF non si sarà espresso sull'effetto sospensivo richiesto da Stabio
LOCARNO
2 ore
Un nuovo futuro per il Grand Hotel Locarno
L'edificio costruito fra il 1874 e il 1876 diverrà una moderna struttura alberghiera.
LUGANO
4 ore
«I contrari non hanno capito un tubo»
Il Municipio di Lugano dice la sua nella campagna sul Polo Sportivo. Sparando a zero sugli oppositori
CANTONE
6 ore
In Ticino altri 20 contagi
Aumentano leggermente i nuovi positivi. Il bollettino del medico cantonale
LUGANO
8 ore
Aeroplanini attorno al carcere
Gli appassionati di modellismo aereo entrano in "rotta di collisione" con la Stampa. È già successo un incidente
CONFINE
9 ore
Da Amsterdam a Milano con 5 kg di fumo
Un 57enne è stato fermato al valico di Brogeda grazie al fiuto del cane "Anima".
CANTONE
10 ore
«Duecento invitati, come un matrimonio etero»
A un mese dal referendum, in Ticino le coppie gay si preparano a un'estate di matrimoni. Ma servirà pazienza
CANTONE
18 ore
Pareggio dei conti entro il 2025, vince (di poco) la destra
Un Gran Consiglio spaccato in due ha approvato di misura l'iniziativa di Sergio Morisoli.
CANTONE
20 ore
Quella fattura piena che delude alcuni esercenti
Tasse sulla vendita di alcolici e per il promovimento turistico: niente sconti pandemici nel 2021. E c'è chi si sfoga.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile