Deposit
CANTONE 
20.10.20 - 06:500

Meno parti prematuri nella bolla del lockdown

Le risposte della dottoressa Petra Donati-Genet ai molti dubbi che assillano le mamme

Dalla trasmissibilità del Covid al neonato alla possibilità di allattare se positivi al virus.

SORENGO - Nessuno si augura un secondo lockdown per le sue mille implicazioni negative. Ma se proprio se ne volesse trovare una positiva, beh, riguarda le mamme. L’esperienza vissuta durante il confinamento domestico della primavera scorsa ha evidenziato infatti un dato all’apparenza sorprendente: «Sappiamo da studi descrittivi che in paesi come l’Olanda e l’Irlanda sono diminuiti i parti prematuri durante il periodo di lockdown» rileva la Dr. Med. Petra Donati-Genet, specialista in Pediatria e Neonatologia. Questo, secondo la responsabile del reparto neonatologia della Clinica Sant’Anna, «dimostra che nei paesi industrializzati il confinamento ha ridotto fattori di stress nelle donne in gravidanza in modo relativamente significativo».

Fuori dai paesi più all’avanguardia, la situazione invece muta drammaticamente. Negli stessi mesi della prima ondata Covid, continua la dottoressa, «è aumentata la mortalità materno-fetale e dei neonati prematuri in paesi come il Nepal». Ciò si spiega col fatto che «nei paesi del terzo mondo chiaramente le infrastrutture sanitarie, già precarie, hanno subito il collasso e questo ha portato ad un aumento generale della mortalità sia delle donne in gravidanza sia dei bambini in generale».

I dati sul primo passaggio del coronavirus sul pianeta forniscono risposte anche ad un altro interrogativo assillante, quello della trasmissibilità del contagio dalla gestante direttamente al nascituro. «Sembra ormai evidente da vari studi pubblicati recentemente che essa è relativamente bassa. Uno studio recente - continua Donati-Genet - ha dimostrato che solo il 30% dei neonati si infetta alla nascita o prima, mentre per il 70% il contagio avviene dopo la nascita, se a contatto con una madre a sua volta contagiosa».

Fermo restando che i decorsi particolarmente gravi in neonati o bambini sono piuttosto rari, la specialista della Sant’Anna rileva come «il contagio dei neonati avviene nelle prime 72 ore dopo la nascita per le puerpere che fanno il cosiddetto rooming-in, vale a dire che tengono il neonato in camera senza particolari misure di protezione. La metà dei neonati che sono a contatto con una madre positiva sviluppano sintomi riconducibili al coronavirus, vale a dire febbre e nella maggior parte dei casi infezioni polmonari, tuttavia il decorso è favorevole nella maggior parte dei casi, l’altra metà resta asintomatica».

Più delicata e ancora bisognosa di approfondimenti è la questione degli effetti del virus sulla placenta e sul feto nei primi mesi della gravidanza. «Non si possono trarre conclusioni sul rischio di aborto o di malformazioni nel feto - afferma la specialista in Neonatologia -. I parti prematuri nelle gestanti ammalate sono da attribuire al deterioramento delle condizioni materne e non presentano un’indicazione fetale. Si raccomanda perciò in generale in caso di gravidanza di favorire il telelavoro onde evitare un’esposizione delle donne gravide». Nel caso invece il contagio avvenisse durante la gravidanza la raccomandazione alle future mamme è di effettuare «controlli ogni 4 settimane al fine di riconoscere rapidamente eventuali complicanze. Il parto può avvenire per via naturale, sono le condizioni di salute materne a determinare se o meno si giustifica un parto per taglio cesareo».

Infine, le neo-mamme contagiate non dovrebbero vivere con troppa ansia il momento successivo al parto. «Durante l’isolamento materno, per ridurre il contagio del neonato si raccomanda una distanza tra madre e neonato di circa 1,5 metri, tranne durante l’allattamento dove la madre deve curare l’igiene delle mani e portare la mascherina chirurgica. Non esistono controindicazioni all’allattamento per le donne Covid positive, tuttavia devono osservare le misure che evitino il contagio del neonato».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
I coltelli finiranno sotto chiave?
L'attacco di ieri a Lugano è avvenuto con un coltello preso direttamente dagli scaffali della Manor
CANTONE
5 ore
Aggressione alla Manor, l'accusa è di tentato omicidio e lesioni gravi
L'Imam Jelassi: «Condanniamo con forza ogni forma di violenza gratuita a prescindere da chi la commetta»
LUGANO
9 ore
La famiglia rompe il silenzio: «Chiediamo rispetto»
Fotografi e giornalisti davanti all’abitazione dei genitori della 28enne che ha accoltellato una donna ieri alla Manor.
CANTONE
10 ore
«Non sapevamo. Chiariremo e affronteremo»
Sui presunti abusi in Rsi viene comunicato che le indagini saranno affidate ad esterni.
CANTONE
10 ore
«In Ticino restrizioni prorogate fino al 18 dicembre»
Durante una conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline il governo ha illustrato la sua strategia
LUGANO
12 ore
«Questo terrore non c'entra con l'Islam»
Aggressione alla Manor: la dura condanna della comunità musulmana sciita in Ticino
FOTO
CANTONE
12 ore
«Gli assembramenti sono stati solo spostati di un'ora»
Lo slittamento dell'orario delle scuole superiori non avrebbe finora avuto l'effetto sperato.
CANTONE
15 ore
Aveva tentato di recarsi in Siria, senza successo
La fedpol ha fornito nuove informazioni sulla donna che ieri ha ferito due persone alla Manor di Lugano.
ONSERNONE
15 ore
Mentre tagliava le piante, gli è caduto addosso un muro
L'incidente si è verificato in Valle Onsernone. Gravi ferite per un 52enne della regione
CANTONE
16 ore
«Sconcerto e delusione» per la conferenza stampa di ieri
Critiche da parte dell’Associazione ticinese dei giornalisti per come Gobbi e Cocchi hanno gestito la conferenza stampa
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile