tipress
CANTONE
16.10.20 - 18:100
Aggiornamento : 22:48

Da lunedì mascherina in tutti i luoghi pubblici al chiuso

Il governo emana una nuova direttiva. Vale per negozi e ristoranti, ma anche uffici, stazioni, sportelli amministrativi

Oltre alle discoteche, chiudono anche i locali erotici. Esentati dalla mascherina i bambini sotto i dodici anni, sportivi e artisti durante gli spettacoli

BELLINZONA - A partire da lunedì 19 ottobre, in Ticino sarà obbligatorio indossare la mascherina in tutti gli spazi interni accessibili al pubblico. È questa la principale misura adottata oggi dal Consiglio di Stato, che alla luce della situazione epidemiologica ha aggiornato le misure per limitare la diffusione del nuovo coronavirus in Ticino. Lo ha reso noto il governo in una nota.

Non solo negozi, centri commerciali, musei, teatri, cinema, luoghi di culto, ma anche stazioni, zone d’accoglienza, sportelli di stabili amministrativi, aziende di servizi e strutture della ristorazione. Per contro, la mascherina non sarà obbligatoria nelle strutture per l’assistenza ai bambini, e nelle aree destinate all’allenamento di strutture sportive e centri fitness.

Dall’obbligo sono esentati i bambini con meno di 12 anni, le persone che, per motivi di natura medica, non possono indossare mascherine, così come gli artisti mentre si esibiscono e gli sportivi durante le competizioni. Il Consiglio di Stato ha inoltre confermato la chiusura dei locali notturni (discoteche, sale da ballo, club, piano bar), estendendo la chiusura anche ai locali erotici.

Per quanto riguarda invece gli eventi con un numero inferiore alle 300 persone, il Governo ricorda che restano valide le misure previste a livello federale e cantonale, con l’obbligo di rispettare i piani di protezione adottati dagli organizzatori. Il Governo precisa che, in caso di vendita di cibo e bevande (buvette), valgono le stesse norme in vigore per la ristorazione (obbligo di consumazione al tavolo e raccolta dei dati). Per le manifestazioni con presenza di oltre 300 partecipanti, pubbliche o private, rimane necessaria l’autorizzazione preventiva del Comune, approvata dal «Gruppo di lavoro grandi eventi» incaricato dal Consiglio di Stato.

In bar e ristoranti è ammessa solo la consumazione seduti al tavolo, al posto assegnato. L’uso della mascherina è obbligatoria anche per il cliente quando entra, ci si sposta o esce dal locale.
È prevista la raccolta dei dati di almeno una persona per ogni tavolo. Il gerente (o il responsabile) deve garantire la correttezza dei dati di contatto rilevati. La registrazione dei dati potrà però essere tralasciata in caso di consumazione veloce, con permanenza nella struttura inferiore ai 15 minuti.

Il personale addetto al servizio deve indossare la mascherina chirurgica o in tessuto certificata, in buono stato, coprendo bocca e naso. Visiere e dispositivi analoghi non possono sostituire la mascherina.
Le strutture della ristorazione devono essere in grado di trasmettere entro due ore al Medico cantonale le informazioni complete sugli avventori di un determinato giorno. L’obbligo vale tra le 7.00 e le 22.00, sette giorni su sette.

Su scala nazionale restano obbligatori l’utilizzo della mascherina sui mezzi pubblici e la quarantena immediata per chi rientra da uno dei Paesi ad alto rischio di contagio, secondo la lista allestita dalla Confederazione. L’uso della mascherina è inoltre fortemente raccomandato quando non è possibile mantenere il distanziamento: ad esempio, nei veicoli privati su cui viaggiano persone non appartenenti alla stessa economia domestica.

Il Governo ricorda, infine, che per gli edifici scolastici e di formazione valgono le disposizioni degli specifici modelli di piani di protezione. Il Consiglio di Stato tiene inoltre a sottolineare che resta fondamentale la responsabilità individuale e il rispetto delle abitudini che abbiamo imparato a conoscere: igiene delle mani, distanziamento fisico e rimanere a casa in caso di sintomi prendendo contatto con il proprio medico.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
«Gli alberghi sono aperti a qualsiasi tipo di ospite»
Pernottamenti solo per vaccinati? Per il presidente di HotellerieSuisse Ticino non è un'ipotesi da considerare
MENDRISIO
5 ore
Licenziamenti «barbari» alla Burberry
Unia e OCST prendono pubblicamente posizione nei confronti dell'azienda presente all'interno del Fox Town.
CANTONE
8 ore
Altri due pazienti in cure intense, i contagi sono 76
I dati sono relativi alle ultime 72 ore. Le persone ospedalizzate a causa della malattia ora sono dodici.
LUGANO
8 ore
Lo "scroccone seriale" si lamenta della Farera
Abituato agli hotel a 5 stelle - senza pagarli - un 40enne italiano ha scritto una lettera di reclamo
LUGANO
11 ore
«Le nostre reti neurali usate da 3 miliardi di smartphone»
Jürgen Schmidhuber è considerato il padre dell'intelligenza artificiale
CANTONE
12 ore
L'insolvente con apprendista (non pagata)
Una 20enne del Locarnese racconta la sua odissea. E punta il dito contro l'ex datore di lavoro. Il Decs: «Vigiliamo»
CANTONE
12 ore
Raccolgono soldi per strada: ma a volte scoppia il malinteso
Ragazzi agli stand nel nome di varie associazioni. Ecco cosa può accadere quando le informazioni non sono precise.
PONTE CHIASSO
23 ore
Ricercato per omicidio, in manette
Un cittadino russo è stato fermato mentre lasciava il Ticino, spacciandosi per greco
CANTONE
1 gior
Vota Merlani! «Smentisco»
Il medico cantonale sgombera il campo dalle voci che lo danno in corsa per il 2023
CANTONE
1 gior
I vaccinati in cliniche e ospedali? Il dato sarà pubblico
Dal prossimo 1. agosto è prevista la pubblicazione sulla pagina dell'autorità sanitaria ticinese
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile