tipress
CANTONE
16.10.20 - 18:100
Aggiornamento : 22:48

Da lunedì mascherina in tutti i luoghi pubblici al chiuso

Il governo emana una nuova direttiva. Vale per negozi e ristoranti, ma anche uffici, stazioni, sportelli amministrativi

Oltre alle discoteche, chiudono anche i locali erotici. Esentati dalla mascherina i bambini sotto i dodici anni, sportivi e artisti durante gli spettacoli

BELLINZONA - A partire da lunedì 19 ottobre, in Ticino sarà obbligatorio indossare la mascherina in tutti gli spazi interni accessibili al pubblico. È questa la principale misura adottata oggi dal Consiglio di Stato, che alla luce della situazione epidemiologica ha aggiornato le misure per limitare la diffusione del nuovo coronavirus in Ticino. Lo ha reso noto il governo in una nota.

Non solo negozi, centri commerciali, musei, teatri, cinema, luoghi di culto, ma anche stazioni, zone d’accoglienza, sportelli di stabili amministrativi, aziende di servizi e strutture della ristorazione. Per contro, la mascherina non sarà obbligatoria nelle strutture per l’assistenza ai bambini, e nelle aree destinate all’allenamento di strutture sportive e centri fitness.

Dall’obbligo sono esentati i bambini con meno di 12 anni, le persone che, per motivi di natura medica, non possono indossare mascherine, così come gli artisti mentre si esibiscono e gli sportivi durante le competizioni. Il Consiglio di Stato ha inoltre confermato la chiusura dei locali notturni (discoteche, sale da ballo, club, piano bar), estendendo la chiusura anche ai locali erotici.

Per quanto riguarda invece gli eventi con un numero inferiore alle 300 persone, il Governo ricorda che restano valide le misure previste a livello federale e cantonale, con l’obbligo di rispettare i piani di protezione adottati dagli organizzatori. Il Governo precisa che, in caso di vendita di cibo e bevande (buvette), valgono le stesse norme in vigore per la ristorazione (obbligo di consumazione al tavolo e raccolta dei dati). Per le manifestazioni con presenza di oltre 300 partecipanti, pubbliche o private, rimane necessaria l’autorizzazione preventiva del Comune, approvata dal «Gruppo di lavoro grandi eventi» incaricato dal Consiglio di Stato.

In bar e ristoranti è ammessa solo la consumazione seduti al tavolo, al posto assegnato. L’uso della mascherina è obbligatoria anche per il cliente quando entra, ci si sposta o esce dal locale.
È prevista la raccolta dei dati di almeno una persona per ogni tavolo. Il gerente (o il responsabile) deve garantire la correttezza dei dati di contatto rilevati. La registrazione dei dati potrà però essere tralasciata in caso di consumazione veloce, con permanenza nella struttura inferiore ai 15 minuti.

Il personale addetto al servizio deve indossare la mascherina chirurgica o in tessuto certificata, in buono stato, coprendo bocca e naso. Visiere e dispositivi analoghi non possono sostituire la mascherina.
Le strutture della ristorazione devono essere in grado di trasmettere entro due ore al Medico cantonale le informazioni complete sugli avventori di un determinato giorno. L’obbligo vale tra le 7.00 e le 22.00, sette giorni su sette.

Su scala nazionale restano obbligatori l’utilizzo della mascherina sui mezzi pubblici e la quarantena immediata per chi rientra da uno dei Paesi ad alto rischio di contagio, secondo la lista allestita dalla Confederazione. L’uso della mascherina è inoltre fortemente raccomandato quando non è possibile mantenere il distanziamento: ad esempio, nei veicoli privati su cui viaggiano persone non appartenenti alla stessa economia domestica.

Il Governo ricorda, infine, che per gli edifici scolastici e di formazione valgono le disposizioni degli specifici modelli di piani di protezione. Il Consiglio di Stato tiene inoltre a sottolineare che resta fondamentale la responsabilità individuale e il rispetto delle abitudini che abbiamo imparato a conoscere: igiene delle mani, distanziamento fisico e rimanere a casa in caso di sintomi prendendo contatto con il proprio medico.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / BERNA
5 min
Il Covid ci ha "tolto" circa due anni di vita
Il Ticino è tra i cantoni che hanno registrato la diminuzione maggiore dell'aspettativa di vita.
LUGANO
3 ore
«Quanto è meno stressante partorire a casa»
Nel Ticino dove non si nasce più, una levatrice racconta di un "nido" in controtendenza
FOTO
LOCARNESE
14 ore
Camionista nei guai per tutta una serie di infrazioni
Danni e utenti della strada in pericolo nel Locarnese. Ma poi è intervenuto un pedone, togliendo la chiave di avviamento
CHIASSO
18 ore
Muore sul bus da Chiasso: ma non si sa chi è
Un 75enne di identità sconosciuta è deceduto ieri a causa di un malore. Le autorità italiane cercano in Ticino
FOTO
CANTONE
20 ore
«Quel fumo nero che usciva dal portale del San Gottardo»
Ha avuto luogo oggi a mezzogiorno il ricordo delle undici persone che morirono nella galleria il 24 ottobre 2001
LOCARNO
22 ore
Il 20enne che ha sparato resta in carcere
Convalidato l'arresto del giovane dopo i fatti di via Vallemaggia
FOTO
CHIASSO
23 ore
«Un fans club a Chiasso? Non me l'aspettavo proprio»
Miglior giovane all'ultima Vuelta, Gino Mäder è "tornato" nel Mendrisiotto accolto da un fans club nato un po' per caso.
LOCARNO
1 gior
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
1 gior
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
MENDRISIO
1 gior
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile