Deposit
CANTONE
15.10.20 - 18:030
Aggiornamento : 16.10.20 - 09:24

Dall'EOC a BancaStato, cene aziendali e brindisi già annullati

Il settore del catering conferma: «Non ci saranno eventi. Nessuno vuol prendersi la responsabilità di eventuali contagi»

Il direttore dell'Ospedale Civico ai collaboratori: «Nella prima fase della pandemia e fino ad oggi siamo stati molto bravi a limitare i contagi, dovremo esserlo anche nei mesi a venire, rispettando scrupolosamente tutte le direttive e le misure di protezione». Cin cin compresi.

LUGANO - La festa, non è ancora cominciata, è già finita. In questo 2020, struggente come una canzone di Sergio Endrigo, cresce la consapevolezza che i tradizionali momenti aggregativi di Natale e fine anno con i colleghi di lavoro rappresentano un potenziale pericolo di contagio. Focolai da evitare.

Il Civico prudente... - Innanzitutto nelle strutture più sensibili, come ad esempio all’interno dell’Ente ospedaliero cantonale, dove le direzioni ospedaliere hanno deciso di annullare tutte le manifestazioni aggregative. Così all’Ospedale Regionale di Lugano (ORL), non ci sarà la cena di Natale, e alla stessa stregua non verranno organizzati i consueti aperitivi di fine anno e altri incontri conviviali a livello di servizio o di reparto. Pur dispiaciuto, il direttore dell’ORL Luca Jelmoni ricorda, in una lettera ai dipendenti, come «la nostra professione non ci permette di correre il rischio di focolai o quarantene allargate all’interno della nostra organizzazione. Nella prima fase della pandemia e fino ad oggi siamo stati molto bravi a limitare i contagi, dovremo esserlo anche nei mesi a venire, rispettando scrupolosamente tutte le direttive e le misure di protezione».

...come tutto l'EOC - Quanto deciso all’Ospedale Civico non rappresenta ovviamente un’eccezione La politica preventiva dell’EOC procede nella stessa direzione, spiega il responsabile della comunicazione Mariano Masserini: «Non possiamo permetterci di correre rischi, siamo tutti sulla stessa linea. Siamo molto dispiaciuti, ma è una questione di responsabilità e ragionevolezza. Saranno molte, immagino, le aziende che agiranno allo stesso modo. Per l’EOC è di fondamentale importanza garantire sempre la sicurezza dei pazienti e dei collaboratori».

BancaStato non ipoteca la salute - Una prudenza che, in questi giorni, si sta diffondendo in tutti gli ambiti professionali del pubblico e del privato. A inizio ottobre anche BancaStato ha deciso di annullare la tradizionale cena delle festività. In questo caso è anche una questione di numeri, visto che in passato all’evento partecipava una buona maggioranza dei suoi oltre 450 dipendenti. «La tutela della salute di tutti è prioritaria» ricorda la comunicazione al personale. Anche sul fronte privato, un peso massimo come Credit Suisse ha scelto la prudenza: «Vista la situazione particolare, in Ticino abbiamo deciso di non organizzare un evento di fine anno con tutti i collaboratori» conferma la portavoce Gabriela Cotti Musio. 

I catering messi a dieta - A patire di più la situazione, assieme ai ristoranti, è il settore del catering. «La questione è semplice. Non ci saranno eventi» dice con disarmante franchezza Marco Conte, responsabile del catering alla Gabbani di Lugano. «Tutta la stagione è stata difficile. Durante l’estate, ad esempio, siamo stati confrontati con l’annullamento di una ventina di matrimoni». La lista delle cene aziendali di fine anno è desolatamente bianca: «Si percepisce bene che le varie aziende non vogliono prendersi la responsabilità di eventuali contagi tra il personale e in via precauzionale hanno deciso per quest’anno di cancellare tutto». Alla Gabbani fanno buon viso: «Noi lavoriamo bene in tutto quello che è il privato. Piccoli eventi casalinghi, ma le cene grosse sono andate. Si lavora in piccolo». 

Si guarda ormai al 2021 - Hanno lo stesso sapore le dichiarazioni di un altro grosso attore del catering, la Cronoparty & Services di Lugano: «È indubbiamente un grande problema perché viene a mancare una grossa fetta di lavoro» dice il direttore Adriano Del Curto. «Caduti gli eventi di 300-400 persone ci stavamo orientando fino a una decina di giorni fa sui momenti con 80-100 partecipanti. Che sono ancora consentiti. Ma già nel privato, pensiamo ai matrimoni, prevale il timore e l’incertezza, figuriamoci nel pubblico o tra i titolari delle aziende che non vogliono rischiare per una cena. C’è qualche richiesta per Natale, ma ancora a livello di richiesta. In pratica tutto è rinviato al 2021».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
don lurio 1 anno fa su tio
Buona decisione , spero che ai dipendenti al posto delle cene ,brindisi date almeno 150.- di regalo .
seo56 1 anno fa su tio
Iniziative intelligenti
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CHIASSO
3 ore
Muore sul bus da Chiasso: ma non si sa chi è
Un 75enne di identità sconosciuta è deceduto ieri a causa di un malore. Le autorità italiane cercano in Ticino
FOTO
CANTONE
5 ore
«Quel fumo nero che usciva dal portale del San Gottardo»
Ha avuto luogo oggi a mezzogiorno il ricordo delle undici persone che morirono nella galleria il 24 ottobre 2001
LOCARNO
7 ore
Il 20enne che ha sparato resta in carcere
Convalidato l'arresto del giovane dopo i fatti di via Vallemaggia
FOTO
CHIASSO
8 ore
«Un fans club a Chiasso? Non me l'aspettavo proprio»
Miglior giovane all'ultima Vuelta, Gino Mäder è "tornato" nel Mendrisiotto accolto da un fans club nato un po' per caso.
LOCARNO
1 gior
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
1 gior
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
MENDRISIO
1 gior
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
1 gior
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
1 gior
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
1 gior
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile