TiPress - foto d'archivio
CANTONE
15.10.20 - 07:200
Aggiornamento : 11:22

Arriva l'appello: «Mascherine al lavoro e stop agli sport minori»

Franco Denti si esprime sull'aumento dei contagi. «Vogliamo proteggere gli ospedali e consentire il contact tracing».

Sull'influenza rilancia: «Solitamente i bambini sono il vettore principale, si potrebbe considerare il vaccino».

BELLINZONA - Anche in Ticino i contagi da Covid-19 continuano a crescere. Nelle ultime ventiquattro ore 102 persone sono risultate positive al virus e ieri, dopo quattro mesi, si è registrata una nuova vittima. Una situazione che preoccupa anche l’Ordine dei medici del canton Ticino. «Non solo per le cifre cantonali, ma anche per quelle svizzere e dei Paesi vicini - commenta il suo presidente, Franco Denti -. Sappiamo tutti cosa è successo nei mesi passati. È una storia già vista e vorremmo che non si ripetesse».

Lo scenario della scorsa primavera fa paura. «Prima si alzano i numeri dei casi positivi, poi nel giro di due settimane aumentano le ospedalizzazioni e dopo ulteriori tre settimane i ricoveri in cure intense». Ed è proprio la protezione degli ospedali a stare a cuore ai medici. «Stiamo cercando di potenziare i check point. Magari con orari di apertura più lunghi e nel weekend, più personale medico e paramedico - aggiunge Denti -. Abbiamo chiesto una riunione ufficiale con il Consiglio di Stato per cercare di pianificare il più possibile i prossimi mesi, anche a livello ambulatoriale».

E se a fine maggio era stato proprio l’Ordine dei medici a lanciare l’appello sull’utilizzo della mascherina, oggi rilancia: «Che ci sia l’obbligo sui mezzi pubblici e nei negozi va benissimo. Ma bisogna estenderlo ai luoghi chiusi in cui non può essere mantenuta la distanza, anche sul posto di lavoro».

Per il dottor Denti, è fondamentale che il canton Ticino continui a riuscire a gestire il contact tracing. «Se quello non funziona, non riusciremo a isolare più nessuno». La preoccupazione maggiore è legata agli assembramenti: «Certe attività sportive minori oggi io le eviterei. Il servizio di contact tracing viene occupato per giornate intere per partite di calcio di campionati minori». In presenza di sintomi, comunque, «la prima cosa da fare è chiamare il proprio medico curante. Spetta a lui stabilire qual è la cosa migliore da fare», compresa la possibilità di attendere a fare il test. «Anche strisciare troppo presto non risolve il problema».

Per l'influenza stagionale, Denti assicura che l’Ordine dei medici ha pensato in anticipo: «Già a fine maggio abbiamo fatto un appello affinché venissero prenotati più vaccini rispetto agli anni passati. Ad esempio io che nel mio studio ne faccio solitamente un centinaio, ne ho ordinati il doppio. Inizieremo con i pazienti a rischio e gli over 65. Ora speriamo che arrivino, poi faremo le liste. Rimane aperta la grossa incognita sulla vaccinazione antinfluenzale ai bambini, spesso il vettore principale. Secondo me sarebbe una buona idea introdurla».

TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
I tatuaggi, il lusso, il sesso, gli scatti d'ira e quella ragazza con tanti soldi
Morte in hotel: il 32enne accusato di avere ucciso una giovane inglese è davanti alla Corte delle assise criminali.
CANTONE
2 ore
Stabili positivi e ricoverati, ma c'è un nuovo morto
I pazienti Covid restano 19, di cui 7 si trovano in terapia intensiva.
CANTONE
3 ore
«La lentezza degli aiuti da parte delle autorità è costata vite umane»
Le riflessioni del Segretario UNIA Ticino, Giangiorgio Gargantini, a oltre un anno e mezzo dall'inizio della pandemia.
FOTO
BELLINZONA
5 ore
Violento scontro tra auto e muro durante la notte
L'incidente è avvenuto intorno all'una di mattino sulla cantonale.
CANTONE
6 ore
Gioco erotico o assassinio? Al via il processo sul delitto al La Palma
Alla sbarra un 31enne tedesco che dovrà rispondere dell'omicidio della sua compagna inglese di 22 anni.
CANTONE
6 ore
Dal vaccino alla poppata, una traversata lunga 9 mesi
Le risposte del Primario di ginecologia e del Pediatra neonatologo ai dubbi che assillano le donne incinte
CANOBBIO
12 ore
“Tutti in gioco” è sempre più in partita tra divertimento e Vip
 «È una grande gioia» spiega l'ideatrice Simona Gennari «vedere i progressi di tutti gli allievi»
CANTONE
15 ore
«Vogliamo che Agno diventi lo scalo dei furbi?»
Giancarlo Seitz sulla sicurezza dello scalo luganese: «Da due anni non c'è più nemmeno la Polizia cantonale».
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
16 ore
L'estate sta finendo... è arrivata la prima neve
In Ticino il limite delle nevicate è sceso a 2'200 metri. A Goms, in Vallese, qualche fiocco è arrivato a 1'300 metri
LUGANO
18 ore
«Hanno lanciato sassi, per questo gli agenti hanno sparato»
Il Comandante della polizia di Lugano: «Tutta l'operazione si è svolta nel rispetto delle norme di proporzionalità».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile