Keystone
CANTONE
13.10.20 - 06:000
Aggiornamento : 09:57

Troppe foto in cella, Losanna dà ragione al carcere

Un detenuto si rifiuta di togliere le foto affisse fuori dallo spazio consentito e si appella al Tribunale federale

Il direttore Stefano Laffranchini parla del comprensibile desiderio di volere rendere più vivibili le celle, «ma occorre prestare molta attenzione all'aumento del carico di materiale infiammabile».

LUGANO - Si era rifiutato di rimuovere delle fotografie affisse alle pareti e all’armadio della sua cella. E per questo, il 26 ottobre 2019, la direzione del carcere penale della Stampa gli aveva inflitto una multa di 20 franchi, sospendendogli al tempo stesso i benefici di carcerazione connessi al suo regime.

Carta chiama carta - È una vicenda curiosa perché il detenuto ha impugnato la decisione fino alla Corte di diritto penale del Tribunale federale, dopo essersi visto bocciare il reclamo dalla Divisione cantonale della Giustizia e, lo scorso agosto, anche dalla Corte dei reclami penale.

Il rifiuto d'ordine - Tanta carta insomma, fino alla sentenza del giudice di Losanna che, lo scorso 30 settembre, ha dato ragione alla direzione del penitenziario luganese. Il ricorrente non è stato infatti sanzionato disciplinarmente per l’eventuale contenuto sconveniente delle immagini, ma più semplicemente per non aver eseguito l’ordine impartitogli dal personale di custodia. Il Tf parla di ricorso «non motivato in modo sufficiente» e ricorda che per l’affissione di fotografie è riservato un apposito pannello nella cella stessa. 

Il rischio incendio - A spiegarci cosa sta all’origine di una regola che può apparire severa è lo stesso Stefano Laffranchini, direttore delle Strutture Carcerarie Cantonali: «Vi sono persone detenute che devono passare in carcere un lungo periodo ed hanno desiderio di rendere più vivibili le loro celle». A fronte di questo comprensibile voglia di arredo, «d’altra parte - continua Laffranchini - occorre prestare molta attenzione a che nelle celle non aumenti il carico di materiale infiammabile, come ad esempio la carta o altro». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
MELIDE
10 ore
Fiamme da una canna fumaria, pompieri in azione
Il fuoco è stato domato prima che si propagasse al tetto
CANTONE
12 ore
Un paio di cose da sapere quando si prenota la terza dose
Da «Ci si può prenotare anche se vaccinati da meno di 6 mesi?» a «Siamo sicuri che mi danno il farmaco giusto?».
CANTONE
17 ore
Qualche fiocco di neve in arrivo in serata?
Sarà in ogni caso una breve parentesi. Ma la neve, fino a basse quote, potrebbe tornare durante la settimana
Lugano
1 gior
Più Donne chiede delucidazioni sul caso dell'ex funzionario del Dss
Dopo che la loro interrogazione non ha avuto seguito dai vertici, tornano con un'interpellanza che contiene 15 domande
CANTONE
1 gior
I più scattanti con il "booster" agli over16
A questa cifra vanno aggiunte le persone che si sono rivolte alle farmacie e agli studi medici
RIAZZINO
1 gior
Al Vanilla la musica resta spenta
Il Consiglio federale è andato incontro alle discoteche. Ma la struttura di Riazzino mantiene la propria decisione
BELLINZONA
1 gior
Il villaggio natalizio di Bellinzona solo per vaccinati e guariti
Per il mercato del sabato e i mercatini in programma varrà invece l'obbligo di mascherina
Ticino
1 gior
Ecco dove verranno posizionati i radar la prossima settimana
La polizia ricorda che «la velocità elevata permane una delle maggiori cause d'incidenti»
CANTONE
1 gior
La cucciolata che non intenerisce gli allevatori
Il nascita di tre lupacchiotti è «una cattiva notizia» commenta l'associazione per la protezione dai predatori
LUGANO
1 gior
Obbligo di mascherina in centro a Lugano
La misura scatta domani, sabato 4 dicembre, nella zona pedonale della città
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile