Immobili
Veicoli
«Un altro lockdown è evitabile: ecco come fare»
Ti-Press
CANTONE
12.10.20 - 20:040
Aggiornamento : 20:35

«Un altro lockdown è evitabile: ecco come fare»

Il Covid avanza? L'infettivologo Christian Garzoni, ospite di piazzaticino.ch. Guarda il video.

«Rispettiamo le regole e potremo essere sereni. Le cifre di oggi non sono paragonabili a quelle della primavera. E occhio a non farsi condizionare dalla tivù della vicina Italia».

LUGANO - Il Covid-19 è tornato. Di prepotenza. Almeno a livello numerico. Siamo davvero nel pieno della seconda ondata? Lo abbiamo chiesto a Christian Garzoni, infettivologo. Il "dottor coronavirus" della Svizzera italiana è stato ospite su piazzaticino.ch. «È evidente che i numeri sono in aumento. Non sarà comunque un'ondata da tsunami come quella di marzo e aprile». 

Dire, come qualcuno ha fatto, che siamo tornati ai livelli di aprile è assurdo: la maggior parte dei contagiati ha sintomi lievi e gli ospedali sono piuttosto vuoti. 
«La situazione in aprile era completamente diversa. In aprile venivano testate solo le persone gravi che venivano ricoverate. Ora i tamponi sono fatti su tutti i pazienti. La percentuale di persone malate e di quelle che finiranno in cure intense resterà comunque, più o meno, la stessa».

Il consigliere federale Alain Berset non esclude possibili lockdown regionali. La parola lockdown fa paura...
«La chiusura totale in primavera è stata una misura estrema per impedire il blocco degli ospedali. Adesso le condizioni sono differenti. Il virus circola ancora, in maniera diversa rispetto all'estate. Tocca alla popolazione fare il proprio dovere. Se ognuno di noi fa attenzione, non serve alcun lockdown. La metà delle persone che ha un Covid non ha sintomi. Occorre, però, non trasmetterlo agli altri. Lavandosi le mani, tenendo le distanze e usando la mascherina nei luoghi stabiliti». 

Il Covid l'abbiamo conosciuto a fine inverno. Ora l'inverno ce l'abbiamo davanti. Come si fa a non andare in paranoia?
«Ripeto: se tutti fanno attenzione, il rischio è contenuto. È delicato il discorso sulle persone a rischio. So che gli anziani, ad esempio, hanno paura di incontrare gli altri. Ma con i giusti accorgimenti è possibile incontrare chiunque. Se facciamo quello che dobbiamo, noi quest'inverno potremo fare una vita più o meno normale. Dipende veramente da noi e dalla nostra responsabilità individuale».

I ticinesi spesso si fanno condizionare dalla tivù italiana, che ha puntualmente ripreso a fare terrorismo. Meglio cambiare canale?
«Il terrorismo mediatico non serve a nulla. Il tema della comunicazione è importante. Bisogna spiegare in maniera semplice come funziona un'epidemia. Il virus, d'altronde, si trasmette proprio in modo semplice. La paura non ci aiuta a superare un periodo difficile. L'inverno sarà lungo, sarà magari anche logorante. Ma se la popolazione riesce a fare in modo di tenere i numeri bassi, l'economia, la scuola e la vita sociale non si fermeranno». 

Lei è stato uno dei primi in Ticino a parlare di Covid. Ora tutti la cercano. Come vive questa notorietà?
«Avevo una vita appagante già prima. Avrei fatto a meno di questa storia che ci è piombata addosso. Ho comunque assunto volentieri il ruolo di comunicatore. I feedback che ricevo sono buoni. La gente ha bisogno di pochi messaggi, chiari».

Cosa pensa dei negazionisti?
«Credo che ci siano sufficienti elementi per stabilire che il Covid è un problema reale. Ognuno può avere una sensibilità diversa, ci mancherebbe. Non perdo tempo a convincere qualcuno che ha già tutti gli elementi per capire come stanno le cose». 

Parliamo della mascherina? A molti pesa indossarla. Ora è obbligatoria anche nei negozi...
«Capisco che possa non piacere. So che molti la vedono come un grosso fastidio. La mascherina protegge la gente dal Covid e da tutti i virus. Saremo meno malati, dovremo andare meno dal medico. E nella situazione attuale è indubbiamente una buona cosa».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
BELLINZONA
1 ora
Dorme al gelo, lo aiutano e tenta la fuga
Un giovane, al freddo, in un sacco a pelo. È quanto osservato questa mattina di fronte a un negozio in via Henri Guisan
CANTONE/ITALIA
2 ore
Ancora uno sciopero, Tilo fermi domenica in Italia
Disagi per chi viaggerà tra il Ticino e l'Italia domenica. Circoleranno solo gli Eurocity
CANTONE
6 ore
«Don Tamagni si sente come se il mondo gli fosse crollato addosso»
La solitudine del prete in carcere per avere rubato 800.000 franchi. Nonostante tutto, riceve visite e sostegno.
AGNO
15 ore
L'operaio schiacciato da un macchinario è deceduto
Si tratta di un 51enne svizzero domiciliato nel canton Zurigo.
LUGANO
18 ore
Frontaliere, ma «vive in Marocco»
Nuovi dettagli sul caso del presunto prestanome della 'ndrangheta con un piede in Ticino
LUGANO
20 ore
Lugano, dopo anni in calo, diventa più grande
Nel corso del 2021 la popolazione è aumentata di 95 unità.
CANTONE
21 ore
«La cassa nera mi è stata ordinata»
Al Tribunale militare parlano l’ex comandante Antonini e l’ex capo dello stato maggiore delle guardie di confine
RIVERA
22 ore
Un altro weekend di tamponi
Riapre domenica il centro della Protezione civile di Rivera. Ecco dove farsi testare il 28 e 29 gennaio
CANTONE
1 gior
Don Tamagni, proposti sei mesi da scontare, altri 27 sospesi
Tra appropriazione indebita e truffa, il parroco ha estorto oltre 900mila franchi.
CANTONE
1 gior
«L’atto d’accusa è un pasticcio»
Chiesto (e negato) il rinvio del processo nei confronti dell’ex comandante delle guardie di confine Antonini.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile