La pandemia mette a dura prova la nostra salute mentale
Archivio Tipress
CANTONE
09.10.20 - 10:110

La pandemia mette a dura prova la nostra salute mentale

In occasione della Giornata mondiale per la salute mentale, ecco un video per sensibilizzare la popolazione

BELLINZONA - Il 10 ottobre ricorre la Giornata mondiale per la salute mentale, tema particolarmente importante in questo periodo di emergenza sanitaria, contraddistinta da incertezza e stress. Per alcune persone ciò significa fare i conti con ansia, problemi di sonno e depressione. Parlare con una persona di fiducia - professionista o no - e mostrare apertura e comprensione verso chi soffre sono elementi fondamentali per affrontare il disagio. Il Dipartimento della sanità e della socialità (DSS), in collaborazione con Liberalamente (ASI-ADOC), pubblica un video per sensibilizzare la popolazione sulla sofferenza generata da un disagio psichico.

Vivere con un forte disagio e doverlo nascondere per vergogna e paura della reazione altrui è tutt’oggi purtroppo ancora una realtà. Queste persone devono convivere con un’etichetta sociale. Rimane infatti ancora molto diffusa l’idea secondo la quale una persona che soffre di un disagio psichico abbia una qualche responsabilità personale per la propria condizione e che questa dipenda dalla propria (mancanza di) forza di volontà. Queste convinzioni contribuiscono ad aumentare la sofferenza di chi è colpito e dei loro familiari.

Il Ticino è sopra la media - Eppure i disagi psichici hanno una prevalenza molto alta. In Ticino, nel 2017, quasi un quarto (24,3%) della popolazione mostrava sintomi di disagio psicologico da medio a grave, una percentuale molto superiore alla media nazionale (15,1%) (ISS, 2017). Non si tratta di diagnosi cliniche, ma di dati autodichiarati che indicano una sofferenza.

Negli ultimi mesi, con la diffusione della pandemia e il suo importante impatto su abitudini, quotidianità, contatti sociali e in generale sulla vita di ognuno, il benessere psichico delle persone è stato messo a dura prova. Lo dimostrano anche i dati della Hotline psicologica cantonale: nei primi mesi della pandemia, le richieste di sostegno da parte della popolazione sono state oltre 150.

Il primo passo per stare meglio è parlarne con qualcuno: un familiare, un amico fidato, un professionista. Per favorire un intervento tempestivo sono necessarie però una maggiore apertura e comprensione da parte della società. Il DSS si impegna da tempo per contrastare lo stigma legato al disagio psichico, per informare, sensibilizzare e promuovere la salute e il benessere della popolazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
6 ore
Scomparso Haylem Sissaui
È dal 22 di luglio che non si hanno sue notizie
LUGANO
8 ore
Abusi all'ex Macello: «Ha macchiato la vita di un bambino»
Condannato a 30 mesi e a una terapia stazionaria un 24enne del luganese
CANTONE / BERNA
8 ore
Le antiche faggete patrimonio dell'UNESCO
La foresta della Valle di Lodano è già oggi una riserva integrale.
LUGANO
9 ore
«Il tetto è caduto all'improvviso»
Il maltempo ha fatto solo danni, fortunatamente. Anche alla stazione di servizio Coop di Pambio-Noranco
CANTONE
10 ore
«Le tragedie del 2014 ci hanno fatto cambiare approccio»
Il primo bilancio dei danni del maltempo con il direttore del Dipartimento del territorio, Claudio Zali
LUGANO
13 ore
Servizio gratuito via lago fra Lugano e Porlezza
Il trasporto lacuale è stato rapidamente organizzato in risposta alla chiusura della strada fra Gandria e il confine.
FOTO
LUGANO
16 ore
Pensilina Coop crollata, non ci sono feriti
È il bilancio di quanto accaduto stamattina attorno alle 9.30 al nuovo benzinaio di Pambio-Noranco
CANTONE
17 ore
Altri 28 casi in Ticino, i ricoverati restano 12
Nel reparto di cure intense si trovano attualmente 4 persone. Ancora a zero i decessi.
MENDRISIO
19 ore
Una notte di (relativa) quiete dopo la tempesta
«Abbiamo terminato gli interventi e nella notte non abbiamo ricevuto nessuna richiesta», spiega Alberto Ceronetti.
CANTONE
22 ore
Pronto, centro vaccini? Due ore senza risposta
I tempi di attesa per parlare con il numero verde cantonale possono essere molto lunghi. Colpa delle vacanze?
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile