tipress
CANTONE/SVIZZERA
08.10.20 - 12:100
Aggiornamento : 16:10

«Preparava un attentato per conto dell'Isis»

Condannato a Bellinzona un 52enne iracheno residente nel canton Turgovia

BELLINZONA - Il Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona ha condannato a 5 anni e 10 mesi di carcere un 52enne iracheno per sostegno all'Isis e appartenenza e un'organizzazione criminale.

La decisione è più clemente rispetto ai 6 anni e 9 mesi richiesti dal Ministero pubblico della Confederazione (MPC). Respinta la richiesta di internamento. La difesa puntava invece all'assoluzione dai principali capi d'accusa e a una pena pecuniaria di 170 aliquote giornaliere da 30 franchi. Il dibattimento ha avuto luogo in settembre.

Secondo il TPF, l'imputato è stato attivo «con un ruolo multifunzionale e con un grande impiego di tempo» per il sedicente Stato islamico. «Era un membro attivo dell'Isis e un quadro di livello intermedio», ha dichiarato il giudice Martin Stupf.

L'uomo è stato condannato per aver agito a più riprese dalla Svizzera per conto dell'Isis, ma l'accusa di preparazione di attentato suicida è stata respinta. Secondo la corte, si tratta di pura speculazione.

Il procedimento - L'imputato, arrestato nel maggio 2017 nel canton Turgovia, era stato posto in detenzione. Vive in Svizzera da 22 anni ma «non ha mai avuto lavori regolari», ha sottolineato il procuratore durante il procedimento.

La difesa aveva dal canto suo sostenuto che su oltre 26'000 messaggi esaminati per il processo ne sono stati estrapolati solo alcuni, giungendo a conclusioni errate. Per questo motivo è stata chiesta l'assoluzione dalle imputazioni più importanti, come quella di affiliazione ad un'organizzazione criminale.

L'imputato, dal canto suo, aveva negato ogni partecipazione ad attività terroristiche. Respingendo tutto l'incarto dell'accusa, aveva dichiarato che «gli elementi sono falsi e non hanno niente a che vedere con la realtà».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
3 ore
Brucia l'auto del medico: condannato
Un 58enne se l'era presa per un'operazione «andata male». Ed è finito davanti al giudice
LUGANO
5 ore
È la sola al mondo ad avere quella malattia: lo scopre dopo 7 anni
L’incredibile percorso di Silvia Arioli, classe 1982: «Ho trovato la verità solo perché sono caparbia e “del mestiere”».
LUGANO
7 ore
Delitto alla pensione La Santa: l'accusa è assassinio
Il 34enne austriaco dovrà rispondere davanti al giudice dei fatti avvenuti lo scorso 17 dicembre a Viganello.
PAMBIO-NORANCO
8 ore
Sparisce un'urna tra le lapidi
Cimitero profanato. La denuncia è stata confermata da Marco Regazzoni, comandante della Polizia Ceresio Sud.
CANTONE
8 ore
Sfruttamento della prostituzione: arresti confermati
Due soggetti, già finiti in manette, avrebbero gestito un giro di "lucciole" presso diversi appartamenti.
CANTONE
8 ore
Pazienti oncologici col coronavirus monitorati a distanza
Si tratta di un progetto pilota dello IOSI, premiato al congresso della Società svizzera di ricerca sul cancro
CANTONE
8 ore
Salario minimo: sarà «fisso, garantito e prevedibile»
Il Governo adotta il nuovo regolamento. Viene anzitutto specificata la nozione di “stagista”
CANTONE
10 ore
Rientrano in gioco anche i cinque procuratori "bocciati"
La Commissione Giustizia e diritti ha proposto al Parlamento 27 nomi ritenuti idonei alla carica di procuratore pubblico
CANTONE
12 ore
«Messi in circolazione 2'000 chili di canapa e hashish»
Avviata nel 2017, l'indagine è stata condotta dalla Polizia cantonale in collaborazione con agenti spagnoli e italiani.
CANTONE
13 ore
Altri quattro decessi in Ticino, 128 i nuovi positivi
Da inizio pandemia sono 542 le vittime del coronavirus nel nostro cantone.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile