tipress
CANTONE/SVIZZERA
08.10.20 - 12:100
Aggiornamento : 16:10

«Preparava un attentato per conto dell'Isis»

Condannato a Bellinzona un 52enne iracheno residente nel canton Turgovia

BELLINZONA - Il Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona ha condannato a 5 anni e 10 mesi di carcere un 52enne iracheno per sostegno all'Isis e appartenenza e un'organizzazione criminale.

La decisione è più clemente rispetto ai 6 anni e 9 mesi richiesti dal Ministero pubblico della Confederazione (MPC). Respinta la richiesta di internamento. La difesa puntava invece all'assoluzione dai principali capi d'accusa e a una pena pecuniaria di 170 aliquote giornaliere da 30 franchi. Il dibattimento ha avuto luogo in settembre.

Secondo il TPF, l'imputato è stato attivo «con un ruolo multifunzionale e con un grande impiego di tempo» per il sedicente Stato islamico. «Era un membro attivo dell'Isis e un quadro di livello intermedio», ha dichiarato il giudice Martin Stupf.

L'uomo è stato condannato per aver agito a più riprese dalla Svizzera per conto dell'Isis, ma l'accusa di preparazione di attentato suicida è stata respinta. Secondo la corte, si tratta di pura speculazione.

Il procedimento - L'imputato, arrestato nel maggio 2017 nel canton Turgovia, era stato posto in detenzione. Vive in Svizzera da 22 anni ma «non ha mai avuto lavori regolari», ha sottolineato il procuratore durante il procedimento.

La difesa aveva dal canto suo sostenuto che su oltre 26'000 messaggi esaminati per il processo ne sono stati estrapolati solo alcuni, giungendo a conclusioni errate. Per questo motivo è stata chiesta l'assoluzione dalle imputazioni più importanti, come quella di affiliazione ad un'organizzazione criminale.

L'imputato, dal canto suo, aveva negato ogni partecipazione ad attività terroristiche. Respingendo tutto l'incarto dell'accusa, aveva dichiarato che «gli elementi sono falsi e non hanno niente a che vedere con la realtà».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
7 ore
Strappa la collanina, scatta l'arresto
Riaperte le discoteche in seguito alle chiusure Covid, si sono riaffacciati anche i malviventi
CENERI
10 ore
Testa-coda sul Ceneri
Incidente sulla Cantonale oggi a mezzogiorno. La polizia è sul posto
LUGANO
1 gior
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
1 gior
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CADENAZZO
1 gior
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
CANTONE
1 gior
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
1 gior
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
RIAZZINO
1 gior
Al Vanilla si torna a ballare
Il reopening, a lungo rimandato a causa della pandemia, è previsto per il 9 ottobre prossimo.
LOCARNO
1 gior
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
2 gior
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile