Tipress
CANTONE
07.10.20 - 20:090
Aggiornamento : 08.10.20 - 07:04

«È una crescita decisa, non un incidente di percorso»

Il medico cantonale Giorgio Merlani si dice piuttosto preoccupato per la situazione epidemiologica nel nostro cantone.

E sui nuovi contagi spiega: «Sono casi che appaiono qua e là e non riconducibili a un focolaio chiaro» I motivi? «Potrebbero essere l'abbassamento delle temperature e le vacanze autunnali». Domani attese nuove misure.

BELLINZONA - La situazione epidemiologica nel nostro cantone si sta facendo vieppiù complicata. Dopo i 17 casi registrati ieri, il numero dei contagi oggi ha toccato quota 39. Una cifra che non si vedeva da diverso tempo. Il Ticino, insomma, ha perso il suo status di «isola felice» e come il resto del Paese - oggi in Svizzera sono state contabilizzate ben 1'077 nuove infezioni - deve confrontarsi con un ritorno di fiamma della pandemia.

Crescita esponenziale - Un ritorno che, naturalmente, preoccupa anche il medico cantonale Giorgio Merlani. «Siamo di fronte a una crescita esponenziale, non a un incidente di percorso. Un aumento netto che però non è riconducibile a un focolaio chiaro. Sono casi che appaiono qua e là e che si inseriscono bene, o forse dovrei dire male, con quello che sta accadendo a livello federale. La quantità dei casi in cui non riusciamo ad avere una spiegazione dove le persone si sono infettate è in crescita».

Basse temperature e turisti - A preoccupare Merlani, insomma è la velocità dell'aumento unita al fatto di non avere una chiara spiegazione del fenomeno. «Abbiamo delle ipotesi», sottolinea il medico cantonale. «Da un lato il crollo delle temperature ci ha costretto a rinchiuderci in casa, dove il rischio di trasmissione è sicuramente più alto. Dall'altro potrebbero avere influito le vacanze d'autunno che hanno portato a una maggior mobilità in Svizzera, provocando un aumento della massa di virus circolante».

Contact tracing sotto pressione - I numeri in aumento creano poi un'ulteriore problematica. Ovvero quella di mettere i bastoni tra le ruote al contact tracing che secondo quanto sosteneva la Confederazione andava attuato sotto i cento casi giornalieri a livello nazionale. «Le capacità - sottolinea Merlani - sono già decuplicate e bisogna vedere fino a dove possiamo arrivare. Quello che stiamo facendo attualmente in Ticino è tracciare tutti i positivi e mettere in quarantena i loro contatti». Alcuni cantoni particolarmente sotto pressione hanno però nel frattempo allentato questa modalità. «Per noi è molto importante mettere il maggiore sforzo possibile nel tracciare per poter rallentare e contenere l'andamento dell'epidemia. Per questo ringrazio molto i ragazzi attivi nel team di contact tracing». 

Misure vecchie e nuove - Le autorità sanitarie stanno valutando anche alcune contromisure, ma per ora Merlani non si sbilancia. È infatti il governo che valuta la questione e domani dovrebbe informare la popolazione sulle nuove misure che verranno messe in atto. «Attualmente il Ticino, se paragonato con l'Italia, ha misure molto blande», ricorda Merlani. «Possiamo quindi alzare un po' l'asticella senza introdurre provvedimenti troppo stringenti». Per il medico cantonale, poi, è importante mettere in atto le misure che abbiamo imparato a conoscere con il tempo. «Dobbiamo tornare a fare bene quello che già facevamo. Distanziamento, lavarsi spesso le mani e indossare la mascherina dove è richiesto. Così facendo potremo evitare di prendere contromisure più restrittive come in Paesi a noi vicini».

«Soffocare la crescita esponenziale» - Relativamente tanti casi, ma per ora le persone ricoverate, quattro, restano fortunatamente poche rispetto ai mesi di marzo e aprile. Ma qual è la spiegazione? «Attualmente la maggioranza dei casi positivi si registra tra i giovani. E oggi testiamo tutti coloro che hanno sintomi compatibili, anche lievi. Per questo gli ospedalizzati sono relativamente pochi».  Merlani, a ogni modo, non può escludere un aumento in futuro. «Le misure che mettiamo in atto sono proprio per evitare una crescita che potrebbe portare a tantissimi casi e di conseguenza anche a qualche decorso grave della malattia. L'obiettivo è quindi soffocare sul nascere l'aumento esponenziale, perché una volta che l'onda è partita fermarla è molto difficile e si rischia di andare a toccare le persone fragili e aumentare la probabilità di avere decorsi gravi».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lollo68 1 anno fa su tio
Vedo gente che si soffia il naso e non lava o disinfetta le mani poi tocca varie superfici. Mi dà meno fastidio una persona che non indossa la mascherina. Chi disinfetta le mani quando entra nei negozi? Ne vedo tanti che non lo fanno e non penso che abbiano usato il loro disinfettante prima di entrare.
pillola rossa 1 anno fa su tio
Da un lato il crollo delle temperature ci ha costretto a rinchiuderci in casa, dove il rischio di trasmissione è sicuramente più alto. Dall'altro potrebbero avere influito le vacanze d'autunno che hanno portato a una maggior mobilità in Svizzera, provocando un aumento della massa di virus circolante... il rischio è maggiore in casa, però la colpa è dei confederati che sono venuti in Ticino... ma non ci vogliono due settimane di incubazione? Non se ne può più di questa caccia alle streghe. Fomentatore di odio
lollo68 1 anno fa su tio
Più che l'uso della mascherina che non reputo importante se si tiene la distanza e si permane poco in un luogo, sarebbe più importante controllare che la gente si disinfetti le mani. Oggi 3 persone sono entrate più o meno al mio stesso momento all'Aldi di Giubiasco e nessuno di loro ha disinfettato le mani eppure hanno toccato cestini ed altri prodotti che non per forza hanno comprato. In una Coop invece bisogna quasi salire sulla merce per raggiungere il disinfettante. In altri negozi è nascosto e quindi uno si dimentica di disinfettare le mani.
seo56 1 anno fa su tio
Si ma decidete però...
tip75 1 anno fa su tio
beh con tutta crucchilandia qui senza mascherine..cosa ci si aspettava?non si riesce a capire perché bisogna aspettare che il vaso trabocchi per dare tre regolette obbligatorie in tutta l europa, maschera al chiuso distanza e igiene, invece no continuiamo a farla fuori dal vaso..
Nano10 1 anno fa su tio
Smettetela di terrorizzare la gente, invece di dare questo tipo di notizia più volte al giorno, sarebbe più opportuno fare un resoconto settimanale.
bami57 1 anno fa su tio
Più leggo notizie e più mi convinco che qualcosa quadra sempre meno....
MrBlack 1 anno fa su tio
50 casi in due giorni è proprio niente che lega almeno una decina di loro...evento sportivo...feste famigliari...qualcosa che faccia capire dove ha senso prendere misure. Altrimenti non ha molto senso prendere misure “a casaccio”.
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LOCARNO
1 ora
Sparo in un appartamento, una donna ferita
Scompiglio in Via Vallemaggia. Fermate due persone. Isolata l'intera zona.
MAROGGIA
5 ore
I segreti delle impronte digitali
Perché tanta gente comune è attratta da questo tema? Lo spiega Federica Keller, esperta in analisi delle mani.
CANTONE
6 ore
Quei nomi che mettono “a rischio” la reputazione della Supsi
Vanno e vengono tra la Supsi e la tanto discussa Fidinam coinvolta nei Pandora Papers
FOTO
MASSAGNO
7 ore
Svelato il nuovo look del Lux
Da domani il cinema di Massagno sarà nuovamente aperto al pubblico dopo la ristrutturazione.
MENDRISIO
10 ore
Sfonda la vetrina con il Suv
Incidente questa mattina davanti alla stazione di Mendrisio. Un brutto spavento, ma nessun ferito
CONFINE
12 ore
Turisti del tampone, oltre frontiera per risparmiare
In Germania costa 14 euro, in Italia 15. Ma c'è chi per i ticinesi rialza il prezzo anche del 60 per cento
CANTONE
13 ore
Covid, i pazienti in cure intense salgono a due
I ricoverati a causa del virus restano nove.
CANTONE
14 ore
Meno auto, moto, bus e treni (ma più biciclette)
Il Dipartimento del territorio ha pubblicato oggi il rapporto "La mobilità in Ticino nel 2020".
LOCARNO
15 ore
«Volevo aiutare i "piccoli" a sopravvivere»
Economia e Covid: ecco come e perché Katia Roncoroni, 50enne di Losone, si è reinventata influencer marketing.
CANTONE
17 ore
Meno di 30 anni e già con il fegato compromesso
La pandemia ha acutizzato le dipendenze da alcol, che possono sfociare in gravi problemi di salute.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile