tipress
Maurizio Canetta.
CANTONE
06.10.20 - 17:580
Aggiornamento : 07.10.20 - 07:02

Licenziamenti in RSI. Canetta: «Tempi difficili per la tv»

Il direttore della Rsi Maurizio Canetta sui tagli annunciati oggi. «Un male per l'azienda. E non è colpa del Covid».

COMANO - La doccia fredda era attesa almeno da martedì scorso, quando il consiglio direttivo da oltre Gottardo ha annunciato una "cura da cavallo" a livello nazionale. Oggi, l'annuncio: in Ticino la tv pubblica dovrà sopprimere 34 impieghi, oltre agli 11 tagliati a febbraio.

 Triste compito per il direttore Maurizio Canetta, che andrà in pensione a fine anno. «Certo, avrei preferito concludere il mandato in un altro modo» confessa. «Ma chi fa il direttore di questi tempi deve mettere in conto situazioni simili. Non potevo lasciare la palla al successore». 

«Tempi difficili» quindi, ma non è tutta colpa del virus. Tanto che «le prime misure sono state prese all'inizio di quest'anno». Canetta non si nasconde dietro al Covid. «I tagli annunciati sono dovuti al trend pubblicitario e non sono riconducibili alla pandemia, anche se certo ha dato un brutto colpo».

I settori interessati? Verranno definiti «a seguito di un'analisi attenta dell'offerta» chiarisce il direttore. «Per ogni programma verranno valutati costi, successo e aderenza al mandato pubblico. In base a una valutazione complessiva su questi elementi saranno decisi i tagli». Ma che alcuni programmi dovranno essere tagliati «è fuori di dubbio», assicura Canetta.

Non verrà risparmiata nemmeno l'informazione, come richiesto domenica dal Partito socialista in una lettera aperta al governo. «L'importanza dell'informazione è sacrosanta e l'abbiamo visto durante questi mesi, ma anche qui dovremo rivedere i processi di fabbricazione del prodotto» conclude il direttore.

Quanto alle critiche mosse dal sindacato Ssm, che ha accusato l'azienda di «far pagare la crisi al personale», Canetta non ci sta. «I tagli fanno male all'azienda, è innegabile. Ma abbiamo sempre toccato in misura maggiore altre voci, come le spese in tecnologia, in immobili, in consulenze. E così faremo anche adesso». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
3 ore
Strappa la collanina, scatta l'arresto
Riaperte le discoteche in seguito alle chiusure Covid, si sono riaffacciati anche i malviventi
CENERI
6 ore
Testa-coda sul Ceneri
Incidente in A2 oggi a mezzogiorno. La polizia è sul posto
LUGANO
1 gior
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
1 gior
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CADENAZZO
1 gior
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
CANTONE
1 gior
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
1 gior
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
RIAZZINO
1 gior
Al Vanilla si torna a ballare
Il reopening, a lungo rimandato a causa della pandemia, è previsto per il 9 ottobre prossimo.
LOCARNO
1 gior
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
2 gior
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile