Immobili
Veicoli
Tipress
COMANO
06.10.20 - 17:270

«Ancora risparmi, il personale non ne può più»

Il sindacato svizzero dei mass media reagisce alla notizia di ulteriori 34 posti soppressi alla RSI.

E rivendica l'apertura di una nuova procedura di consultazione.

COMANO - «Ancora misure di risparmio alla RSI. Il personale non può pagare ancora il prezzo più alto!». Il Sindacato svizzero dei mass media SSM ha preso atto «con preoccupazione» delle misure di risparmio previste dalla SSR, che a livello regionale saranno applicate anche alla RSI. Misure che andranno a toccare in modo pesante il personale, con la prospettata soppressione di 45 posti di lavoro (di cui 11 già effettuati) e un risparmio di 8 milioni sull’arco di tre anni.

«Dal 2016 la RSI ha già attuato una riduzione di circa 130 posti di lavoro a tempo pieno», lamenta il sindacato, che sottolinea come per i dipendenti questi nuovi tagli significano che sarà richiesto nuovamente di produrre di più con meno risorse e meno mezzi, e conseguentemente il carico di lavoro aumenterà ancora. «Una situazione che avrà un ulteriore impatto negativo sulla qualità del lavoro e del servizio offerto al pubblico». Per il sindacato un ulteriore rischio è che la RSI, per ridurre i costi d’esercizio legati al personale, affidi sempre più lavoro ad aziende esterne, «generando ulteriore precariato ed aggirando di fatto le prestazioni previste per le collaboratrici e i collaboratori sottoposti al Contratto collettivo di lavoro».

Il sindacato SSM ritiene che nel contesto attuale «nemmeno un solo posto di lavoro dovrà andare perso prima che si metta mano agli sprechi, ai doppioni, ai progetti inutili e secondo il principio della simmetria dei sacrifici anche i quadri dovranno fare la loro parte rinunciando a qualche privilegio ingiustificato». Il sindacato rivendica inoltre l’apertura di una nuova procedura di consultazione a livello nazionale e regionale, affinché si possano individuare misure di risparmio alternative ai tagli di personale.

 

L'Atg chiede di preservare dai tagli il settore dell'informazione
I tagli alla Rsi preoccupano anche l'Associazione ticinese dei giornalisti. L'Atg sottolinea «la necessità di preservare il più possibile i posti di lavoro nel settore dell’informazione, vera colonna portante dell’azienda. E per informazione si intende anche quella culturale e sportiva. E si intendono anche tutte le professioni tecniche che hanno a che fare con questo settore». Un ambito, continua il comunicato stampa, in cui «si fa presto a dire “qualità” ma che necessita delle giuste condizioni di lavoro per poter non solo mantenere ma se possibile anche accrescere la qualità del prodotto giornalistico, sui vari vettori dell’azienda. Un impegno che deve poter coinvolgere anche il settore dell’approfondimento e delle inchieste giornalistiche, che proprio per i mezzi che richiede – umani e finanziari – rischia di essere tra i primi a venir sacrificati». Nella stessa nota, l'Atg richiama l'attenzione sulla mozione interpartitica in aiuto dei media presentata a febbraio: «Da allora, a quanto ci è dato di sapere, nulla si è mosso». Da qui l'esortazione al «mondo politico a non abbandonare a sé stesso il settore dei media locali, struttura portante del dibattito democratico nel nostro Paese».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
11 ore
Tassisti luganesi nel limbo
Non sono ancora stati evasi i ricorsi contro il concorso per i nuovi taxi A. La Città chiede l'effetto sospensivo
LUGANO
12 ore
Anche in Ticino, previsti aumenti fino al 50%
Il presidente dell'Azienda elettrica ticinese: «Mai mi sarei aspettato una situazione e dei prezzi simili»
VALLE DI BLENIO
13 ore
Al lupo al lupo anche a Olivone
Avvistamenti e predazioni in Valle di Blenio: gli abitanti scrivono al governo
CANTONE
13 ore
Unitas, l'auto-indagine «non è opportuna»
Il Cantone ha rilevato l'audit esterno, e risponde ad alcuni interrogativi sui casi di molestie
CANTONE/SVIZZERA
17 ore
Importati dei pulcini (infetti) in Ticino
Gli animali sono stati soppressi e l'azienda responsabile è stata posta sotto sequestro
AIROLO
18 ore
Al Gottardo 9 km di turisti
È iniziato l'esodo verso Sud. Con le inevitabili conseguenze sul traffico
CANTONE
22 ore
Sempre meno pazienti Covid negli ospedali ticinesi
Nelle ultime ventiquattro ore nel nostro cantone sono stati registrati 76 nuovi contagi
TAVERNE
23 ore
Un fallitore "smascherato"
A Taverne un'azienda di mascherine ha chiuso tra le polemiche in aprile. L'Ocst chiede il fallimento
CONFINE
1 gior
Il cantiere è in pausa, gli automobilisti respirano
Come promesso, stop ai lavori sull'A9. Ma a settembre sono già stati pianificati nuovi interventi
CANTONE
1 gior
«L'originale Streetfood festival siamo noi. E siamo tornati»
Dopo due anni di stop, questo weekend il giro del mondo culinario ritorna in Ticino.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile